Venezia
Torino
20:45
 
LECHEMIA E./LOHOFF J.
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
21:00
 
nelle-stanze-dell-arte-di-andrea-jermini-pianista
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

Premio Möbius Multimedia, annunciati i finalisti

La 25esima edizione si terrà i prossimi 15 e 16 ottobre allo Studio 2 della Rsi a Lugano-Besso
Casa della Letteratura
2 ore

Viaggio tra le scritture di Doris Femminis Luca Brunoni

A Lugano il 30 settembre, oltre le letture, attraverso sei oggetti, i due autori esporranno sguardi, paure, punti di atterraggio, ispirazioni e progetti futuri
Spettacoli
4 ore

Il Festival Internazionale del Teatro al via con ‘Fedra’

Parte con due prime assolute la 30esima edizione del Fit Festival. Primo atto, il nuovo lavoro di Leonardo Lidi, che torna a collaborare con il Lac
Spettacoli
6 ore

‘Vaccinatevi!’, ve lo chiedono gli Stones

In occasione della data di St. Louis, l’appello ai fan a recarsi allo stadio vaccinati, e se non vaccinati, almeno avendo fatto il tampone
Spettacoli
8 ore

Tony Awards, Broadway incorona ‘Moulin Rouge!’

Dieci premi per l’adattamento teatrale del film con Nicole KIdman ed Ewan McGregor, tra i quali Miglior Musica e Miglior Attore in un musical, Aaron Tveit. 
Società
15 ore

Abraham Yehoshua e la pace di uno Stato binazionale

Lo scrittore israeliano in esclusiva a ‘Naufraghi’: il progetto di una Federazione che sancisca finalmente la pace, ‘un sogno possibile’
Società
23 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
1 gior

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
1 gior

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
1 gior

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
1 gior

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
1 gior

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
1 gior

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Streaming
08.02.2021 - 12:270
Aggiornamento : 16:33

Nelle 'Stanze dell'arte' di Andrea Jermini, pianista

Martedì 9 febbraio, su www.centroculturalechiasso.ch, il giovane ticinese apre la rassegna online del Cinema Teatro Chiasso. L'intervista.

La formula è nota: quattro concerti, uno ogni martedì alle 20.30, per quattro giovani nomi dell’arte applicata alla musica (e viceversa) del nostro cantone. Il Cinema Teatro Chiasso, aperto solo in streaming, li ospiterà su www.centroculturalechiasso.ch a partire da domani, martedì 9 febbraio. Si tratta delle ‘Stanze dell’Arte’ allestite per dare visibilità alle nuove leve in questo particolare momento di scollamento tra pubblico e artista. Momento così complesso per chi, in età decisiva per le scelte future, si affaccia sul mondo dell’arte. Per ognuno de quattro nomi, online, un concerto, l’introduzione musicologica di Francesco Bossaglia, la conferenza in Zoom post-esibizione e la registrazione della performance, a disposizione della Rete per una settimana. I nomi sono Andrea Jermini, pianoforte (9 febbraio), il duo di violoncellisti Ferazzini-Hauri (16 febbraio), il violinista Emanuele Zanforlin con la pianista Silvia Pellegrini (23 febbraio) e, a chiudere, l’arpista Elisa Netzer (2 marzo).

Evoluzione

Ventuno anni il 23 marzo, una sostanziosa bacheca di premi nazionali e internazionali – uno ‘Yamaha scholarship award 2019/2020’, il primo premio e premio barocco al concorso Antonio Salieri (2013), quello al Concorso svizzero di musica per la gioventù (2015), una borsa di studio vinta al ‘Maria Giubilei’ a Salisburgo (2017) – per Andrea Jermini, il Cinema Teatro è una vetrina, ma anche un’occasione per tornare davanti a un pubblico: «Sono veramente felice di poter suonare a Chiasso, su un palco che ha ospitato Sokolov, Lozacovich, solo per citare due dei grandi nomi transitati negli ultimi anni», racconta a laRegione il pianista ticinese. Pubblico con cui ha «un rapporto continuativo, perché è parte dell’esecuzione e con l’artista si fonde in una simbiosi che vale sia che io mi trovi sul palco suonare o in platea ad ascoltare».

Anche per un ventenne, non soltanto per i musicisti più ‘navigati’ confrontati alla tecnologia, questa modalità online è «una novità assoluta e pure una nuova sfida, indubbiamente, per me ma anche per il pubblico, perché un recital di 45 minuti visto da casa è qualcosa d’inconsueto. Ma bisogna guardare avanti, adeguarsi al momento molto particolare. Adattarsi, d’altra parte, è anche una delle ragioni dell’evoluzione umana». Sempre a proposito della novità assoluta: «Il concerto in streaming? La cosa che più s’avvicina, vista dalla mia prospettiva, è la registrazione, di cui ho già esperienza». E quanto al post concerto in Zoom, col pianista a disposizione dei videoascoltatori: «Bello. Mi sento già un po’ sciatore, intervistato alla fine della discesa, ma anche questa è una cosa nuova per me, da analizzare a caldo. Si vedrà».

Mutazione

L’adattamento al momento storico, per Jermini, si applica ancor prima alla mutazione del metodo d’insegnamento, e cioè le lezioni da casa per quanto concerne le materie teoriche, fatta salva la lezione individuale: «Per quanto riguarda lo strumento, abbiamo la fortuna di poter continuare a fare lezione in presenza, cosa che, rispetto a quanto accaduto a marzo, rende la situazione meno difficile. Perché fare lezione di pianoforte su Skype, a maggior ragione se l’insegnante, come nel mio caso, ha 82 anni, è qualcosa di davvero complesso. Ma ci siamo riusciti». Quanto alla mutazione delle abitudini quotidiane, «provo a cogliere l’opportunità. Come aspirante artista, questo può essere anche preso come un periodo di possibile ricerca, si ha il tempo di poter lavorare su cose sulle quali solitamente non è possibile, cosa che immagino accada un po’ in tutti gli ambiti».

Insomma. Fermarsi a vent’anni, ancor più in campi artistici, non è il massimo della vita: «È vero che non abbiamo concerti settimanali, è vero che la nostra vita non è esattamente stravolta, come potrebbe essere per un Francesco Piemontesi, tanto per far un nome. La cosa più importante, comunque, è che io possa continuare a fare lezioni con la mia insegnante e proseguire con la mia formazione, anche perché, proprio perché mi trovo nel mezzo di un percorso formativo, interromperlo come purtroppo è successo a marzo sarebbe la cosa più grave. Un'interruzione di quel tipo mi potrebbe davvero cambiare la vita».

© Regiopress, All rights reserved