ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
7 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
8 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
8 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
8 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
8 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
9 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
9 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
9 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
9 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
10 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
10 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
06.10.2021 - 19:11
Aggiornamento: 19:42

La pandemia ci ha resi un po’ più poveri e depressi

È quanto emerge dall’indagine Silc dell’Ufficio federale di statistica. Le risposte dei parlanti italiano sono in linea con quelle nazionali

di Generoso Chiaradonna
la-pandemia-ci-ha-resi-un-po-piu-poveri-e-depressi
Ti-Press
Chi lavorava nella ristorazione ha percepito di più la crisi

L’acronimo inglese Silc sta per Statistics on income and living conditions, ovvero statistica sui redditi e sulle condizioni di vita. Un’indagine che ha lo scopo di studiare la distribuzione dei redditi, la povertà, l’esclusione sociale e le condizioni di vita per mezzo di indicatori confrontabili a livello europeo. L’approccio metodologico è però definito sperimentale ovvero sull’autovalutazione delle persone, in questo caso un campione ridotto di economie domestiche. L’Ufficio federale di statistica (Ust) ha reso noti i risultati, appunto sperimentali, sul periodo della pandemia di Covid nella prima metà del 2021.

Ebbene, il dato che emerge è che il 20% della popolazione svizzera è stato confrontato con diminuzioni reddituali negli ultimi dodici mesi. La metà di questi (l’11,3%) indica la pandemia di Covid come causa principale di questa diminuzione. Pandemia che ha spesso generato perdite a chi era svantaggiato già prima della crisi sanitaria: chi era occupato nei servizi di alloggio e ristorazione (35,5%), chi aveva redditi bassi (19,5%) e gli stranieri (16,7%). L’indagine Silc, che non ha la precisione di un’analisi statistica classica fondata su fonti di dati consolidati, non riporta i risultati per i singoli cantoni ma solo la lingua madre in cui è stata svolta l’intervista. Rimanendo alla sola autovalutazione della diminuzione del reddito emerge che la percezione del calo tra i parlanti italiano (si può dedurre che corrispondano quasi integralmente ai ticinesi) c’è stato. È però rimasto sotto la media svizzera sia per quanto riguarda la diminuzione in generale negli ultimi 12 mesi (circa il 15%, la media svizzera è del 20%, ndr), sia per il calo imputabile alla pandemia (il 9% circa contro l’11,3% nazionale). Sono di più i rispondenti in lingua francese coloro che hanno visto le entrate calare maggiormente: il 22% circa indica una diminuzione generale e il 15% la mette in relazione alla pandemia. L’intervallo di confidenza di questi risultati è però del 95%. Questo vuol dire che il margine di errore della stima è più elevata.

Tuttavia, si spiega ancora nella nota dell’Ust, tra il 2019 e il 2021 la quota di persone che sono riuscite facilmente o molto facilmente a sbarcare il lunario è aumentata dal 48,4 al 57,9%, quasi dieci punti percentuali in più. “Ciò si spiega, oltre che per un generale calo dei consumi, anche perché nel periodo in rassegna si è più spesso rinunciato ad attività ricreative, come andare al ristorante oppure praticare attività sportive o culturali”, si legge.

Più sicurezza del posto di lavoro

Un dato che sorprende è l’aumentato senso di sicurezza verso l’impiego. All’inizio della crisi sanitaria sono state manifestate preoccupazioni in merito alla situazione finanziaria futura, in particolare ci si è sentiti molto meno sicuri del posto di lavoro.

Dopo un forte peggioramento durante il confinamento parziale del 2020, la percezione soggettiva della sicurezza dell’impiego è di nuovo migliorata. A livello nazionale la quota della popolazione occupata che valuta molto basso il rischio di perdere il posto di lavoro è salita dal 53,5% durante il primo lockdown al 60,5% nel 2021, pur rimanendo significativamente al di sotto del livello del 2019 (64,6%).

Gli intervistati in lingua italiana hanno affermato che il sentimento di sicurezza è addirittura aumentato. Nel 2019 questo sentimento era di circa il 53%, per salire al 60% prima del confinamento parziale del 2020 e scendere al 50% durante il primo lockdown. Un dato che è poi salito quasi al 60% nel 2021.

La pandemia ha avuto anche effetti sul morale della popolazione, in particolare tra i giovani. Il 40,2% ha indicato che nella prima metà del 2021 ha percepito ripercussioni negative. La quota si è rivelata particolarmente elevata per le persone tra i 16 e i 24 anni (55,1%), per quelle con una formazione universitaria (44,8%) e per coloro con un reddito autovalutato elevato (45,1%). La crisi sanitaria ha invece avuto meno effetti negativi sul morale delle persone residenti in zone scarsamente popolate (36,4%) e di quelle di oltre 65 anni (26%). Gli intervistati in lingua italiana hanno percepito maggiormente questo disagio: oltre il 43%, la quota più alta di tutta la Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved