SJ Sharks
4
WIN Jets
3
fine
(0-1 : 2-1 : 2-1)
EDM Oilers
5
CAL Flames
2
fine
(2-0 : 1-1 : 2-1)
LA Kings
2
MIN Wild
3
fine
(0-0 : 1-3 : 1-0)
taskforce-cultura-miglioramenti-ma-permangono-problemi
L'incertezza rimane (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Fiere
16 ore

Il sistema dell’arte, da Basilea a Milano

Tastando il polso ad Art Basel a Miart, tra prezzi stratosferici, sensazione d’invenduto e presenza
Culture
1 gior

Oleh Sencov, regista dal gulag

Dopo cinque anni di prigionia il dissidente ucraino è passato anche a Lugano per presentare ‘Numbers’, film distopico e profetico
Arte
1 gior

‘Tempo sospeso e facezie’, Renzo Ferrari a Lugano

Le opere 2020-2021. Inaugurazione sabato 16 ottobre alle 17 nel porticato della Biblioteca Salita dei Frati
Teatro
1 gior

Emanuele Santoro, la nuova stagione teatrale

Le novità sono Edgar Allan Poe, l’Ubu Re di Alfred Jarry e lo spettacolo ‘Stupidi-tà’. Si comincia sabato e domenica al Paravento con Dürrenmatt
Castellinaria
1 gior

Il Castello d’Onore a Milena Vukotic

Amata e apprezzata da cinema e teatro, vincitrice di un Nastro d’argento e più volte vicina al David, ha lavorato con i più grandi registi
Spettacoli
1 gior

Festival diritti umani, Nanau tra corruzione e fiducia

Il regista rumeno presenta il suo documentario ‘Colectiv’, seguendo il lavoro dei giornalisti che hanno denunciato i problemi del sistema sanitario
Netflix
1 gior

‘Squid Game’: dopo la serie, il videogioco

Dalle indiscrezioni, si tratterebbe di un videogame del genere ‘battle royale’, simile a Fortnite e Pubg, che ben si adatterebbe alla trama
Arte
1 gior

Il Banksy semidistrutto venduto a 22 milioni di euro

‘Love is in the Bin’, battuto ieri da Sotheby’s, era in origine ‘Girl with Balloon’, tagliuzzato nel 2018 tramite un meccanismo nascosto nella cornice
L'intervista
2 gior

Giacomo Poretti, storia di un infermiere

Prima di Aldo e Giovanni, Giacomo ha lavorato all’Ospedale di Legnano, 11 anni in corsia finiti in ‘Chiedimi se sono di turno’, stasera e domani al Lac
Culture
2 gior

Covid cultura, più tempo per i progetti di ristrutturazione

77 le richieste giunte al Cantone per le riconversioni delle imprese culturali. Prorogato il termine per presentare le domande
Libri
2 gior

I finalisti del Premio Chiara in dialogo a Lugano

Aspettando il verdetto di domenica a Varese, sabato 16 ottobre alle 17.30 s’incontrano alla Biblioteca cantonale
Casa della Letteratura
2 gior

Per ‘Cari Vicini’ s’incontrano Ilma Rakusa e Anna Ruchat

A Lugano il 16 ottobre alle 18.30, moderate da Jacqueline Aerne, per l’incontro in collaborazione con la Literaturhaus di Zurigo
Disney+
2 gior

‘The Beatles: Get Back’, la tre giorni di Peter Jackson

Il 25, 26 e 27 novembre su Disney+ la docuserie originale realizzata dal regista del Signore degli Anelli con filmati inediti restaurati
Covid e Cultura
09.04.2021 - 09:280

Taskforce Cultura: 'Miglioramenti, ma permangono problemi'

Modifiche all'Ordinanza Covid Cultura soddisfano per semplificazioni e retroattività, ma scudo protettivo senza risposte e timori per i tempi di attribuzione Ipg.

Le modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura adottate dal Consiglio federale lo scorso 31 marzo “rispecchiano gli esiti della sessione parlamentare primaverile: alcune tematiche fondamentali sono state affrontate, mentre altri problemi non hanno trovato risposta”. Così si apre il comunicato più recente di Taskforce Cultura, felice che la definizione ‘freelance’ – dipendenti con contratti di lavoro a tempo determinato che cambiano frequentemente – sia finalmente inclusa nella Legge e nell'Ordinanza, e così per il risarcimento retroattivo delle perdite degli operatori culturali, che ora ha come data di partenza quella del primo novembre 2020 (ex 19 dicembre 2020), così che gli operatori culturali, come già le imprese culturali, avranno avuto diritto a un risarcimento del danno a partire dal mese di marzo 2020 senza periodi scoperti. C'è approvazione anche per la semplificazione degli aiuti d'emergenza attribuiti attraverso Suisseculture Sociale – snellimento della gestione delle richieste, margine di reddito di mille franchi mensili, presa in considerazione non dei solo beni mobili, limite patrimoniale innalzato a 60mila franchi e a 20mila per ogni figlio a carico – che si dovrebbero tramutare in un miglioramento per persone in situazioni finanziare già di per sé complesse.

E il settore dell'educazione culturale?

Non vi è approvazione, al contrario, per la mancata concretizzazione delle misure di compensazione al settore dell’educazione culturale richieste da Taskforce Cultura. Succede dunque che i docenti che lavorano, per esempio, nelle scuole di danza private, così come le compagnie teatrali che propongono attività scolastiche, continuino a passare tra le maglie delle diverse misure di sostegno senza che questo abbia una giustificazione obiettiva. A parziale risarcimento della mancanza, il fatto che Confederazione sottolinei che i Cantoni hanno la possibilità di colmare questa lacuna. Meglio d'iniziative singole, per Taskforce Cultura, sarebbe una soluzione unica a livello nazionale, utile e soprattutto urgente, perché “la formazione professionale di quella cha sarà la prossima generazione di artisti in Svizzera è in serio pericolo, così come le numerose imprese e operatori culturali attivi in questo ambito”.

Incertezza organizzatori e scudo protettivo senza risposte

Vi è incertezza, inoltre, per gli organizzatori, e pesano le domande senza risposta sullo scudo protettivo. Inascoltate tanto la richiesta di adottare un risarcimento del 100% del danno effettivamente computabile a favore di operatori e imprese culturali, così come l’abolizione di massimali cantonali che distorcono la concorrenza (entrambe sostenute anche dalla Conferenza delle città in materia culturale SKK). Il silenzio è per Taskforce Cultura “incomprensibile” soprattutto per quando concerne le imprese culturali, che con le attuali norme non sono in grado di pianificare manifestazioni per il futuro, stanti la troppo elevata imponderabilità finanziaria e l'altrettanto eccessiva mancanza di sicurezze per la pianificazione. Irrisolto resta il mancato chiarimento della definizione di “importanza sovra-cantonale”, come anche il fatto che per poter accedere alle compensazioni dev’essere stato rilasciato un permesso cantonale, quando, anche in situazioni normali, i permessi vengono emessi solo qualche giorno prima della data dell’evento. Nell'attesa di valutare quanto lo strumento sarà davvero efficace, regna non meno scetticismo e cautela che in precedenza. Resta aperta l'incognita se tutti i Cantoni aderiranno o se ci saranno differenze nell’attuazione, e se, come richiesto dalla Legge, essi saranno in grado di sostenere la metà di queste spese supplementari con i bilanci già molto sollecitati.

Tempi stretti

Infine, una preoccupazione che non riguarda specificamente il settore culturale: le indennità perdita di guadagno Ipg attribuite attraverso le casse di compensazione saranno in vigore solo fino alla fine di giugno. È prevedibile fin d’ora che per il settore culturale la normalità non potrà tornare con la seconda parte dell’anno e che, pertanto, un’estensione del diritto per lavoratrici e lavoratori indipendenti sarà assolutamente indispensabile. Infine, a seguito delle decisioni prese nel corso della sessione parlamentare di primavera, il Consiglio federale ha la possibilità di estendere la durata massima del diritto alle indennità di lavoro ridotto dagli attuali 18 mesi a un massimo di 24 mesi. Per Taskforce Cultura è “lampante che in una delle sue prossime riunioni il Consiglio federale debba rendere attiva questa opzione”.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved