per-il-certificato-covid-potrebbe-non-bastare-piu-fare-il-test
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
3 ore

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
5 ore

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
5 ore

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
6 ore

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
7 ore

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
7 ore

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
11.10.2021 - 11:16
Aggiornamento : 13:43

Per il certificato Covid potrebbe non bastare più fare il test

Per la presidente della task-force Tanja Stadler, nel caso la situazione peggiori il certificato potrebbe essere rilasciato solo a vaccinati o guariti

In caso di peggioramento della situazione sul fronte pandemico il certificato Covid potrebbe essere limitato alle persone vaccinate o guarite dalla malattia: lo afferma Tanja Stadler, presidente del gruppo di esperti che consiglia il governo federale sul tema.

“Malgrado un approccio 3G“ (dal tedesco geimpft, genesen, getestet: cioè vaccinato, guarito, testato) "possono verificarsi importanti focolai in occasione di grandi eventi, come abbiamo visto in Olanda in estate o ai campionati europei di calcio”, afferma la professoressa del Politecnico federale di Zurigo in un’intervista pubblicata oggi dal Blick. "I test non sono mai affidabili al 100%”, afferma la specialista in matematica e biologia statistica.

Più in queste manifestazioni vi sono persone testate, maggiore è il rischio di uno sviluppo dell’epidemia. Per far fronte alla situazione “ci sono varie opzioni: vietare del tutto gli eventi, accettare le infezioni e un possibile sovraccarico del sistema ospedaliero, oppure inasprire le regole". Quest’ultimo approccio può essere raggiunto "da un lato con maschere e distanza o dall’altro affidandosi all’approccio 2G invece di 3G”. Con 2G si intende: geimpft o genesen, cioè vaccinati o guariti, escludendo cioè chi si sottopone al tampone.

“È una delle opzioni, nel caso che la situazioni si aggravi”, afferma l’esperta di nazionalità tedesca nell’intervista in cui affronta peraltro anche altri argomenti legati al tema, a cominciare dall’apertura del vaccino ai bambini sotto i 12 anni.

Rischio ospedali pieni

Tanja Stadler sottolinea al Blick il rischio dell’aumento dei casi durante la stagione fredda, dovuto al fatto che solo il 60% della popolazione svizzera è completamente vaccinata, e dunque c’è un’alta probabilità che molti di coloro che non sono vaccinati si infettino entrando in contatto con la variante Delta, molto virulenta, e che peggiori rapidamente la situazione degli ospedali già relativamente pieni, ciò che, secondo Tanja Stadler, costituirebbe un problema anche per i vaccinati.

La presidente della task-force non si è sbilanciata più di tanto in una previsione sulle vacanze di Natale, sottolineando che però la situazione sembra buona per i vaccinati o guariti. Questo a meno dell’emergere di una nuova variante che sfugga alla copertura vaccinale.

Leggi anche:

Presto un vaccino per i bambini sotto i 12 anni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid svizzero tanja stadler task-force test covid vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved