ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
1 ora

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
2 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
3 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
4 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
4 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
6 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
27.01.2020 - 19:38
Aggiornamento: 28.01.2020 - 11:35

Coronavirus, Merlani: 'Probabilità bassa di un caso in Ticino'

Il medico cantonale: ‘In caso di sintomi e una presenza a Wuhan negli ultimi 14 giorni non presentarsi in ospedale, ma telefonare’

coronavirus-merlani-probabilita-bassa-di-un-caso-in-ticino
Ti-Press

Si è ancora ben lontani dall’emergenza in Ticino, ma la prevenzione non è mai troppa. Da oggi, per fronteggiare possibili casi di coronavirus, è attivo un protocollo approvato in una riunione cui hanno partecipato medico cantonale, farmacista cantonale, veterinario cantonale e tutti gli attori coinvolti a livello di sanità pubblica e privata.

«Lo scopo era condividere le informazioni che abbiamo raccolto finora», spiega da noi raggiunto il medico cantonale Giorgio Merlani. Questo «perché soprattutto nella fase iniziale è difficile capire bene i dati del coronavirus cinese», Dati che sono ancora «un po’ imprecisi in termini di clinica presentata dal paziente, sui tempi di incubazione, e a quanto può essere contagioso». Scambi di informazioni fondamentali, continua Merlani, per «definire come gestiremmo un caso di contagio in Ticino».

'In Europa solo due casi confermati su 750 milioni di abitanti'

Fatta salva la premessa che «la probabilità che un caso arrivi in Ticino è estremamente bassa, in Europa si sono registrati due casi confermati su 750 milioni di abitanti, devono esserci sia la presenza di sintomi sospetti, sia un contatto negli ultimi 14 giorni con la regione di Hubei, dove si trova la città di Wuhan da cui è partito il virus». Per sintomi, ricorda il medico cantonale, sono «febbre superiore a 38 gradi, tosse e difficoltà respiratorie». Detto questo, «è importantissimo che nel caso in cui si presentassero questi sintomi una volta rientrati da Wuhan, il caso venga gestito in modo corretto».

Vale a dire «non presentarsi in un pronto soccorso o dal proprio medico come nulla fosse, ma telefonare. A oggi l’idea è centralizzare questi casi, spostandoli con un’ambulanza dal proprio domicilio per essere sicuri di evitare panico». Una volta arrivati in ospedale, «la procedura che è stata decisa prevede che un nucleo di esperti decida se si tratta di un caso probabile o meno, con l’allestimento di un sistema di allerta. Se sarà il caso, continuerà l’isolamento e verranno avviati test specialistici per verificare se è o non è coronavirus».

'Informati i medici, ora coinvolgeremo la comunità cinese'

Questo per quanto riguarda un futuro – si spera – molto ipotetico e sciagurato. Nel mentre, conclude il dottor Merlani, la prevenzione e l’informazione sono ad ampio raggio: «Abbiamo preparato una lettera che oggi (ieri, ndr.) verrà inviata ai medici di famiglia e negli ospedali con le indicazioni da seguire». Ma non solo. Perché, infatti, è previsto a breve anche «un coinvolgimento della comunità cinese residente in Ticino. Per avere il giusto numero di interpreti e per dare anche a loro, tradotte nella loro lingua, così da conoscere le indicazioni da seguire nel caso in cui una persona sia di ritorno da Wuhan e accusi qualche sintomo». JAC

Leggi anche:

Coronavirus, 'In Ticino non c'è motivo di preoccuparsi'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved