nel-2020-il-tempo-di-lavoro-e-diminuito-di-6-4-giorni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

E la Svizzera scopre la promozione diretta dei media online

È la novità del pacchetto in votazione il 13 febbraio. Ma molti Paesi europei la conoscono già da tempo.
Svizzera
14 ore

‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’

Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
15 ore

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen
Svizzera
16 ore

Più di 1’100 terremoti registrati lo scorso anno in Svizzera

Il Servizio sismico svizzero (Sed) fornisce cifre leggermente inferiori a quelle degli anni precedenti: ad aumentare, quelli mediamente forti.
Svizzera
18 ore

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
19 ore

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
19 ore

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
Svizzera
19 ore

Dall’energia solare 15 volte più elettricità entro il 2050

Swissolar presenta un piano in 11 punti per l’espansione del fotovoltaico. Il presidente Grossen: ‘Occorre costruire di più e più rapidamente’.
Svizzera
20 ore

In Svizzera il balzo dei contagi non spinge sulle cure intense

Resta stabile intorno a un quarto dei posti letto totali, la presenza di pazienti Covid nei reparti per i pazienti più gravi. Segnalati 13 decessi
Svizzera
22 ore

Pene più severe per il traffico di piante e animali protetti

Dal 1° marzo chi commercia illegalmente specie protette a livello internazionale rischierà il carcere fino a 5 anni
Svizzera
1 gior

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
1 gior

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
18.11.2021 - 13:150
Aggiornamento : 14:42

Nel 2020 il tempo di lavoro è diminuito di 6,4 giorni

Lo comunica l’Ufficio federale di statistica. Maggiormente colpiti i settori alberghiero e della ristorazione, con un calo del 22,2%

Nel 2020, il primo anno segnato dalla pandemia di Covid-19, il tempo di lavoro è diminuito in media di 6,4 giorni pro capite rispetto all’anno precedente. Il dato corrisponde pressoché alla riduzione del volume di lavoro registrata nei nove anni prima. Il fenomeno è stato particolarmente marcato nei settori alberghiero e della ristorazione, con un calo del lavoro del 22,2%.

Nel decennio dal 2010 al 2020, la durata annuale effettiva di lavoro per persona occupata è diminuita in media di 13,8 giorni. Negli anni precedenti la pandemia, la riduzione può essere spiegata in particolare dall’aumento del lavoro a tempo parziale, delle vacanze e dal calo degli straordinari, indica oggi l’Ufficio federale di statistica (UST) in una pubblicazione ad hoc intitolata “Evoluzione delle durate del lavoro dal 2010 al 2020”, disponibile in tedesco e francese.

Tra il 2019 e il 2020, invece, il calo è dovuto principalmente al lavoro ridotto e ad “altri motivi” – per esempio la quarantena o le restrizioni commerciali per i lavoratori indipendenti nel contesto della crisi sanitaria.

Colpisce la discrepanza tra uomini e donne: i primi hanno lavorato circa 18,5 giorni in meno nel 2020 rispetto al 2010, mentre le seconde hanno avuto solo sette giorni liberi in più. La differenza è dovuta principalmente agli anni prima della pandemia. Nel 2020, le ore di lavoro sono diminuite in modo analogo per entrambi i sessi.

Secondo l’UST, il fatto che le ore di lavoro siano diminuite più significativamente per gli uomini che per le donne negli ultimi dieci anni è dovuto al maggiore aumento del lavoro a tempo parziale tra i maschi. Le donne hanno sempre lavorato molto a tempo parziale, soprattutto per motivi familiari.

Stranieri meno occupati nel 2020

Anche la nazionalità è determinante: prima del Covid-19, il volume di lavoro dei cittadini svizzeri è diminuito di 8,7 giorni, contro 6,5 giorni per gli stranieri.

Nel primo anno dell’epidemia la situazione si è invertita: nel 2020, il tempo di lavoro degli stranieri è diminuito di 10,1 giorni, mentre quello degli svizzeri di meno della metà (4,6 giorni). In tutti i dieci anni, la differenza si è quasi livellata e ammonta a solo 1,2 punti percentuali.

Differenzia anche il modello di attività: durante l’intero decennio, il volume di lavoro degli indipendenti è diminuito di 20,5 giorni, contro 13,1 giorni pro capite tra i dipendenti. Prima della pandemia, la differenza si riduceva di anno in anno; nel 2020, il divario si è allargato di nuovo.

Calo più forte in alberghi, ristoranti e cultura

A distinguere l’andamento concorre in modo determinante anche il ramo economico. Prima del Covid-19, il tempo di lavoro è diminuito più della media nella cultura, nell’agricoltura, nella selvicoltura e nell’amministrazione pubblica. Al contrario, nei settori “trasporti e stoccaggio”, “costruzione” e “attività industriale/fornitura di energia”, nel 2020 il volume di lavoro è risultato analogo a quello di un decennio prima.

Nel primo anno di pandemia, le discrepanze sono aumentate considerevolmente: “Strutture ricettive e ristorazione” hanno registrato un calo del volume di lavoro del 22,2% rispetto al 2019; nella cultura la contrazione ha raggiunto quasi il 10% e nelle imprese dei settori “trasporti e stoccaggio” e “commercio e riparazione” le ore di lavoro sono diminuite rispettivamente del 5,4% e 4,6%.

Italia, Francia e Austria hanno sofferto di più nel 2020

Nel confronto internazionale, il volume di lavoro tra il 2010 e il 2020 è diminuito in modo analogo in Svizzera, con un -7,2%, e nell’Unione europea (Ue, -7,3%). Il calo è invece più marcato nell’eurozona (-8,3%) e in tre paesi limitrofi – Italia (-12,3%), Austria (-9,8%) e Francia (-9,0%). La Germania ha invece registrato un -6,6%.

L’effetto della crisi sanitaria sulle ore di lavoro in Svizzera è stato meno marcato che nell’Ue (-3,4% contro -5,0%) e nei paesi limitrofi. Tuttavia, il calo più pronunciato nella Confederazione tra il 2010 e il 2019 (-3,9% contro -2,4% nell’Ue) porta a una diminuzione della stessa entità in dieci anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved