ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
10 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
11 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
12 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
13 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
15 ore

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
Svizzera
1 gior

Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale

I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
1 gior

Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira

Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
1 gior

Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere

Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
1 gior

Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi

Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
1 gior

Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna

Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
1 gior

Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita

Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
2 gior

Wef e turismo, prove di convivenza a Davos

L’esecutivo locale ha intavolato una discussione con tutte le parti in causa per trovare una soluzione ideale per tutti per il prossimo anno
28.04.2021 - 16:57
Aggiornamento: 19:02

Campana (Fc Lugano) invoca ‘un certificato univoco’

II direttore della società bianconera: ‘Temo lungaggini alle entrate. Confido nello sviluppo in tempi rapidi di un documento con tutte le informazioni del caso’

campana-fc-lugano-invoca-un-certificato-univoco

In merito all’affluenza negli stadi, il calcio chiedeva che si potesse ragionare in termini di percentuali di affluenza, di proporzione in base ai posti a disposizione allo stadio. Così si era infatti espressa la Lega, rivolgendosi al Consiglio Federale. Una rivendicazione solo in parte disattesa, alla luce delle misure annunciate che aprono gli impianti sportivi a migliaia di spettatori. «Con tutto quello che ne consegue, però, a livello logistico - analizza Michele Campana, direttore generale dell’Fc Lugano -. È abbastanza complicato leggere queste ordinanze e queste regole. Hanno voluto fare una legge unica che riguarda tutti i grandi eventi, quando in realtà sarebbe stato auspicabile un distinguo: gli eventi sono molto diversi uno dall'altro. Non è possibile paragonare una partita di calcio a un Tour de Suisse, per non fare che un esempio. Fatta questa premessa, pur se mi preoccupa un po’ che per gli organizzatori di eventi ci sono oneri sempre maggiori cui fare fronte, accolgo con positività quanto è stato deciso, non è poi così diverso da quanto ci aspettavamo. Bisogna però tenere conto che 3’000 persone suddivise in un massimo di due terzi dei posti a sedere, e nella metà dei settori in piedi, per un massimo di 300 spettatori a settore, significa accoglierne più o meno 2'700, a Cornaredo. Ma qui subentra un problema di logistica. Se da un lato per la gestione dei flussi abbiamo già fatto un grandissimo lavoro a settembre per prepararci alla paventata riapertura dei due terzi, poi presto rientrata, con piani già approvati dal Dipartimento delle istituzioni che mi aspetto che non subiscano grandi modifiche, d’altro canto c’è la grande preoccupazione dei controlli all'entrata. Le operazioni rischiano di diventare laboriose, almeno finché non ci sarà un certificato di vaccinazione univoco facilmente leggibile. Sono troppi i parametri in ballo, i vaccini, l’isolamento, la malattia… Si rischia di impazzire, la gente potrebbe spazientirsi. Entrare allo stadio rischia di diventare un’impresa, non vorrei che queste difficoltà diventassero un deterrente. Mi auguro che vengano sviluppati molto rapidamente questi certificati univoci internazionali. I tempi tecnici per farlo ci sarebbero, anche se le questioni da verificare sono molteplici. La soluzione ideale sarebbe un certificato “covid free” con tutte le informazioni necessario: guarito, testato o vaccinato. Nell’attesa, ne basterebbe uno vaccinale che ci fornisca almeno le informazioni principali. Sarebbe già un bell’aiuto».

Mona (Hc Ambrì Piotta): 'Il Consiglio federale vede la luce in fondo al tunnel'

Pur se alla nuova stagione mancano praticamente sei mesi, sul fronte hockey l'apertura da parte del Consiglio federale viene salutata con soddisfazione. «Se ripenso a cosa succedeva nello stesso periodo un anno fa, mi dico che non c'erano questo tipo di promesse – dice il Ceo dell'Ambrì Piotta, Nicola Mona –. Secondo me effettivamente c'è un piano e una progressione anche delle vaccinazioni, e credo che il Consiglio federale veda la luce in fondo al tunnel. Di conseguenza, mettiamola così, ora si sente sufficientemente sicuro per menzionare cifre concrete».

Più che al prossimo campionato, ad Ambrì si guarda a ciò che potrebbe capitare in occasione della classica (tra virgolette, visto che si parla pur sempre del nuovo stadio) presentazione estiva della squadra ai tifosi. «È notizia di oggi, quindi è un po' prematuro giungere a conclusioni. Posso soltanto dire che faremo tutto il possibile, sfruttando ogni opportunità per organizzare i nostri eventi, e se quel giorno la capienza sarà limitata a tremila persone, ne prenderemo atto. Vediamo, è ancora presto direi».

Werder (Hc Lugano): ‘Importante passo verso il ritorno del pubblico negli stadi. Ma con ancora tanti 'se' e 'ma'‘

La prospettiva di riaprire al grande pubblico gli stadi in tempo per l'inizio della nuova stagione è accolta con ottimismo, seppure cauto, negli ambienti del disco su ghiaccio. «Sì, chiaramente quanto deciso dal Consiglio federale è un primo importante passo verso la riapertura degli stadi e, di riflesso, verso un ritorno a una certa normalità, e questo non può che far piacere – sottolinea il Ceo dell'Hockey Club Lugano Marco Werder –. Tuttavia questa apertura è subordinata a tanti 'se' e 'ma' che rendono ancora incerto il quadro, ragion per cui ci sono aspetti che andranno esaminati con più calma».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved