fissate-le-condizioni-per-i-grandi-eventi-da-luglio
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Al vice di Ursula von der Leyen il dossier ‘Svizzera’

Il vicepresidente della Commissione Ue, lo slovacco Maros Sefcovic, subentra all’austriaco Johannes Hahn. Sarà lui la persona di contatto di Ignazio Cassis
Svizzera
9 ore

Sconfitta Nestlé: forma capsule Nespresso non può essere protetta

Respinto un ricorso dell’azienda con sede a Vevey (Vd) contro una decisione della giustizia vodese
Svizzera
10 ore

Svizzeri fermati in Germania con Covid Pass falsi

È avvenuto lo scorso fine settimana ma la polizia lo ha reso noto solo oggi. Aperta indagine per falsificazione di documenti
Svizzera
12 ore

A Palazzo federale col certificato Covid, pronte le basi legali

La misura, su cui le Camere delibereranno la prossima settimana, permetterà ai parlamentari di svolgere il proprio ruolo senza mascherine e plexiglas divisori
Svizzera
12 ore

Più calma la situazione Covid in Svizzera, ma non in cure intense

L’età media dei contagiati più bassa e la diminuzione dei rientri dalle vacanze causano un calo dei ricoveri, ma le terapie intensive sono ancora sotto pressione
Svizzera
13 ore

Sul Glacier Express, ‘biglietti e certificato Covid, prego’

Il treno panoramico che collega Zermatt a St. Moritz attraverso le Alpi è considerato un ristorante e come tale sottostà alle relative regole
Svizzera
13 ore

In Svizzera 1’235 contagi in 24 ore, cala la pressione ospedaliera

Il tasso di riproduzione del virus si mantiene sotto l’1. Il livello dei contagi è inferiore rispetto a quello della scorsa settimana
Svizzera
14 ore

Svizzera campione mondiale dell’innovazione: lo dice l’Ompi

Per la graduatoria stilata dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, la Confederazione si mette di nuovo alle spalle Svezia, Usa e Regno Unito
Svizzera
15 ore

Turismo della spesa, si discute la riduzione della franchigia

Accolti agli Stati tre testi volti a risolvere per via fiscale il problema degli acquisti all’estero abbassando la soglia di esenzione
Svizzera
15 ore

Reddito di base incondizionato, spunta un altro progetto

L’iniziativa propone di inserire il principio di un reddito di base per tutti nella Costituzione ma lascia alla legge il compito di regolarne l’ammontare
Svizzera
15 ore

Nell’agricoltura svizzera si fa sempre meno uso di pesticidi

Emerge da un rapporto annuale dell’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag). Si stanno dimostrando efficaci le misure del piano d’azione del 2017
Svizzera
17 ore

Thomas Heiniger lascia la presidenza di Croce Rossa Svizzera

Le dimissioni motivate da ‘visioni divergenti sul modo di procedere’.
Svizzera
18 ore

Coop rafforza il suo impegno contro spreco alimentare

Entro il 2026 circa 500 supermercati entreranno nel circuito di Tavolino Magico e Tavola Svizzera per la donazione di cibo a persone indigenti
Svizzera
18 ore

Riforma Ministero pubblico e Autorità di Vigilanza, ok dal Nazionale

La proposta di legge mira a rafforzare e chiarire le competenze dell’Autorità indipendente rispetto al Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
19 ore

L’89% dei pazienti Covid in terapia intensiva non è vaccinato

L’Ufsp ha svolto il primo studio in tal senso in 21 ospedali svizzeri fra luglio e agosto. Il 68% dei pazienti in cure intense ha fra i 40 e i 79 anni
Svizzera
19 ore

Principio di sussidiarietà ticinese, per il Nazionale è conforme

Le modifiche costituzionali ticinesi hanno ricevuto anche dalla Camera del popolo la garanzia di conformità al diritto federale
Svizzera
19 ore

Il vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Svizzera

La Confederazione ha avvisato i Cantoni di prepararsi all’arrivo di circa 150’000 dosi di vaccino monodose. Un’alternativa per molte persone ancora scettiche
Svizzera
1 gior

Quasi 43mila firme contro l’importazione di pellicce

Consegnata oggi a Berna una petizione che chiede il divieto di importare prodotti ottenuti infliggendo sofferenze agli animali
Svizzera
28.04.2021 - 14:450
Aggiornamento : 15:32

Fissate le condizioni per i grandi eventi da luglio

Accesso agli eventi per persone vaccinate, guarite dal Covid o con un test negativo. 'Scudo protettivo' con indennizzi in caso di eventi annullati

Il Consiglio federale intende offrire una prospettiva di pianificazione agli organizzatori di grandi manifestazioni e ai Cantoni ed espone a quali condizioni, dalla prossima estate, questi ultimi potranno autorizzare grandi manifestazioni, anche se non sarà ancora chiaro se la situazione epidemiologica ne consentirà lo svolgimento. Si tratta di un supporto decisionale per i Cantoni e non di un piano di riapertura. Se gli eventi autorizzati con garanzia cantonale non potranno avere luogo a causa della situazione epidemiologica, gli organizzatori avranno diritto a un’indennità (il cosiddetto «scudo protettivo»). I Cantoni e le associazioni di categoria interessate hanno tempo fino al 10 maggio per esprimere il loro parere.

A parte una breve parentesi nell’ottobre scorso, le grandi manifestazioni con oltre 1000 persone sono vietate dalla fine di febbraio del 2020. Con il procedere delle vaccinazioni e se la situazione epidemiologica lo consentirà, potrebbero essere nuovamente ammesse dalla prossima estate. Il Consiglio federale deciderà presumibilmente nella seconda metà di giugno quando e a quali condizioni. Tuttavia, nella consapevolezza che le grandi manifestazioni richiedono tempi di preparazione piuttosto lunghi, intende dare al più presto una certa sicurezza di pianificazione agli organizzatori e un supporto decisionale ai Cantoni.

«Le misure adottate dal Consiglio federale si basano sulla legge Covid-19, su cui voteremo il 13 giugno» ha precisato a margine Parmelin. «Senza questa legge non possiamo fornire aiuti adeguati alla situazione. Per questo motivo è importante che questa legge venga confermata dal popolo: ne va dei posti di lavoro ma anche della fiducia nella piazza finanziaria svizzera»

«Non è un piano di riapertura» ha precisato poi Alain Berset «ma uno strumento che fissa le condizioni in base alle quali i cantoni possono autorizzare gli eventi e il modo in cui la Confederazione e i cantoni potranno versare degli indennizzi in caso di annullamento degli eventi».

«Scudo protettivo» per il settore degli eventi

Per sostenere gli eventi d’importanza sovracantonale, con il nuovo articolo 11a della legge COVID-19, nella sessione primaverile del 2021 il Parlamento ha introdotto uno scudo protettivo per questo settore. Grazie alla nuova disposizione, potranno essere autorizzati eventi con pubblico ancora prima che sia chiaro se la situazione epidemiologica ne consentirà lo svolgimento. Confederazione e Cantoni partecipano ai costi non coperti degli eventi che devono essere annullati o rinviati a causa della situazione epidemiologica.

Il Consiglio federale illustra come sarà attuato lo scudo protettivo. Condizione per fruire di un’indennità è che il Cantone abbia autorizzato l’evento e l’abbia assoggettato allo scudo protettivo. Ulteriori condizioni sono un pubblico proveniente anche da fuori Cantone e la partecipazione di almeno 1000 persone al giorno.

Per ogni evento l’organizzatore assume i costi non coperti in ragione di una franchigia di 30 000 franchi più una quota parte del 20 per cento del rimanente. Se i Cantoni assumono metà dei costi scoperti, la Confederazione assume l’altra metà. La partecipazione ai costi di Confederazione e Cantoni ammonta al massimo a cinque milioni di franchi per evento. Questa regolamentazione si applica a eventi previsti tra il 1° giugno 2021 e il 30 aprile 2022. Nella maggior parte dei Cantoni deve ancora essere elaborata una base legale per l’attuazione. Il Consiglio federale chiederà alle Camere 150 milioni di franchi per il finanziamento delle misure in questione. 

Autorizzazione di manifestazioni con 3000 persone da luglio

A severe condizioni, dalla fine di maggio i Cantoni devono poter autorizzare grandi manifestazioni con fino a 3000 partecipanti che si svolgeranno a partire dal 1° luglio 2021. Dal 1° settembre questo limite potrà essere innalzato a 10 000 persone. Le date e il numero di partecipanti non sono un piano di riapertura: il Consiglio federale deciderà in data ulteriore se queste manifestazioni potranno effettivamente essere svolte. I Cantoni dovranno revocare le autorizzazioni o disporre ulteriori restrizioni qualora la situazione epidemiologica peggiorasse al punto da impedire lo svolgimento della manifestazione o da non poter più garantire il tracciamento dei contatti. In questi casi sarà applicato lo scudo protettivo.

Fase pilota con eventi da 300 a 600 persone in giugno

Il Consiglio federale ha inoltre deciso quali misure di protezione dovranno essere garantite affinché un Cantone possa autorizzare lo svolgimento di una grande manifestazione. D’importanza centrale sono severi piani di protezione e la limitazione della partecipazione alle persone vaccinate, risultate negative al test COVID-19 o che possono provare di essere state contagiate dal coronavirus e di essere guarite. L’obiettivo è di ridurre al minimo il rischio di contagio.

Per testare i complessi piani di protezione, il Consiglio federale propone una fase pilota: tra l’inizio e la fine di giugno del 2021, i Cantoni devono poter autorizzare lo svolgimento di tre manifestazioni selezionate con un numero di partecipanti compreso fra un minimo di 300 e un massimo di 600 persone. Questi eventi pilota devono servire a verificare se e come i piani di protezione per le grandi manifestazioni siano attuabili e se sia possibile garantire il controllo degli attestati di vaccinazione, di test negativo e di guarigione dal coronavirus. Un altro aspetto da verificare è la praticabilità dell’impiego, in loco e sotto la sorveglianza dell’organizzatore, dei test fai da te. Il Consiglio federale terrà conto delle esperienze maturate in queste manifestazioni pilota nell’attuazione delle prossime fasi di riapertura.

Entro l’estate dovrebbe inoltre essere disponibile un certificato sanitario nazionale, a prova di falsificazione, che attesti l’avvenuta vaccinazione, il risultato negativo di un test o la guarigione dalla COVID-19 – una soluzione che semplificherebbe notevolmente i controlli all’ingresso.

Consultazione fino al 10 maggio

Il Consiglio federale ha avviato la consultazione con i Cantoni, le Città, i Comuni, le organizzazioni mantello delle parti sociali, le associazioni e organizzazioni di categoria interessate nei settori degli eventi e dello sport, il Consiglio delle religioni e con le commissioni tematiche competenti. La decisione è prevista il 26 maggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved