ULTIME NOTIZIE Culture
L’intervista
3 ore

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
12 ore

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
17 ore

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
19 ore

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
23 ore

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
1 gior

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
1 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
Covid e Cultura
28.11.2021 - 16:48
Aggiornamento: 21:04

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale

si-alla-legge-covid-19-la-taskforce-culture-e-soddisfatta
‘Operatori e imprese culturali avranno da affrontare un inverno tutt’altro che facile’

“Il rinnovato Sì alla Legge Covid-19 dimostra che la popolazione continua a sostenere l’insieme di disposizioni in essa contenute. La fiducia della popolazione verso gli strumenti di compensazione per i settori più duramente colpiti – che per altro non erano contestati – è altrettanto importante”. Si apre così il comunicato della Taskforce Culture seguito all’esito delle urne, relativamente a un Sì al quale, in vista del progressivo acuirsi della crisi pandemica, vengono auspicati l’estensione da parte del Parlamento, durante la sua sessione invernale, delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale, mantenendoli invariati nella forma. Nell’esito del voto, la Taskforce Culture vede confermata la sua convinzione che “i dispositivi di compensazione e sostegno previsti dalla legge continuino a essere indispensabili e riscuotano un alto consenso presso la popolazione”. Ora tocca al Parlamento deliberare una proroga.

Per la Taskforce l’attuale legge Covid-19 funziona, e così gli strumenti finanziari offerti a sostegno dei settori più fortemente colpiti. “Il che – prosegue lo scritto – non significa un aggravio in termini economici, dato che la loro sospensione comporterebbe, ad esempio, costi aggiuntivi per il fondo di disoccupazione e i sussidi sociali, né si tratta di un pozzo senza fondo: il limite di credito per quest’anno non è stato raggiunto, e naturalmente i sostegni sarebbero concessi solo dove si riscontrasse un bisogno reale e comprovato”. Laddove il settore culturale dovesse tornare alla normalità in tempi più rapidi del previsto, “calerebbe anche il numero delle richieste presentate e/o approvate”. Prolungare le misure di compensazione e lo scudo protettivo significa quindi “in primis garantire quella sicurezza finanziaria di cui si ha urgente bisogno e dare al settore culturale fiducia nel futuro”.

La situazione, per la Taskforce, resta estremamente instabile: guardando solo ai paesi vicini, “operatori e imprese culturali avranno da affrontare un inverno tutt’altro che facile e ancora molto lontano dalla normalità”: l’erogazione d’indennità e i sostegni vanno dunque al di là del rispetto della volontà popolare, già ampiamente giustificati da una situazione epidemiologica odierna che indica chiaramente la necessità di non farli decadere alla fine dell’anno.

Per finire, il Certificato Covid: “Permette lo svolgimento e la partecipazione agli eventi nella massima sicurezza possibile e consente agli operatori culturali di viaggiare. Finché verrà mantenuta la certificazione obbligatoria per partecipare alle manifestazioni, i costi per i test dovrebbero tornare a essere a carico della Confederazione e dei Cantoni”, chiude la Taskforce.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved