ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
LIVE

Una votazione che lascia col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
6 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
23 ore

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
1 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
1 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
2 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
2 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
2 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
2 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
Svizzera
2 gior

Alla sbarra per abuso della forza due agenti bernesi

La vicenda risale al giugno del 2021, quando alla stazione della capitale venne controllato, e poi fermato, un 28enne marocchino
Svizzera
2 gior

Caduta mortale per un ciclista 76enne a Dättlikon

L’incidente si è verificato ieri sera poco prima delle 19. A nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo
Svizzera
2 gior

Niente pista di ghiaccio nel centro di Coira

Una decisione sofferta (considerando il pienone dell’anno scorso), ma necessaria visto il rischio di penuria energetica
Svizzera
2 gior

Automobilista trovato esanime in mezzo alla strada

Forse un malore la causa del decesso dell’uomo, rinvenuto privo di vita nel pomeriggio sulla strada tra Ginevra e Vésenaz
Svizzera
2 gior

Lavrov: ‘La Svizzera torni a essere neutrale’

È la richiesta formulata dal ministro degli esteri russo in occasione dell’incontro con Ignazio Cassis ieri a New York
Svizzera
2 gior

Metà degli svizzeri pronta a consumare meno energia

Le più propense ad abbassare il riscaldamento o a spegnere le luci sono le donne. La doccia al posto del bagno misura di risparmio più gettonata
28.04.2021 - 14:45
Aggiornamento: 15:32

Fissate le condizioni per i grandi eventi da luglio

Accesso agli eventi per persone vaccinate, guarite dal Covid o con un test negativo. 'Scudo protettivo' con indennizzi in caso di eventi annullati

fissate-le-condizioni-per-i-grandi-eventi-da-luglio
(Keystone)

Il Consiglio federale intende offrire una prospettiva di pianificazione agli organizzatori di grandi manifestazioni e ai Cantoni ed espone a quali condizioni, dalla prossima estate, questi ultimi potranno autorizzare grandi manifestazioni, anche se non sarà ancora chiaro se la situazione epidemiologica ne consentirà lo svolgimento. Si tratta di un supporto decisionale per i Cantoni e non di un piano di riapertura. Se gli eventi autorizzati con garanzia cantonale non potranno avere luogo a causa della situazione epidemiologica, gli organizzatori avranno diritto a un’indennità (il cosiddetto «scudo protettivo»). I Cantoni e le associazioni di categoria interessate hanno tempo fino al 10 maggio per esprimere il loro parere.

A parte una breve parentesi nell’ottobre scorso, le grandi manifestazioni con oltre 1000 persone sono vietate dalla fine di febbraio del 2020. Con il procedere delle vaccinazioni e se la situazione epidemiologica lo consentirà, potrebbero essere nuovamente ammesse dalla prossima estate. Il Consiglio federale deciderà presumibilmente nella seconda metà di giugno quando e a quali condizioni. Tuttavia, nella consapevolezza che le grandi manifestazioni richiedono tempi di preparazione piuttosto lunghi, intende dare al più presto una certa sicurezza di pianificazione agli organizzatori e un supporto decisionale ai Cantoni.

«Le misure adottate dal Consiglio federale si basano sulla legge Covid-19, su cui voteremo il 13 giugno» ha precisato a margine Parmelin. «Senza questa legge non possiamo fornire aiuti adeguati alla situazione. Per questo motivo è importante che questa legge venga confermata dal popolo: ne va dei posti di lavoro ma anche della fiducia nella piazza finanziaria svizzera»

«Non è un piano di riapertura» ha precisato poi Alain Berset «ma uno strumento che fissa le condizioni in base alle quali i cantoni possono autorizzare gli eventi e il modo in cui la Confederazione e i cantoni potranno versare degli indennizzi in caso di annullamento degli eventi».

«Scudo protettivo» per il settore degli eventi

Per sostenere gli eventi d’importanza sovracantonale, con il nuovo articolo 11a della legge COVID-19, nella sessione primaverile del 2021 il Parlamento ha introdotto uno scudo protettivo per questo settore. Grazie alla nuova disposizione, potranno essere autorizzati eventi con pubblico ancora prima che sia chiaro se la situazione epidemiologica ne consentirà lo svolgimento. Confederazione e Cantoni partecipano ai costi non coperti degli eventi che devono essere annullati o rinviati a causa della situazione epidemiologica.

Il Consiglio federale illustra come sarà attuato lo scudo protettivo. Condizione per fruire di un’indennità è che il Cantone abbia autorizzato l’evento e l’abbia assoggettato allo scudo protettivo. Ulteriori condizioni sono un pubblico proveniente anche da fuori Cantone e la partecipazione di almeno 1000 persone al giorno.

Per ogni evento l’organizzatore assume i costi non coperti in ragione di una franchigia di 30 000 franchi più una quota parte del 20 per cento del rimanente. Se i Cantoni assumono metà dei costi scoperti, la Confederazione assume l’altra metà. La partecipazione ai costi di Confederazione e Cantoni ammonta al massimo a cinque milioni di franchi per evento. Questa regolamentazione si applica a eventi previsti tra il 1° giugno 2021 e il 30 aprile 2022. Nella maggior parte dei Cantoni deve ancora essere elaborata una base legale per l’attuazione. Il Consiglio federale chiederà alle Camere 150 milioni di franchi per il finanziamento delle misure in questione. 

Autorizzazione di manifestazioni con 3000 persone da luglio

A severe condizioni, dalla fine di maggio i Cantoni devono poter autorizzare grandi manifestazioni con fino a 3000 partecipanti che si svolgeranno a partire dal 1° luglio 2021. Dal 1° settembre questo limite potrà essere innalzato a 10 000 persone. Le date e il numero di partecipanti non sono un piano di riapertura: il Consiglio federale deciderà in data ulteriore se queste manifestazioni potranno effettivamente essere svolte. I Cantoni dovranno revocare le autorizzazioni o disporre ulteriori restrizioni qualora la situazione epidemiologica peggiorasse al punto da impedire lo svolgimento della manifestazione o da non poter più garantire il tracciamento dei contatti. In questi casi sarà applicato lo scudo protettivo.

Fase pilota con eventi da 300 a 600 persone in giugno

Il Consiglio federale ha inoltre deciso quali misure di protezione dovranno essere garantite affinché un Cantone possa autorizzare lo svolgimento di una grande manifestazione. D’importanza centrale sono severi piani di protezione e la limitazione della partecipazione alle persone vaccinate, risultate negative al test COVID-19 o che possono provare di essere state contagiate dal coronavirus e di essere guarite. L’obiettivo è di ridurre al minimo il rischio di contagio.

Per testare i complessi piani di protezione, il Consiglio federale propone una fase pilota: tra l’inizio e la fine di giugno del 2021, i Cantoni devono poter autorizzare lo svolgimento di tre manifestazioni selezionate con un numero di partecipanti compreso fra un minimo di 300 e un massimo di 600 persone. Questi eventi pilota devono servire a verificare se e come i piani di protezione per le grandi manifestazioni siano attuabili e se sia possibile garantire il controllo degli attestati di vaccinazione, di test negativo e di guarigione dal coronavirus. Un altro aspetto da verificare è la praticabilità dell’impiego, in loco e sotto la sorveglianza dell’organizzatore, dei test fai da te. Il Consiglio federale terrà conto delle esperienze maturate in queste manifestazioni pilota nell’attuazione delle prossime fasi di riapertura.

Entro l’estate dovrebbe inoltre essere disponibile un certificato sanitario nazionale, a prova di falsificazione, che attesti l’avvenuta vaccinazione, il risultato negativo di un test o la guarigione dalla COVID-19 – una soluzione che semplificherebbe notevolmente i controlli all’ingresso.

Consultazione fino al 10 maggio

Il Consiglio federale ha avviato la consultazione con i Cantoni, le Città, i Comuni, le organizzazioni mantello delle parti sociali, le associazioni e organizzazioni di categoria interessate nei settori degli eventi e dello sport, il Consiglio delle religioni e con le commissioni tematiche competenti. La decisione è prevista il 26 maggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved