Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(3-2)
le-stanze-dell-arte-benvenuti-in-quella-di-milo-ferrazzini
CelloDuo Hari-Ferrazzini
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

Premio Möbius Multimedia, annunciati i finalisti

La 25esima edizione si terrà i prossimi 15 e 16 ottobre allo Studio 2 della Rsi a Lugano-Besso
Casa della Letteratura
3 ore

Viaggio tra le scritture di Doris Femminis Luca Brunoni

A Lugano il 30 settembre, oltre le letture, attraverso sei oggetti, i due autori esporranno sguardi, paure, punti di atterraggio, ispirazioni e progetti futuri
Spettacoli
5 ore

Il Festival Internazionale del Teatro al via con ‘Fedra’

Parte con due prime assolute la 30esima edizione del Fit Festival. Primo atto, il nuovo lavoro di Leonardo Lidi, che torna a collaborare con il Lac
Spettacoli
7 ore

‘Vaccinatevi!’, ve lo chiedono gli Stones

In occasione della data di St. Louis, l’appello ai fan a recarsi allo stadio vaccinati, e se non vaccinati, almeno avendo fatto il tampone
Spettacoli
9 ore

Tony Awards, Broadway incorona ‘Moulin Rouge!’

Dieci premi per l’adattamento teatrale del film con Nicole KIdman ed Ewan McGregor, tra i quali Miglior Musica e Miglior Attore in un musical, Aaron Tveit. 
Società
15 ore

Abraham Yehoshua e la pace di uno Stato binazionale

Lo scrittore israeliano in esclusiva a ‘Naufraghi’: il progetto di una Federazione che sancisca finalmente la pace, ‘un sogno possibile’
Società
23 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
1 gior

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
1 gior

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
1 gior

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
1 gior

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
1 gior

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
1 gior

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
2 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Cinema Teatro Chiasso
 
15.02.2021 - 17:050
Aggiornamento : 19:26

Le Stanze dell'arte: benvenuti in quella di Milo Ferrazzini

Classe Duemila, con il padre Claude Hauri è la metà del CelloDuo, live in streaming martedì 16 febbraio dal Cinema Teatro Chiasso. Lo abbiamo incontrato.

È contento di poter suonare al Cinema Teatro Chiasso, e non solo perché è di Chiasso, ma perché palco importante. Milo Ferrazzini, classe Duemila, è una delle promesse ticinesi della classica e il Centro Culturale Chiasso gli ha arredato una delle quattro ‘Stanze della musica’ che dallo scorso 9 febbraio, ogni martedì alle 20.30 in streaming, portano all’attenzione del pubblico la scena musicale giovane nel momento cardine di una carriera artistica, quell’età durante la quale si compiono scelte decisive e che la pandemia non sta agevolando. Archiviato l'appuntamento con il pianista Andrea Jermini, aspettando quello di martedì 23 febbraio con Emanuele Zanforlin (violino) e Silvia Pellegrini (pianoforte), e prima della chiusura del 2 marzo con l’arpista Elisa Netzer, questa sera è la volta di Milo Ferazzini con Claude Hauri, un CelloDuo composto di padre e figlio incentrato sul non moltissimo materiale scritto per duo di violoncelli e su tutto il molto che a esso si può adattare, da Bach a Vivaldi, da Piatti a Dvorák, da Arutjunjan a Paganini, da Barrière a Monti, da Saint-Saens a Popper.

Da Chiasso a Monaco di Baviera

Dall’ottobre del 2019, Milo Ferrazzini studia alla prestigiosa Hochschule für Musik und Theater München, nella classe di Maximilian Hornung. Ma nel 2018 aveva già vinto il primo premio al Concorso svizzero di musica per la gioventù nella massima categoria, da cui la borsa di studio assegnatagli dalla fondazione Ruth ed Ernst Burkhalter; nel 2019, il primo premio nello stesso concorso, ma nella categoria ‘Musica da camera’, in duo col pianista Leonardo Crespi; nel 2020 la semifinale al concorso giovanile internazionale ‘Anna Kull’ di Graz. Tra le collaborazioni, il ‘Trio con moto’ (primo al concorso internazionale ‘Jugend musiziert’) e ‘theXcellos’, ensemble che dalla classica straripa nelle terre del rock e del pop. Milo cita Yo-Yo Ma, «uno che ha sfruttato e sta sfruttando lo strumento in campi prima impensabili». Uno strumento, il suo, «estremamente duttile, del quale, con gli Xcellos, cerchiamo di sfruttare tutte le potenzialità» (proprio tutte, fino a ‘The Final Countdown’ degli Europe).

Al live in streaming, Milo giunge preparato: «È già successo durante il primo lockdown, ma nulla di paragonabile all’avere un pubblico davanti. Fa comunque piacere sapere che molta gente da casa possa allietarsi le serate o i pomeriggi ascoltandoci». Niente a che vedere, l'online, per chi negli ultimi anni ha girato parecchio tra la Svizzera e l’Italia e trova nel suonare davanti a un pubblico «uno dei motivi per i quali si fa musica», e per i quali ha scelto di studiare violoncello a Monaco, «scuola di altissimo livello, bellissima realtà con molte possibilità e tanta offerta: il primo semestre, da ottobre 2019, c’era ancora la possibilità di andare ai concerti, l’Opera (Opera di Stato della Baviera, ndr) è molto vicina a dove studio».

Stimoli e passione

Come accade in Ticino, anche Milo può studiare lo strumento in presenza: «A Monaco il Conservatorio è aperto per le lezioni pratiche. Studiare online le materie teoriche non è un problema, anzi. Diverso è lo studio di uno strumento all’interno della lezione individuale, che se fatta non in presenza, così come successo durante il primo lockdown, proprio non funziona». E la pratica in presenza è gia qualcosa, in un periodo in cui perdere gli stimoli è un attimo: «A ogni concerto saltato c’è da ricostruirsi il morale. Spesso è capitato che si annullassero concerti con due-tre giorni di anticipo, mentre tu sei lì pronto, preparato al massimo, magari coi biglietti per l'aereo o per il treno già acquistati».

Non ci vuole molto a capire che è riconducibile al padre, affermato violoncellista, la scelta «non imposta» fatta da Milo, unico di tre fratelli a seguire la via paterna: «Da bambino il volerlo emulare è stato uno stimolo, all’inizio per gioco, in tranquillità, ma poi è diventata una passione, soprattutto negli ultimi anni». Decisivo, in questo senso, il pre-college al Conservatorio di Lugano. E poi, «arrivato in quarta liceo, mi sono detto che era il caso di provarci». E adesso c'è solo un imprevisto da superare: «Quando questo lungo stop sarà finito, spero di poter riprendere a suonare con la frequenza di prima, e tornare a fare cose normali come viaggiare, o suonare in orchestra, che oggi sono diventate impossibili».

---

‘Le Stanze dell'arte’
Nuovi interpreti della musica
Ciclo di incontri musicali classici con nuovi talenti del Canton Ticino
(introduzione ai programmi a cura di Francesco Bossaglia)
In diretta streaming dal Cinema Teatro di Chiasso su www.cinemateatrochiasso.ch

 

© Regiopress, All rights reserved