taskforce-cultura-il-certificato-covid-non-sia-obbligatorio
Piazza Grande a Locarno durante il Festival del cinema del 2016 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
9 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
12 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
12 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
17 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
21 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
22 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
22 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
22 ore

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
1 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
1 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
1 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
1 gior

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
2 gior

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
2 gior

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
2 gior

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Culture
2 gior

A Biasca, in Biblioteca, l’azione scenica di Nando Snozzi

Domenica 26 settembre alle 18 il primo schizzo di quello che sarà lo spettacolo del progetto ‘Ipotesi per l’ultima spiaggia, dove l’arte ha il dono dell’ubiquità’
Culture
2 gior

‘Tutt’orecchi’, il podcast di letteratura per ragazzi

Prodotto dall’Istituto Svizzero Media e Ragazzi, ogni primo del mese offre il meglio della letteratura per l’infanzia su tutte le maggiori piattaforme
Culture
08.06.2021 - 14:100
Aggiornamento : 19:48

Taskforce Cultura: il certificato Covid non sia obbligatorio

L'associazione degli operatori culturali chiede che l'utilizzo del certificato Covid per gli eventi sia una soluzione temporanea, e che ci siano delle alternative

La Taskforce Cultura si mostra critica nella propria presa di posizione odierna sul certificato Covid e il suo utilizzo nel quadro della ripresa dei grandi eventi. Da una parte, viene riconosciuto che esso gioca "un ruolo importante per quel che concerne i viaggi interazionali, soprattutto per le professioniste e i professionisti della cultura". Al riguardo si puntualizza come, secondo gli operatori culturali, se messo in atto "in modo pragmatico e per una fase transitoria breve e ben definita nel tempo", può facilitare la ripresa di alcuni tipi di manifestazioni culturali pubbliche, come per esempio i grandi eventi o le manifestazioni di danza nei club. Dall'altra parte, però, si chiede che non vengano svantaggiati economicamente quei settori della cultura che rifiutano l'idea di manifestazioni destinate unicamente a un pubblico certificato. "Sulla base di queste considerazioni non sarà possibile trovare una soluzione completamente uniforme per tutti i settori e tutti i tipi di eventi, e questo deve essere rispettato dalle autorità" osserva la Taskforce Cultura, dichiarando di prendere "in parola" le dichiarazioni del Consiglio federale secondo il quale, non appena si raggiungerà la terza delle tre fasi del modello previsto dall'esecutivo (presumibilmente nel settembre 2021), verranno progressivamente abbandonati tutti i requisiti per la realizzazione di eventi. Fino ad allora, la Taskforce chiede che si possa continuare a organizzare manifestazioni culturali sulla base di piani di protezione convenzionali escludendo l'obbligatorietà del certificato.

Nessuna esclusione – accesso alla cultura per tutti

Il certificato Covid, nell'opinione della Taskforce, non deve portare all' «esclusione culturale» di determinate categorie di persone, ad esempio dei giovani che non possono ancora essere vaccinati. "Occorre pertanto garantire fin dall'inizio che tutte le categorie di persone possano ottenere un certificato senza difficoltà, indipendentemente da determinate caratteristiche o dal loro status (per esempio accettando anche documenti d'identità non ufficiali)", prosegue il comunicato. I firmatari della presa di posizione chiedono inoltre un accesso gratuito e a bassa soglia ai test qualificati,  compresi i test sierologici per il rilevamento del livello degli anticorpi, e che i Cantoni garantiscano la capacità di testare per far fronte a un aumento della richiesta, ad esempio in previsione di un grande evento.

Libertà di scelta sul metodo

"Per le stesse ragioni, gli organizzatori di eventi devono essere liberi di scegliere se vogliono utilizzare il certificato, o se invece preferiscono mantenere i concetti di protezione convenzionali", osserva la Taskforce Cultura, secondo cui l'utilizzo del certificato Covid da parte di un organizzatore di eventi dovrebbe esonerare dalla messa in atto di ulteriori misure come le mascherine obbligatorie, il distanziamento, le restrizioni sulla capienza o il consumo unicamente presso i posti a sedere. A titolo di esempio, viene riportato  l'Eurovision Song Contest 2021 con 3.500 persone senza mascherine in una sala di 3.500 posti. Regola, questa, da applicare uniformemente a tutti gli eventi, indipendentemente dal numero di persone che vi partecipano.

Mantenimento delle misure di compensazione

La Taskforce Cultura postula inoltre che rimanga comunque in vigore, senza esclusioni, il diritto alle misure di compensazione su cui fanno affidamento gli organizzatori di eventi e gli operatori culturali, dato che "in ogni caso, ci vorranno diversi mesi prima che il settore culturale torni a «regime normale»".

Limite di tempo chiaro e più breve possibile

Viene ribadita, dal punto di vista del settore culturale, la necessaria transitorietà e temporaneità, fino alla fase di normalizzazione, della soluzione basata sul certificato Covid, che "non ha spazio in un prevedibile ritorno alla normalità, così come non lo ha nessuna delle altre misure".

Altre questioni aperte

Infine, vengono citate altre questioni aperte di natura pratica, come: "l’approvazione di autotest affidabili; la presa in considerazione e la copertura dei costi dei test per il rilevamento del livello degli anticorpi; l’effettiva capacità dei Cantoni di fornire una quantità di test sufficienti per far fronte all’affluenza prima dei grandi eventi (anche per evitare che le persone debbano essere testate più volte durante gli eventi che durano diversi giorni, così come il personale che lavora all'evento)". Dal punto di vista del settore culturale, "nel caso in cui si utilizzi il certificato Covid eventuali costi per infrastrutture e personale supplementari o per l’esecuzione dei test devono essere coperti dalla Confederazione e/o dai Cantoni". Si chiede infine che gli organizzatori vengano sollevati da ogni responsabilità nel caso in cui un/un’ospite dovesse presentare un certificato Covid falso e/o se dovessero verificarsi infezioni durante l’evento.

 

 

  • Il certificato Covid è un documento che avrà importanza soprattutto come base per consentire i viaggi internazionali, cosa che vale anche per lavoratrici e lavoratori del settore culturale.
  • Il suo utilizzo nel settore culturale in Svizzera è accettabile al massimo in una fase transitoria molto breve e chiaramente definita, e non può in nessun caso essere l'unica soluzione per l‘organizzazione e la partecipazione a manifestazioni culturali.
  • Se implementato in modo pragmatico il certificato Covid può rendere di nuovo possibile in tempi rapidi la realizzazione di grandi eventi e di manifestazioni di danza nei club.
  • Per gli organizzatori di manifestazioni culturali deve rimanere in vigore la possibilità di organizzare eventi utilizzando piani di protezione convenzionali, sull’utilizzo del certificato Covid non vi deve essere alcun’obbligatorietà.
  • Un’eventuale decisione di non utilizzare il certificato Covid non deve far perdere agli organizzatori la possibilità di accedere alle misure di compensazione.
  • Nel caso in cui si utilizzi il certificato Covid non devono essere imposti ulteriori requisiti come limiti di capienza, possibilità di consumare unicamente da seduti e obbligatorietà delle mascherine igieniche.
  • L’emissione del certificato Covid dev’essere facile e rapida (anche con poco preavviso).

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved