malessere-in-polizia-a-mendrisio-parlano-gli-agenti
Ti-Press
È (anche) una questione di comunicazione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
30 min

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda.
Luganese
2 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
6 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
17 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
18 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
19 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
20 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
22.06.2020 - 06:20

Malessere in Polizia a Mendrisio, parlano gli agenti

Una lettera è stata inviata negli scorsi giorni all'esecutivo. Missiva voluta per puntualizzare le 'non soddisfacenti' risposte del Municipio

Ha parlato (e risposto) l'esecutivo. Lo stesso ha fatto la politica, interrogando a più riprese e da più schieramenti politici. In merito, inizialmente, si era espressa anche la sezione momò della Federazione svizzera dei funzionari di polizia. L'argomento? Il malessere all'interno del Corpo della Polizia della Città di Mendrisio. Una questione che tiene banco ormai da mesi e per la quale, la Città, ha deciso di avvalersi dei servizi di una dottoressa del lavoro. Consulente esterna chiamata ad analizzare lo stato di salute dell'ente di primo intervento e suggerire i correttivi affinché torni il sereno sopra il Centro di Pronto Intervento. All'appello, però, ne manca ancora uno, ovvero la base del Corpo: gli agenti impiegati e i loro capogruppo. Un 'vuoto' che, stando a nostre informazioni, è stato colmato nel fine settimana. Una missiva è stata infatti inviata negli scorsi giorni all'esecutivo cittadino. Una lettera firmata dai 5 capogruppo del Corpo, chiamati a un esercizio di responsabilità verso i colleghi, per dare loro voce. 

Alla base della decisione di prendere carta e penna e rivolgersi all'intero Municipio vi sono le risposte di quest'ultimo all'interrogazione inoltra dai consiglieri comunali pipidini Davide Rossi e Gianluca Romanini. Documento nel quale si chiedevano ulteriori lumi sullo stato di salute all'interno della Polizia. Risposte che, si apprende, non soddisfano.

Sotto la lente (ancora) la comunicazione interna

Che vi fossero dei problemi di comunicazione interna, soprattutto tra il Comando e gli agenti, è noto. Lo scrive, il 5 giugno, lo stesso Municipio nel rispondere all'interrogazione, menzionando come si intravvedano “dei segnali confortanti che indicano una maggiore conoscenza e conseguente capacità di comprendersi fra dirigenza e collaboratori” e – si legge ancora – “ne consegue che uno dei principali nodi da sciogliere riguarda e riguarderà l'efficacia della comunicazione interna”. Malgrado gli sforzi profusi da tutte le parti coinvolte e il lavoro della consulente esterna assunta all'incirca un anno fa, per gli autori della lettera la comunicazione non è migliorata, ne quella ufficiale né, tanto meno, il semplice scambio di opinioni tra il Comando e gli agenti. 

Tra clima di lavoro e inchieste amministrative

A dare i primi segnali che non vi fosse un clima sereno tra le mura del Cpi era stato un sondaggio interno, anonimo, sottoposto ai dipendenti nell'autunno del 2018. Questionario non obbligatorio al quale avevano risposto all'incirca il 90% degli interpellati. Già allora, soltanto una minima percentuale aveva dichiarato che il clima di lavoro fosse 'buono'. Ad oggi, secondo la 'base' del Corpo, vi sarebbe ancora “una sorta di accanimento” del Comando nei confronti degli agenti. Il riferimento va anche alla quindicina di inchieste amministrative aperte nei confronti dei dipendenti, negli ultimi due anni.  Situazioni che, a mente di chi ha redatto la lettera, potevano essere risolte senza la necessità di aprire dei 'dossier'. Una rigidità che avrebbe fatto aumentare la demotivazione del personale, culminata anche con diversi spostamenti o trasferimento di agenti in altri Corpi.

Tra le inchieste amministrative avviate, inoltre, v'è stata quella nei confronti di uno dei quattro membri del Comando. Persona che ora ricoprirebbe un altro ruolo all'interno del Corpo, un nuovo ruolo. “Perplessità”, in questo caso, vengono sollevate sul fatto che la nuova funzione sia stata attribuita al già citato membro del Comando senza aver fatto alcun “concorso, interno o esterno”. Cosa che invece, si sostiene, verrà fatta negli altri casi.

Nel rispondere all'interrogazione del 5 giugno, v'è un ulteriore punto che ha creato malumori. Dall'istituzione dei gruppi di lavoro chiamati a risolvere le problematiche interne, l'esecutivo menziona che "in totale si sono annunciati 19 collaboratori" e che i rimanenti "non hanno ritenuto di rendersi parte attiva". Affermazioni che vengono contestate: gli agenti, nella missiva, ribadiscono infatti la completa disponibilità che, per un determinato gruppo di lavoro, non hanno potuto fornire il proprio apporto a causa del numero chiuso imposto.

Vi è, infine, un auspicio che va a inserirsi in alcune questioni (come ad esempio l'implementazione del Rugras, il Regolamento concernente l’uniformazione dei gradi e delle condizioni di stipendio dei corpi di polizia cantonale e comunali, in 'sospeso' dal 2018) che si protraggono da troppo tempo e che ancora non hanno portato a delle decisioni ufficiali. Per questo, si esorta una “maggior celerità” nelle prese di posizione, nelle decisioni e nelle implementazioni degli eventuali cambiamenti.

Resta immutata, per contro, la voglia (di tutto il Corpo) di sistemare i problemi che, beninteso – e lo ha sottolineato a più riprese anche il capodicastero Samuel Maffi – non hanno inficiato l'operatività e l'efficenza del servizio («verso l’esterno i risultati del Corpo della Polizia della Città sono più che ottimali»). Tutti, però, auspicano che al più presto possa tornare definitivamente il sereno. 

 

 

Leggi anche:

Mendrisio, malessere in Polizia

Polizia di Mendrisio, criticità nella comunicazione interna

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved