otto-giovani-artisti-per-otto-stanze-dell-arte
Dal 18 dicembre al 9 gennaio 2021, ingresso libero
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
7 ore

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
7 ore

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
Arte
8 ore

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia
Culture
8 ore

Alborghetti racconta i suoi ‘Corpuscoli di Krause’ al Ciani

L’incontro dedicato alla raccolta poetica del Premio svizzero di letteratura si svolgerà venerdì 1° luglio, alle 18, nell’ambito di Chilometro Zero
Spettacoli
9 ore

Osi Brass sull’alpe Foppa per la prima data di ‘be connected’

L’Orchestra della Svizzera italiana lancia una nuova rassegna in luoghi e modalità inediti. Domenica 3 luglio è la data inaugurale.
Arte
9 ore

La presidenza dell’Associazione dei musei svizzeri ad Haensler

La direttrice del Museo Villa dei Cedri di Bellinzona è stata nominata all’unanimità dall’assemblea generale. Entrerà in carica il prossimo 1° agosto.
Società
10 ore

I dimenticati della pandemia al centro del Premio Carla Agustoni

Il concorso di quest’anno è aperto ai lavori dei giornalisti della stampa scritta. Il termine di consegna è il 31 agosto 2022.
Spettacoli
12 ore

Johannes ‘il progressista’ Brahms al Montebello Festival

La 16esima edizione della manifestazione internazionale della musica da camera omaggia il compositore a 125 anni dalla sua morte. Dal 5 al 15 luglio.
Spettacoli
13 ore

Bo Dollis, Nojo e Falls nella notte di JazzAscona

Il programma di domani, giovedì 30 giugno, propone l’esibizione di alcune stelle della musica di New Orleans e alcuni debutti (dalle 20)
Musica
18 ore

Coro Clairière ed Edvard Grieg Youth Choir, il Lac è posticipato

Causa disagi del traffico areo internazionale, salta il concerto previsto questa sera nella Hall. Confermato quello norvegese del 6 agosto
Fotografia
18 ore

‘Frontstage’ di Massimo Rana, il rock in mostra a Morcote

Ventotto ritratti in bianco e nero dagli AC/DC a Frank Zappa, dal 2 al 17 luglio, ogni weekend nella Sala Maspoli del Municipio
Spettacoli
19 ore

In 20mila per il concerto-riappacificazione fra Fedez e J-Ax

Piazza Duomo ha ospitato ‘LoveMi’, l’evento gratuito di beneficenza organizzato dalle due star a favore dei bambini con patologie neurologiche complesse
Spettacoli
1 gior

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
1 gior

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
Culture
1 gior

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
2 gior

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
2 gior

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
2 gior

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
2 gior

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
2 gior

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
2 gior

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spazio Officina
17.12.2020 - 19:40

Otto giovani artisti per otto Stanze dell'arte

È la mostra aperta dal 18 dicembre a sabato 9 gennaio 2021 a Chiasso, curata da Antonio d'Avossa e Nicoletta Ossanna Cavadini, nostra interlocutrice.

Sono nati tra il 1985 e il 1996, tutti e otto con in mano un Bachelor of Arts, divisi in otto spazi geometrici ricavati all’interno dello Spazio Officina di Chiasso e denominati ‘Stanze dell’arte’. Dal 18 dicembre 2020 a sabato 9 gennaio 2021, il tema della creazione artistica nelle giovani generazioni è gratuitamente in mostra. L’esposizione – illustrata nella mattinata di oggi alla presenza di sei degli otto artisti – è curata da Antonio d’Avossa, critico d’arte e professore emerito di storia dell’arte contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Brera, e da Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo e dello Spazio Officina. Due curatori per raccogliere due istanze: l’invito di Philippe Bischof, direttore della Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia, a creare sostegno fattivo agli artisti svizzeri e quella che, più che un’istanza, è un tema filosofico e simbolico allo stesso tempo. Lo raccoglie Ossanna Cavadini da ‘Stanze. La parola e il fantasma nella cultura occidentale’, opera del filosofo italiano Giorgio Agamben che, a proposito della peste del XIII secolo, si fa tramite di quella “tristizia salutifera” che, dal flagello, ci permette di tirar fuori forza e virtù. Anche dal flagello che stiamo vivendo.

Cita invece Marcel Duchamp, Antonio d’Avossa, per definire il rapporto tra l’opera e chi la guarda: “L’opera la fa il pubblico”. Perché «nel momento in cui viene realizzata, l’opera ha bisogno della mostra, dell’esibizione, dell’esposizione. Deve uscire dalla solitudine dello studio, della stanza, e relazionarsi al pubblico, dove continuerà a vivere». E la stanza, a Chiasso, non è più lo studio, l’atelier in cui l’artista lavora, ma «uno spazio totalmente diverso con il quale l’opera si misura, si confronta, si sottopone a verifica, nell’ansia positiva dell’esibizione». L’esposizione avrà un corrispettivo nel dirimpettaio Cinema Teatro non appena i teatri potranno riaprirsi in sicurezza, per aggiungere altra arte giovane a quella museale, questa volta in forma musicale, danzante, recitante, secondo una programmazione da calibrare sugli accadimenti prossimi e sulla presenza di un pubblico. «Sarebbe stato bello sviluppare contemporaneamente uno scambio tra spazi – spiega Armando Calvia, direttore del Cinema Teatro Chiasso – ma vedo comunque in questa mostra l’occasione di partenza e di sviluppo futuro tra questi artisti e quelli che arriveranno da noi in primavera».

È permesso?

La Stanza 1, l’ingresso, è affidata all’espressione artistica di uno scenografo, Daniele Bavera. Classe 1995, un diploma in scenografia all'Accademia di Belle Arti di Brera, la ‘Persona’ e soprattutto l’‘Icarus’, frutto di assemblaggio e saldatura di ossa e struttura metallica, sono un ottimo ‘tanto per cominciare’. La Stanza 2 è abitata da Daniele Walker, classe 1992, un diploma come industrial designer all’Ecal di Losanna. Ispirato da Nathalie du Pasquier, Nigel Peake e Bruno Munari, ha «bloccato scheletri di automobili in una stanza per fermarli nel tempo di queste vacanze», dice presentando il suo lavoro. La Stanza 3 è occupata dalle visioni dantesche di Lorenzo Terzaghi. Classe 1995, laureato in Comunicazione visiva presso la Supsi a Trevano. I colorati scatti digitali dei gironi dell’Inferno – Iracondi in primis, vedi caffettiera poco sopra – strappano sguardi e compiacimento.

Giro di boa. Stanza 4, quella di Gianna Tönz, diploma in pittura a Brera, una ricerca basata sulla valorizzazione degli oggetti del quotidiano con occhi iperrealisti, a muovere una matita grassa. La Stanza 5 è della chiassese Antonia Boschetti, anch’ella diplomata in pittura a Brera, calata su simboli, miti e favole. Il suo «Inno alla vita», così definisce il suo spazio, include la creatura che porta in braccio (incantata dal microfono mentre mamma parla al pubblico). E il suo essere madre è nella sequenza ‘La lepre e la luna’, ma anche nei bellissimi acquerelli del ‘Grande albero’ (grandi alberi, più d’uno). Nella Stanza 6 ci sono i quattro elementi verticalmente ‘monolitici’ dell’opera anonima di Valerio Abate, diplomato in pittura a Brera, studi presso l’Universität der Künste di Berlino, qui nell’esplicitazione dello studio e dell'assemblare di grafemi. Nella Stanza 7 c’è Tatiana Valsangiacomo, che a Brera si è diplomata in scultura. Le sue forme umane sono il frutto di una ricerca interiore partita da Jung e arrivata a Nietzsche: “Nella mia stanza si vede me stessa e basta”. Più chiaro di così. Per finire, la Stanza 8 con le stampa d’arte di Vanessa Fraschina, diplomata in pittura a Brera, che illustra il suo tema, quello della ferita come «condizione universale umana e soprattutto della donna», ma anche come «ferita personale, trauma interiore». Una ferita da vedersi anche come «positiva, in quanto si rimargina».

Nicoletta Ossanna Cavadini: ‘Essere d'aiuto al pensiero e alla visione’

«Il primo pensiero è sempre quello di limitare l’attività espositiva per assenza di pubblico. Ma è proprio in momenti di crisi che il ruolo della cultura diventa fondamentale». Nicoletta Ossanna Cavadini racconta a laRegione la genesi di questa mostra: «Dopo riflessione profonda ci siamo riappropriati, lancia in resta, della forza di contattare le giovani promesse incontrate in passato. Ne è uscita una selezione destinata a un pubblico eterogeneo per comprendere che, nel mondo dell’arte, il Canton Ticino ha talenti diversi, che studiano in posti diversi, che hanno relazioni con entità culturali diverse, ma che stanno sperimentando. Offrire, nel sistema dell’arte, l’occasione espositiva è fatto estremamente determinante nell’arco temporale che va dai 25 ai 35 anni, momento in cui esiste la seria possibilità di perdere un artista per sempre, per ritrovarlo rigenerato su altre professioni, magari opposte».

Un arco di tempo rischioso che diventa ancor più tale oggi, che forse già ci siamo persi qualche artista di domani: «E infatti questa è la nostra risposta al grido d’allarme molto profondo e bello contenuto nel testo di Bischof. Avevamo iniziato così l’8 di marzo, con la mostra dedicata alla grafica di Giacometti che apriva per la prima volta una finestra collaterale a un giovane artista del posto, Gabriel Stöckli. Da questo elemento, che rimarrà come punto di riferimento, è nata questa mostra. Una struttura come la nostra ha il compito fondamentale di essere vicina, capire, dare opportunità. Le Stanze dell'arte sono un segno positivo e di aiuto, minimo, economico e, allo stesso tempo, una spinta a riprendere la fiducia in sé stessi e in quella che è la visione dell’artista, anello determinante, in rapporto alla società».

Anche il m.a.x. museo – dove la grafica di Alberto Giacometti è sempre ‘al confine fra arte e pensiero’, almeno fino al 9 gennaio 2021 – ha una stanza aggiuntiva, e cioè la Hall, nella quale per l'Avvento è esposta, gratuitamente, la ‘Madonna con Bambino’ di Peter Paul Rubens: «Vi sono uniti una bellissima scheda – conclude la direttrice – e un sottofondo di musica barocca. Molte coppie di persone, anziani di solito, tornano più volte durante la settimana, come per rigenerarsi, ossigenarsi. È il bello del non fermarsi, dell'essere d’aiuto al pensiero e alla visione» (info@maxmuseo.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved