ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
3 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
7 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
1 gior

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
1 gior

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
1 gior

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
2 gior

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
2 gior

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
2 gior

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
2 gior

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
2 gior

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
2 gior

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
15.05.2020 - 15:29
Aggiornamento: 17:39

Coronavirus, 50 persone in quarantena in Ticino

Merlani: 'Se a inizio pandemia i contatti stretti per persona erano 15, ora sono 3 o 4. Positivamente impressionato dalla popolazione'

coronavirus-50-persone-in-quarantena-in-ticino
Il medico cantonale Giorgio Merlani

Era stato promesso settimana scorsa ed è prontamente arrivato. Si tratta dell'aggiornamento settimanale del Canton Ticino sulla situazione epidemiologica a sud delle Alpi. «I 7 nuovi casi rilevati nelle ultime 24 ore probabilmente si iscrivano in un andamento variabile tipico dei piccoli numeri», ha commentato il medico cantonale Giorgio Merlani durante l'incontro con la stampa. Insomma: «rumore di fondo». Tuttavia bisogna fare attenzione: «Le epidemie partono sempre dalle piccole cifre ed esaminando la settimana i dati sono comunque in crescita. Non vorrei che fosse all'inizio di una ripartenza. Il virus circola e non è il caso di abbassare la guardia solo perché abbiamo avuto due giorni con 0 contagi e 0 decessi».

La maggior parte dei nuovi casi «si sono registrati in ambito sanitario o sociosanitario, con ancora qualche caso in casa anziani e nel personale delle case. Non sembrano esserci invece focolai in altri ambiti», ha fatto notare Merlani. La ripresa del 'contact tracing' di chi potrebbe aver contratto il virus durante un contatto ravvicinato ha portato sino ad ora 50 persone ad essere messe in quarantena. Una sola di queste ha presentato sintomi; quando è stata contattata dalle autorità, si stava già auto-isolando e aveva già preso appuntamento per un tampone. «Sono colpito da quanto la popolazione ha imparato», ha rilevato Merlani. Una presa di coscienza della cittadinanza che emerge anche nel numero di contatti medi avuti da ogni persona positiva: «A inizio pandemia erano 15, mentre oggi sono 3 o 4. Questo è un segno buon segno: si è ben capito il concetto di distanza sociale».

Difficile dire quanti siano tuttavia attualmente i malati di Covid-19 a sud delle Alpi e, quindi, quanti siano in grado di trasmettere l'infezione. «Se fino al 22 aprile venivano testate solo le persone con sintomi gravi, ora penso che una buona parte di chi ha sintomi viene sottoposto ad analisi – ha commentato Merlani –. A occhio direi che gli attuali maliati siano attorno al centinaio. Ma è una pura stima». 

In caso di un eventuale ripresa della curva dei contagi, «non vi è una soglia numerica che farebbe scattare delle misure di contenimento», ha precisato il medico cantonale. Più del un numero assoluto, a determinare eventuali interventi sarà l'andamento giorno per giorno: «Mi preoccuperebbe di più un costante aumento, piuttosto che passare da 20 a 1 e poi di nuovo a 20». Per questo l'ufficio del medico cantonale sta attivamente monitorando le cifre e gli indici del contagio.

L'app di tracciamento: 'Non prevista la partecipazione del Ticino alla sperimentazione'

Stanno intanto per arrivare anche le app per il tracciamento dei contagi. Una soluzione tecnologica che dovrebbe aiutare le autorità. «Attualmente il Ticino non ha previsto di partecipare alla sperimentazione della prima app, quella del 'proximity tracing' in attesa di avere più informazioni di dettagli». Si tratta di quel software che registra i contatti ravvicinati 'a rischio' e che permette, in caso la persona risulti contagiata, di avvertire chi è potenzialmente a rischio. «Il problema è che l'app non è in grado di distinguere se in mezzo alle due persone c'era, ad esempio, un vetro». L'applicativo, secondo le informazioni fornite da Merlani «non invierebbe comunque i dati agli uffici dei medici cantonali, limitandosi verosimile a invitare i contatti di un contagiato a mettersi in auto-quarantena». Il Cantone sembra invece più interessata alla «seconda app, che permette, a chi lo vuole, di inoltrare al nostro ufficio i propri dati di salute».

Test sierologici

Intanto 800 ticinesi hanno già risposto presente all'appello del Cantone, dicendosi disposte a sottoporsi ai test sierologici per valutare il tasso di persone che nel nostro cantone sono venute in contatto con il virus. «Il loro numero ci permette già di avere un campione statisticamente significativo. Abbiamo comunque rimandato 500 lettere, per essere sicuri che siano arrivate». 

Case anziani

Sulle due case anziani che erano state al centro dell'attenzione da parte dell'Ufficio del medico cantonale, i dettagli sono ancora pochi. Anche perché, ha fatto notare Merlani, l'inoltro di una segnalazione da parte di terzi al Ministero pubblico ha complicato le cose dal punto di vista giuridico. «Stiamo ancora vagliando le informazioni su questi casi e qualora dovesse essere necessario, al momento giusto, interverremo», ha chiosato il medico cantonale.

Ascensione ed estate

Ora si guarda però anche avanti, pur «non abbassando la guardia», ha fatto notare il capo dello Stato maggiore cantonale di condotta Matteo Cocchi. Primo appuntamento, il ponte dell'Ascensione: «Sappiamo che ci sarà più turismo locale e nazionale – ha fatto notare Cocchi –. Abbiamo quindi previsto un'accresciuta attività di comunicazione e una presenza di agenti sul territorio adeguata alla situazione». Particolare attenzione sarà data alla questione campeggi: con le strutture ufficiali ancora chiuse si teme un possibile aumento del campeggio selvaggio o abusivo. Della questione è incaricata la Sezione enti locali «allo scopo di poter applicare su tutto il territorio cantonale gli stessi principi autorizzativi».

Guardando all'estate, poi, si sta già lavorando a soluzioni per permettere di praticare l'alpinismo pur mantenendo le misure di sicurezza contro il coronavirus. «Vi sono già specifici gruppi attivi in questo ambito, con in prima linea Gioventù e Sport», ha fatto notare Cocchi.

Altro punto cardine della strategia anti-covid, rimarrà il divieto di assembramento oltre le 5 persone: «All'interno di una casa privata? Torno a dire che fino a qui ci siamo comportati bene grazie alla responsabilità individuale. Sarebbe quindi importante evitare di organizzare cene e pranzi privati, anche se immaginiamo ci sarà comunque qualcuno che lo farà». Attenzione poi alle grigliate in giardino: non è detto che il quel caso ci si ritrovi confrontati con la polizia.

Controlli nei locali

Questa settimana è stata anche la prima di riapertura di ristornati e bar. «Assieme all'Ufficio dell'ispettorato del lavoro, la Polizia ha condotto numerose ispezioni, soprattutto per sensibilizzare: ci si è infatti concentrati sulla consulenza e sul dialogo con gli esercenti. Abbiamo trovato disponibilità e collaborazione e in più casi gli agenti sono stati ringraziati perché hanno chiarito alcune direttive», ha precisato Cocchi. Lunedì i controlli sono stati un centinaio. I dati complessivi della settimana saranno comunicati nei prossimi giorni.

Guardia alta

«Bisogna mantenere alta la guardia, guardando avanti con fiducia – ha fatto notare Cocchi –. La crisi è ancora in corso, sia dal punto di vista sanitario, sia dal punto di vista economico. Sebbene i dati sanitari recenti sono confortanti, il messaggio non cambia: distanze sociali e igiene accresciuta».

Tensioni sociali?

E assieme al perdurare della crisi, potrebbero esacerbarsi anche gli animi... «Siamo coscienti di questa possibilità e non a caso rientra regolarmente nell'ordine del giorno degli incontri telefonici dei comandanti di polizia», ha chiosato Cocchi. Intanto la nota positiva è che durante la pandemia non si è registrato «un aumento importante dei casi di violenza», ha fatto notare il comandante della Polizia «Quello che ci preoccupa ora è soprattutto come impiegheranno il loro tempo libero quest'estate i ragazzi in assenza di colonie, di attività sportive organizzate e di altre attività associative».

Ancora chiuso il confine sud

Se la riapertura delle frontiere è in programma per il 16 giugno verso Austria, Germania e Francia, per ora rimane ancora chiuso il confine verso l'Italia, dove non mancano le proteste da parte dei frontalieri per le difficoltà di entrata sul territorio ticinese visti i controlli accresciuti su chi ha diritto o meno di passare la frontiera e visto che dei 16 valichi ticinesi, 5 sono tutt'ora chiusi. «Il Ticino non ha nessun interesse nel favorire le code e ha prontamente segnalato la questione alle autorità competenti di Berna – ha fatto notare Francesco Quattrini, delegato per le relazioni esterne del Cantone –. Con 11 valichi aperti su 16 (dal 11 maggio) la situazione è abbastanza fluida e non si segnalano criticità».

Già in piena crisi vi erano state frizioni lungo il confine, ha ricordato Quattrini: «Per noi l'importante è sempre stato supportare il sistema sanitario ticinese, garantendo la presenza dei lavoratori frontalieri nel settore sanitario o nelle filiere che lo sostengono». Il 7 marzo la bozza del 'Decreto Lombardia' aveva creato «molta tensione visto che ci si avvivava verso una chiusura totale delle frontiere. Il Cantone che è intervenuto sia verso Berna, sia verso sud per evitare questa chiusura». Nel frattempo l'Italia aveva manifestato apprensione sul fatto che le misure di contenimento in Ticino potessero essere più blande che in Lombardia. «Poi Ticino ha chiesto e ottenuto una finestra di crisi e ha quindi allineato le misure a quelle italiano. Per le imprese è pure andata oltre, per cui la tensione è scemata»

Leggi anche:

Dal 15 giugno frontiere aperte con Germania, Austria e Francia

Allegati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved