una-prospettiva-per-gli-organizzatori-dei-grandi-eventi
Keystone
Berset (sin.) e Parmelin
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Contromano in autostrada: quattro feriti di cui due gravi

L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi di Delémont (JU). I contusi sono stati trasportati in elicottero agli ospedali di Basilea e Berna
Svizzera
12 ore

Intervengono gli artificieri, ma era un router abbandonato

È successo in un autosilo a Zurigo. L'allarme per l'oggetto sospetto è stato lanciato verso le 9.30 e la situazione è ritornata alla normalità dopo le 14
Svizzera
14 ore

Dalla Svizzera 600 respiratori all'Indonesia

Oltre ai concentratori di ossigeno sono state inviate anche tute protettive e mascherine
Svizzera
14 ore

Canton Berna, uomo investito da un treno in un tunnel

Il corpo è stato trovato ieri mattina. L'identità della vittima non è ancora stata chiarita
Svizzera
15 ore

Parmelin incontra il primo ministro giapponese Yoshihide Suga

Per il consigliere federale si tratta del primo incontro ufficiale del suo soggiorno
Svizzera
18 ore

Coda di 14 km al portale nord della galleria del San Gottardo

Lo ha comunicato il Tcs su Twitter. Il tempo di attesa è di circa due ore e venti minuti
Svizzera
1 gior

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
1 gior

Proiettile vecchio di cent'anni rimosso dalle rive del Sitter

Era una granata d'acciaio da 7,5 cm proveniente da un antico pezzo di artiglieria: oggi a mezzogiorno è stata portata via da un camion messo in sicurezza
Svizzera
1 gior

Panne all’aereo: Parmelin salta l’incontro con Naruhito

Problemi tecnici al jet del Consiglio federale in volo per Tokyo. Cancellati gli appuntamenti con l’imperatore e il ministro degli esteri giapponesi.
Svizzera
1 gior

Vaccini e effetti collaterali: non gravi quasi 2/3 dei casi

Delle 4'319 notifiche di effetti indesiderati, 2'782 (64,4%) sono classificate come 'non serie'. L'età media delle persone colpite è di 60,2 anni
Svizzera
1 gior

La grandine ha causato più danni delle inondazioni in Svizzera

Ammontano a centinaia di milioni di franchi i danni causati dalla grandine, secondo i dati delle assicurazioni
Svizzera
28.04.2021 - 19:580

Una ‘prospettiva’ per gli organizzatori dei grandi eventi

Il Consiglio federale propone di autorizzare da luglio le manifestazioni fino a 3mila persone. Accesso riservato a vaccinati, guariti e ‘negativi’ al test.

Estival Jazz, Paléo di Nyon, Open Air di San Gallo, Beatles Days di Bellinzona e via dicendo: tutti cancellati. Invece gli organizzatori di altri grandi eventi culturali e sportivi previsti quest’estate non hanno ancora gettato la spugna. Il Consiglio federale adesso offre loro “una prospettiva di pianificazione”. In un progetto messo in consultazione, propone ai cantoni di autorizzare – a severe condizioni – lo svolgimento di manifestazioni con un massimo di 3mila partecipanti a partire dal 1. luglio; il limite verrebbe poi innalzato a 10mila dal 1. settembre. Non solo. Uno ‘scudo protettivo’ dovrebbe fungere da assicurazione in caso di annullamento o rinvio dovuti alla situazione epidemiologica. Il governo deciderà il 26 maggio quale sarà la versione definitiva del suo piano. Ma farà sapere “presumibilmente nella seconda metà di giugno” se, quando e a quali condizioni le grandi manifestazioni – vietate dalla fine di febbraio del 2020, salvo una breve parentesi lo scorso ottobre – saranno nuovamente ammesse. 

«Sentiamo tutti la mancanza delle grandi manifestazioni», ha affermato il ministro della sanità Alain Berset (Ps) in una conferenza stampa a Berna. Ora le prospettive sono buone. La campagna vaccinale prosegue il suo corso. E la situazione epidemiologica è «relativamente stabile», ha osservato il presidente della Confederazione Guy Parmelin (Udc). Il vodese ha però invitato alla «prudenza»: «Ogni prossima apertura avrà come prezzo l’autodisciplina e il rispetto delle regole». Vale anche per gli organizzatori dei grandi eventi. In ogni caso quello inviato in consultazione «non è un piano di riapertura», hanno ribadito i consiglieri federali. L’obiettivo è “dare al più presto una certa sicurezza di pianificazione agli organizzatori e un supporto decisionale ai cantoni”, scrive il governo.

‘Severi piani di protezione’

I cantoni potranno autorizzare in anticipo (da fine maggio) degli eventi con un massimo di 3mila persone a partire dal 1. luglio. Il limite massimo passerebbe a 10 partecipanti da settembre. Il Consiglio federale deciderà a giugno inoltrato se queste manifestazioni potranno effettivamente essere svolte o no. Le condizioni alle quali sottostanno vengono definite “severe”. Gli organizzatori dovranno predisporre “severi piani di protezione” (mascherina obbligatoria, pubblico seduto all’interno, capacità limitata ai due terzi dei posti disponibili, ecc.) e limitare l’accesso alle persone vaccinate, risultate negative al test Covid-19 o che possono provare di essere state contagiate dal coronavirus e di essere guarite. Il certificato Covid – sul quale figureranno tutte queste informazioni – “semplificherebbe notevolmente i controlli all’ingresso”, scrive il governo. Berset ha puntualizzato: «Anche le persone che non hanno ancora potuto o voluto farsi vaccinare [i giovani ad esempio, ndr] potranno accedervi». Dovranno però produrre un test negativo recente (i test fai da te non saranno sufficienti).

Prima del 1. luglio, il Consiglio federale propone una fase pilota. I cantoni potranno autorizzare lo svolgimento di tre manifestazioni con un numero di partecipanti compreso fra un minimo di 300 e un massimo di 600. Scopo: testare la praticabilità e l’efficacia dei piani di protezione e capire se è possibile garantire il controllo degli attestati di vaccinazione/test negativo/guarigione da coronavirus. In questa fase verosimilmente non sarà ancora disponibile il certificato Covid-19, che l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) conta di introdurre nel corso del mese di giugno. E gli organizzatori degli eventi pilota non beneficeranno dello ‘scudo protettivo’ che invece si applicherà alle manifestazioni vere e proprie che si svolgeranno da luglio in poi. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved