NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
3
FLO Panthers
1
2. tempo
(0-1 : 3-0)
VAN Canucks
0
STL Blues
0
1. tempo
(0-0)
si-alla-legge-covid-19-la-taskforce-culture-e-soddisfatta
‘Operatori e imprese culturali avranno da affrontare un inverno tutt’altro che facile’
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
9 ore

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
13 ore

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
14 ore

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
17 ore

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
17 ore

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
1 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Covid e Cultura
28.11.2021 - 16:480
Aggiornamento : 21:04

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale

a cura de laRegione

“Il rinnovato Sì alla Legge Covid-19 dimostra che la popolazione continua a sostenere l’insieme di disposizioni in essa contenute. La fiducia della popolazione verso gli strumenti di compensazione per i settori più duramente colpiti – che per altro non erano contestati – è altrettanto importante”. Si apre così il comunicato della Taskforce Culture seguito all’esito delle urne, relativamente a un Sì al quale, in vista del progressivo acuirsi della crisi pandemica, vengono auspicati l’estensione da parte del Parlamento, durante la sua sessione invernale, delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale, mantenendoli invariati nella forma. Nell’esito del voto, la Taskforce Culture vede confermata la sua convinzione che “i dispositivi di compensazione e sostegno previsti dalla legge continuino a essere indispensabili e riscuotano un alto consenso presso la popolazione”. Ora tocca al Parlamento deliberare una proroga.

Per la Taskforce l’attuale legge Covid-19 funziona, e così gli strumenti finanziari offerti a sostegno dei settori più fortemente colpiti. “Il che – prosegue lo scritto – non significa un aggravio in termini economici, dato che la loro sospensione comporterebbe, ad esempio, costi aggiuntivi per il fondo di disoccupazione e i sussidi sociali, né si tratta di un pozzo senza fondo: il limite di credito per quest’anno non è stato raggiunto, e naturalmente i sostegni sarebbero concessi solo dove si riscontrasse un bisogno reale e comprovato”. Laddove il settore culturale dovesse tornare alla normalità in tempi più rapidi del previsto, “calerebbe anche il numero delle richieste presentate e/o approvate”. Prolungare le misure di compensazione e lo scudo protettivo significa quindi “in primis garantire quella sicurezza finanziaria di cui si ha urgente bisogno e dare al settore culturale fiducia nel futuro”.

La situazione, per la Taskforce, resta estremamente instabile: guardando solo ai paesi vicini, “operatori e imprese culturali avranno da affrontare un inverno tutt’altro che facile e ancora molto lontano dalla normalità”: l’erogazione d’indennità e i sostegni vanno dunque al di là del rispetto della volontà popolare, già ampiamente giustificati da una situazione epidemiologica odierna che indica chiaramente la necessità di non farli decadere alla fine dell’anno.

Per finire, il Certificato Covid: “Permette lo svolgimento e la partecipazione agli eventi nella massima sicurezza possibile e consente agli operatori culturali di viaggiare. Finché verrà mantenuta la certificazione obbligatoria per partecipare alle manifestazioni, i costi per i test dovrebbero tornare a essere a carico della Confederazione e dei Cantoni”, chiude la Taskforce.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved