laRegione
vincenzo-vela-200-anni-dopo-e-sempre-poesia-del-reale
Nel riquadro, Gianna A. Mina, curatrice della mostra e direttrice del Museo Vincenzo Vela di Ligornetto
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Osi in streaming, il contrappunto al tempo della dodecafonia

Mercoledì in un Lac senza pubblico, Markus Poschner ha diretto la Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók e la Suite op. 4 di Richard Strauss
Spettacoli
8 ore

USA, truffava personaggi di Hollywood, ora è in manette

I raggiri, opera di un 41enne indonesiano e di suoi collaboratori, avvenivano grazie anche a imitazioni della voce.
Musica
11 ore

'Mai più come siamo ora': Led Zeppelin, il giorno dell'addio

Era il 4 dicembre 1980, e la morte di John Bonham a settembre fu il punto di non ritorno. Nemmeno un paio di discutibili ritorni ne ha mai scalfito il mito.
Spettacoli
20 ore

Leonardo, un’esperienza tra storia e invenzione

Presentata a Lugano la ‘Da Vinci experience’, mostra immersiva dedicata al genio rinascimentale. Dalla realtà virtuale ai modellini, spunta anche la bicicletta (che lui mai disegnò)
Letteratura
20 ore

La casa di Tolkien in vendita: i vip si mobilitano

'Si faccia un museo!'. E una campagna internazionale di crowdfunding è partita nella speranza di preservare il luogo in cui nacque la saga di tutte le saghe.
Spettacoli
22 ore

Riapre la Royal Albert Hall, e saranno 150 anni

Ottimisticamente, Eric Clapton, Patti Smith e i Beach Boys sono i nomi già annunciati per festeggiare il secolo e mezzo di uno dei templi di Londra
Musica
23 ore

All'asta le chitarre di Van Halen (anche la Frankenstrat)

Tre esemplari usati dal chitarrista scomparso in ottobre battuti per complessivi 422mila dollari: 231 solo per l'iconica Kramer personalizzata,
Musica
1 gior

‘CuiTémpCheTira!’, il lockdown del multimediale Marco Zappa

Libro, cd, dvd, partiture. E i disegni di Adriano Crivelli. È la storia di cantautore e consorte (e un po' anche la nostra). Domenica in streaming dalla Rsi
Società
1 gior

Scarlett Johansson all'Egitto: 'Rilasciateli, sono innocenti'

'Chiedo l'immediato rilascio di Gasser, Karim, Mohamed e Zaki', dichiara l'attrice in un video. 'L'unico crimine: difendere la dignità degli egiziani'.
Spettacoli
1 gior

Montreux Jazz Festival, manifesto della speranza

Presentato oggi il cartellone della 55esima edizione, dal 2 al 17 luglio 2021. Lo ha realizzato Française Marylou Faure e mostra una donna cullata dalla musica
Scienze
1 gior

Via Lattea, censiti due miliardi di stelle

Per la precisione, 1'811'709'771. Sono i risultati del nuovo catalogo astronomico della Early Data Release 3 dell'Agenzia Spaziale Europea.
Scienze
1 gior

Ticino terra di scienza. Con un sito per raccontarla

Nasce www.ticinoscienza.ch, testata online per raccontare la ricerca scientifica basata nel nostro cantone. Ne parliamo con Silvia Misiti e Paolo Rossi Castelli
Cinema
1 gior

Dal vivo o in streaming? Il toto-Oscar è cominciato

Variety è per la prima ipotesi. Hollywood Reporter: 'Non fanno programmi per il fine settimana, figuriamoci per il 2021'
Culture
1 gior

Fondazione John Eccles, il simposio è in forma virtuale

'Acquisizione delle lingue fra corpo e facoltà di linguaggio' si terrà sabato 5 dicembre dalle 8.30 attraverso la piattaforma Teams
Cinema
1 gior

Locarno Kids HomeMade Movies, un mini-pardo per undici

Proclamati i vincitori. I cineasti in erba vedranno le proprie opere proiettate durante il Locarno 74, all'inizio di ogni film dedicato ai più piccoli.
Musica
2 gior

Gli 'Alieni' di Kaso, aspettando il vinile di 'Funziona'

Il nuovo brano anticipa la versione in vinile di 'Funziona', album uscito a maggio, atteso il 16 dicembre. Nel nuovo formato, il 2° inedito 'Come bestie'.
Spettacoli
2 gior

SOLOcon Amleto, Santoro al Teatro Foce

Il recital di Emanuele Santoro, tratto da William Shakespeare, va scena venerdì 4 dicembre alle 20.30
Spettacoli
2 gior

Jazz Cat Club, rinviati Christian Willisohn e Uli Wunner

I concerti del 4 e 5 dicembre non si terranno. Confermati, invece, quelli del 18 dicembre con Paddy Sherlock e del 19 dicembre con Elle Birath
Arte
24.10.2020 - 18:000

Vincenzo Vela: 200 anni dopo è sempre 'Poesia del reale'

Con Gianna A. Mina in 'visita guidata' alla monografica che si apre domenica 25 ottobre, aperta sino al 5 dicembre 2021.

È dal 1992 – cent’anni dopo la donazione di Villa Vela alla Confederazione da parte di Spartaco Vela, figlio di Vincenzo (da cui lo 'Spartaco') – che la storica dell'arte Gianna A. Mina dirige il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto. A duecento anni dalla nascita dell'artista chiediamo a lei, in quanto curatrice, di parlarci di ‘Vincenzo Vela (1820-1891). Poesia del reale’, monografica che si apre domenica 25 ottobre per durare sino al 5 dicembre 2021. Un’estensione di quanto già esposto al piano terra e che attraverso dodici sezioni vuole approfondire, di Vela, il dualismo artista innovativo - uomo calato nel proprio tempo. «Vorremmo proporre una lettura della rivoluzione portata dallo stile di Vela, che irrompe all’inizio degli anni Quaranta dell’Ottocento a Milano, quando già il neoclassicismo si stava sfinendo di forze», spiega la direttrice. «Vorremo spiegare perché riteniamo che questo scultore sia degno di approfondimento a duecento anni dalla sua nascita, facendo comprendere, mi auguro, come il suo realismo è sì un’adesione e un atto di fede nei confronti dell’atto reale, ma senza mai scadere nella pura descrizione. L’elemento lirico, l’interpretazione creativa, è elemento fondamentale. Ecco perché ‘Poesia del reale’».

Le prime sale del museo sono dedicate all’illustrazione del processo creativo dell’artista, basato sin dall’inizio sull’utilizzo del calco dal vero. Qui unito a un’altra peculiarità: «Oltre ai calchi di porzioni di corpo, sono esposti anche i suoi disegni, aspetto forse meno noto. Vela viene descritto dai coetanei come un fenomeno, perché disegna come un pittore e non come uno scultore». Il Vela che «continua a ‘dipingere’ mentre fa scultura» e il Vela «che modella», quello delle due crete non cotte in mostra per la prima volta: «È una rarissima fortuna osservare un’opera nel suo stadio iniziale come il medaglione dei coniugi Camozzi, che ci mostra l’assoluto pittoricismo, parte della rivoluzione scultorea che ben conosciamo».

Memoria fotografica

Insieme al processo creativo, a fianco della «virilità» del piano terra, due sale speciali al primo piano sono dedicate ad alcuni monumenti funebri. «Soprattutto angeli, visto che nel momento in cui è chiamato a realizzare opere funerarie, Vela cerca di evitare il dato cristiano. Si tratta di figure angeliche che sono ancora una volta l'occasione di rappresentare sì, qualcosa di non reale, ma non legato a un filone religioso». Una sala centrale è dedicata ai ritratti d’infanzia, «di un verismo senza sentimentalismi, mai stucchevole, mantenendo la distanza critica di chi rappresenta, cosa che lo rende ancor più moderno».

E poi c’è la collezione fotografica. Le oltre mille fotografie a disposizione sono una delle più antiche collezioni in Ticino e, in generale, tra quelle in possesso della Confederazione: «Quello della fotografia è una vera sorpresa. Ci viene consentito di entrare all’interno dello studio molto approfondito che Vela esegue di questa realtà che tanto apprezza quando gli è dato di realizzare, per esempio, monumenti equestri». Due i casi emblematici: il monumento a Brunswick e il monumento al Correggio, presenti in una ventina di scatti ciascuno. La fotografia, in generale, è utilizzata da Vela non solo come supporto per la creazione ma pure in chiave di ‘marketing’: «Lo scatto da più angolazioni di un monumento, soprattutto se in fase di bozzetto, è una sorta di tridimensionalità impensabile fino all’avvento della fotografia, strategica in ottica di committenza, per definire, ad esempio, il posizionamento di una determinata opera in un contesto non abituale. Vela va oltre la realizzazione, immaginandola nel contesto cittadino, in un parco, all’interno di un edificio. Ovunque».

La ‘Poesia del reale’ è uno spingersi oltre la scia appena lasciata dal ‘Carteggio’, la pubblicazione curata da Giorgio Zanchetti, professore di storia dell’arte contemporanea alla Statale di Milano che lo scorso 12 ottobre ci aveva illustrato il Vela epistolare, gli oltre mille documenti andati a comporre il più dettagliato ‘dietro le quinte’ dell'artista. La ‘Poesia del reale’, oltre a scendere nel processo creativo, soddisfa la necessità di una visione più approfondita: «Dopo l’enorme successo, Vincenzo Vela, a causa del suo esporsi in prima persona, del suo schierarsi, anche in modo radicale, anticlericale – spiega la direttrice – ha patito una critica molto negativa e per questo si è rischiato di perdere di vista il suo grande contributo alla storia della rappresentazione». Nel linguaggio monumentale, per esempio: «Vela, tramite l'opera, riesce a veicolare nel contesto democratico, repubblicano svizzero, piuttosto restio al suo utilizzo, una comunicazione nuova, che oggi definiremmo 'politica'». E ancora: «Vela rifiuta, come bene sottolineato da Zanchetti, il peplo romano per vestire Cavour, lo vuole nell’abbigliamento dell’epoca, è per lui impensabile un’astrazione classicheggiante per ritrarre un coetaneo. Anche questo aspetto fa di lui un innovatore».

Oltre la ricorrenza

I duecento anni dalla nascita dell’artista proseguono, idealmente, anche nel 2021. «Abbiamo in previsione lo studio della biblioteca di famiglia, che ci darà una visione ancora più completa. Un quadro di questo tipo, così esaustivo, è davvero difficile da poter avere quando si parla di uno scultore. E la cosa si deve all’idea di Vela, molto moderna, di tenere tutto, gessi, fotografie». L'anno nuovo produrrà, in particolare, una ‘Miscellanea’ in cui convergerà l’invito esteso a studiosi e studiose che negli ultimi 25 anni hanno dedicato il loro sapere allo scultore, per offrire una nuova, ulteriore lettura. È in arrivo anche un libro di poesie dedicategli da scrittori e scrittrici della Svizzera italiana. «Modi di rendere omaggio che mi auguro possano essere interessanti e soprattutto non celebrativi», conclude Mina. «Ciò che m’interessa è l’eco di Vela oggi, cosa sentiamo arrivare alle nostre orecchie dopo duecento anni» (www.museo-vela.ch).

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved