niente-estival-comunque-manca-la-materia-prima-la-musica
Andreas Wyden, a fianco di Jacky Marti alla guida di Estival Jazz (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Sulla Croisette
3 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
3 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
6 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
8 ore

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
14 ore

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
14 ore

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
14 ore

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
16 ore

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
19 ore

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Musica e Covid
28.04.2021 - 17:18
Aggiornamento : 19:15

Niente Estival, comunque: 'Manca la materia prima, la musica'

'Impossibile pianificare tournée di artisti di fronte alle incertezze che permangono', dice Andreas Wyden, con Jacky Marti alla guida della kermesse luganese.

Nulla cambia, nuovamente, nemmeno alla luce delle nuove disposizioni. L'Efg Lugano Estival Jazz non avrà un'edizione 2021 nemmeno con il cosiddetto ‘Scudo protettivo’ e relative aperture di pubblico. Che siano tremila a luglio o 10mila a settembre, poco cambia per Andreas Wyden, alla guida di Estival insieme a Jacky Marti. «Per la manifestazione in sé – spiega Wyden alla ‘Regione’, a margine della conferenza stampa del Consiglio federale – mancano due mesi, ma l'organizzazione di Estival, ogni anno, parte un mese prima dall'inizio del festival precedente. Una manifestazione si può naturalmente organizzare anche ‘en catastrophe’, per dirla coi francesi, ma temo da quanto emerso oggi a Berna ci siano molti problemi non sviscerati fino in fondo, a mio parere». Uno su tutti: «tra le molte incertezze, una certezza c'è, ed è quella che artisti non ne girano. Penso alla Germania, che in questo senso è un grande serbatoio quanto la stessa Italia, e non allenta le misure restrittive. Dal punto di vista dei grandi eventi musicali, la Germania è fuori, l'Italia è fuori. Gli artisti che arrivano da oltre confine non riescono a, o non vogliono, io dico giustamente, pianificare una tournée che avrebbe troppi punti interrogativi. E una tournée può essere organizzata in modo serio, competente, affidabile, solo in presenza di certezze, che non ci sono ancora».

Un altro sguardo fuori confine. «Gli organizzatori italiani di grandi eventi parlano di 2022, non di settembre, perché gli artisti non ce la fanno», dice Wyden, quotando le previsioni per il futuro di Adolfo Galli di Galli & D'alessandro, azienda leader nel campo dell'organizzazione di concerti, che alla ‘Regione’ di qualche settimana fa confermava il suo essere al lavoro sul prossimo anno. «Oggi come oggi – prosegue Wyden – gli artisti non sanno se riusciranno a venire in Svizzera, le incertezze sono troppe e un festival non può essere costruito sulle incertezze. Perché se, è un esempio, decido per un cast di nove tra artisti svizzeri e internazionali e cinque internazionali non vengono, io sono fuori (economicamente, ndr) di tutto. Quell'artista che salta ogni tanto è quasi fisiologico, fa parte del gioco e viene sostituito. Ma non la metà di un cartellone». Forse ancor più che nei giorni scorsi, sugli organizzatori luganesi pesano le molte attenzioni sanitarie che le aperture porteranno con sé: «Misure di precauzione, vaccinazione, distanziamento sociale. Davvero non riesco a immaginarmi un Estival Jazz Lugano transennato, con percorsi obbligati, quelli che porterebbero ai bar, ai ristoratori. Ci vedo una grande confusione e un costo elevatissimo».

Cala un velo anche sull'idea di settembre, paventata da Jacky Marti con le penultime comunicazioni federali dello scorso 14 aprile. Perché «a mio parere – prodegue Wyden – bisogna avere il coraggio di prendere una decisione, così com'è stato fatto per Gampel, Gurten, San Gallo e tutti gli altri che hanno deciso di annullare. Perché manca la materia prima di un festival, che sono i musicisti, che non vanno in tournée e se li prendi per una data singola rischiano di costarti un mucchio di soldi in più».

C'è, infine, un significato ‘sociale’, con sottotesto storico: «Estival – conclude Wyden – perderebbe la sua connotazione di festival libero, quella libertà di entrarvi e di andare via se la musica non ti piace. Di fronte all'idea d'incanalare il pubblico, come accade in altre più rigide manifestazioni, vale ancor più la pena di fermarsi. Ognuno ha i propri tempi: quel che dice il Consiglio federale, e non è una critica, a noi non cambia nulla. Con tutto il massimo rispetto e comprensione per le decisioni da prendersi».

Magic blues in due location. ‘Ma decidero a fine maggio’

Vallemaggia Magic blues prenderà una decisione definitiva a fine maggio. Ma «adesso che da Berna è arrivata qualche indicazione un po’ più concreto, la situazione appare molto migliore» ci spiega il promotore Fabio Lafranchi. Tutto dipenderà anche dagli sponsor, dal momento che lo scudo protettivo presentato ieri non è interessante per una manifestazione come Magic Blues con poche spese fisse. Per quanto riguarda il possibile piano di protezione, il festival potrebbe tenersi in due location, «due settimane sulla piazza di Cevio e due al campetto di Gordevio, si tratta di luoghi dove potremmo ospitare un migliaio di persone sedute». Tra un mese la decisione.

 

Leggi anche:

Fissate le condizioni per i grandi eventi da luglio

I cinquemila di Barcellona? Giusto una dolce illusione

Jacky Marti: 'Niente Estival, appuntamento al 2022'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andreas wyden estival jazz jacky marti lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved