chiasso-le-stanze-dell-arte-ora-sono-musicali
Data per data, volto per volto
Musica
04.02.2021 - 11:520

Chiasso, le 'Stanze dell'arte' ora sono musicali

Chiusa l'esposizione dell'arte giovane allo Spazio Officina, dal Cinema Teatro in streaming con i nuovi talenti del Canton Ticino

Sono sempre aperte ‘Le stanze dell’arte’ a Chiasso. Arte intesa in tutte le sue forme, sempre nell’accezione giovanile del progetto così denominato. Stanze intese come visibilità del lavoro e del talento delle nuove leve in un momento storico ancor più complesso per chi ha appena messo piede sulla scena artistica. Lasciando lo Spazio Officina, sede dal 18 dicembre scorso e fino al 9 gennaio di quest’anno delle prime otto stanze – tra pittura e scultura, fotografia e disegno – giusto il tempo di attraversare via Dante Alighieri per entrare al Cinema Teatro e si aprono le stanze dei nuovi interpreti della musica, ovvero il ciclo d’incontri musicali classici con i nuovi talenti del Canton Ticino. Il Centro Culturale Chiasso ha predisposto, uno ogni martedì alle 20.30, quattro concerti di artisti emergenti ma con ampia esperienza anche al di fuori dei confini ticinesi.

Gli appuntamenti sono ovviamente a porte chiuse, in diretta streaming, fruibili gratuitamente su www.centroculturalechiasso.ch. Si comincia il 9 febbraio con il pianista Andrea Jermini, si prosegue il 16 febbraio con il duo di violoncellisti Ferazzini-Hauri; il 23 febbraio sarà la volta del violinista Emanuele Zanforlin con la pianista Silvia Pellegrini e, per finire, il 2 marzo è previsto il recital dell’arpista Elisa Netzer. L’offerta sul sito del Centro Culturale è multipla: prima del concerto, un breve video introdurrà il/i protagonista/i; i contenuti musicali dell’esibizione saranno approfonditi dalla lettura musicologica di Francesco Bossaglia, direttore assistente dell'Ensemble900 del Conservatorio della Svizzera italiana, preparatore dell'Orchestra sinfonica del Conservatorio e docente di musica da camera; sempre sullo stesso sito, al termine del concerto, porte aperte al pubblico in videoconferenza su Zoom per interagire con musicisti. A completamento del tutto, nella stessa sede web, il singolo concerto registrato, disponibile per sette giorni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved