coronavirus-15-confermati-in-ticino-le-scuole-non-chiudono
Ti-Press/Golay
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Ticino
13 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
15 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
16 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
17 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
20 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
23 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
04.03.2020 - 17:34

Coronavirus, 15 confermati in Ticino. Le scuole non chiudono

All'arti e mestieri di Bellinzona 23 allievi e 4 docenti in quarantena. Case anziani: freno alle visite. Ospedali: interventi programmati potrebbero saltare

Da ieri a oggi sono cresciuti di 9 unità – passando da 6 a 15 – i casi di coronavirus confermati in Ticino. La cifra è emersa nel pomeriggio durante la conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline dove si è fatto il punto della situazione. Fa parte dei 15 anche il doganiere attivo a Chiasso, mentre il milite bellinzonese attivo nella caserma bernese di Wangen an der Aare sta meglio e presto farà ritorno a casa non rendendosi necessario un suo ricovero all'ospedale. Quali le condizioni dei 15? «Una buona parte è isolata al domicilio, pochi i ricoverati», risponde il medico cantonale Giorgio Merlani: «Il secondo dei 15 infettati finora emersi, quello di un'ottantenne malato, rimane in terapia intensiva e intubato».

Arti e mestieri: l'insegnamento prosegue via internet

Confermato anche il primo caso in una scuola ticinese, che è l'Arti e mestieri di Bellinzona: essendo risultato positivo un allievo che ha recentemente avuto contatti con la Lombardia, nella giornata di martedì sono stati visitati i 35 compagni e quattro docenti che ha frequentato negli ultimi due giorni. Stamattina l'esito: 12 allievi sono stati autorizzati a tornare a scuola – rileva il direttore del Decs Manuele Bertoli – mentre gli altri 23 e i quattro insegnanti dovranno osservare un periodo di quarantena della durata di 14 giorni. Per i 23 studenti, che proprio oggi avrebbero dovuto recarsi a Davos per sciare tre giorni, il programma d'insegnamento verrà proposto attraverso la piattaforma informatica della scuola tecnica. La cui Direzione ha provveduto tempestivamente a informare il corpo insegnante e le centinaia di studenti che frequentano il Centro scolastico. La domanda è sempre la stessa: si valuta la chiusura delle scuole in Ticino? La risposta è ancora negativa: «Chiudendole i ragazzi non scompaiono: da qualche parte vanno e potrebbe essere peggio», chiosa Bertoli. Dal profilo salariale i quattro docenti possono intanto stare tranquilli: non perderanno un franco poiché la decisione di porli in quarantena è stata presa dall'autorità cantonale. 

La popolazione dovrà accettare limitazioni

«È un dato di fatto – ha sottolineato il medico cantonale – che l’espansione è in corso nonostante le misure di prevenzione messe in atto. Il virus ha un impatto numerico che potrà essere elevato, ma con poche complicazioni fisiche per la maggior parte delle persone che saranno contagiate, esclusa la popolazione anziana che rischia di più». Di positivo, se così può essere definito, c'è che i 15 casi oggi confermati sono emersi nell’ambito delle indagini ambientali (contatti stretti avuti per almeno 15 minuti a meno di due metri di distanza) effettuate sui pochi individui che si sono autosegnalati risultando poi positivi. Considerata la crescita della casistica che sul medio termine rischia di essere importante, ha aggiunto Merlani, «ci preoccupa l'afflusso di pazienti nelle strutture sanitarie acute; ma per ora siamo lontani da questo scenario». Panico in vista? «È importante stare tranquilli», consiglia Merlani: «Attualmente non c’è motivo di preoccupazione particolare. Tuttavia è vero che  questa situazione cambierà le nostre abitudini. La popolazione dovrà essere disposta ad accettare limitazioni». Quanto alle strutture sanitarie, «seguiranno nei prossimi giorni direttive che varranno per ospedali e case anziani. Per queste ultime è da prevedere una riduzione degli orari di visita, con divieto d'accesso assoluto a chi presenta sintomi». Mentre per le strutture acute «è possibile che nei prossimi giorni venga rifiutato il ricovero elettivo in caso di interventi programmati, così da lasciare posti letto sufficienti a gestire le urgenze da coronavirus».

Ditte fra lavoro ridotto e indennizzi

Il presidente del governo Christian Vitta ha intanto annunciato l'istituzione di un assetto organizzativo strutturato con l'obiettivo di «rispondere in modo efficace e garantire interventi tempestivi». Il coronavirus entra dunque ufficialmente nella quotidianità delle autorità cantonali che devono occuparsi di vari aspetti. Fra questi anche le difficoltà in cui potrebbero trovarsi (e non poche già si trovano) le ditte direttamente o indirettamente toccate dal problema coronavirus. Tre gli strumenti d'aiuto previsti: quello del lavoro ridotto che viene riconosciuto a precise condizioni (la Sezione cantonale del lavoro sta valutando le varie richieste); fideiussioni per chi dovesse trovarsi in temporanei problemi di liquidità (per informazioni contattare la Divisione cantonale dell’economia). In base alla Legge sulle epidemie sono inoltre previste possibilità d'indennizzo. «Sarà importante coordinare queste misure a livello intercantonale», annota Vitta. Quanto al settore turistico, che rischia contraccolpi non da poco, l'Azienda cantonale ha attivato un'apposita task force.

Elezioni comunali, confermato il 5 aprile

Infine il capitolo elezioni comunali in agenda il 5 aprile: poiché molte sezioni politiche locali stanno annullando comizi e incontri informativi, è ipotizzabile procrastinare l'appuntamento con le urne? «Non è un'ipotesi sul tavolo», risponde Vitta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved