malessere-in-polizia-dinamiche-da-affrontare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
2 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
Ticino
12 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
12 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
12 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
12 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
12 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
13 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
19.10.2019 - 06:10
di Stefano Lippmann

Malessere in Polizia: 'dinamiche da affrontare'

All’interno del Corpo c’è voglia di ‘cambiamento’. Un cambio di rotta sottoscritto anche dalla sezione momò Federazione Svizzera dei Funzionari di Polizia

A Mendrisio, negli spazi del Centro di pronto intervento, c’è ancora voglia di cambiamento. Un cambio di rotta, però, che potrà essere effettuato con dei “correttivi ponderati ed equilibrati”, affinché all’interno del Corpo di polizia della Città di Mendrisio torni il sereno. Tutti all’opera, insomma, per risolvere i problemi creatisi all’interno della polizia. Tra gli attori in campo – oltre all’esecutivo, a una dottoressa del lavoro, agli agenti stessi e agli ufficiali – c’è anche la Sezione del Mendrisiotto della Federazione svizzera dei funzionari di polizia. Un partner sindacale che da all’incirca un anno – ovvero da quando un sondaggio interno ha evidenziato malesseri e malumori – “sta collaborando attivamente con l’esecutivo e con il Comando, in maniera trasparente, leale e con spirito costruttivo”. A scriverlo è la stessa sezione della Federazione la quale ha deciso di prendere posizione. D’altronde, oltre al clima teso di lavoro, sul piatto ci sono una quindicina di inchieste amministrative nei confronti di agenti e di un responsabile del Comando, una destituzione avvenuta all’inizio del mese e una dipendente in malattia dopo essersi sentita aggredita verbalmente (vedi ‘laRegione’ di giovedì e di ieri). Sindacato che, nella sua presa di posizione, riconosce alla Municipalità “tale opportunità concessa (ovvero l’assunzione di una dottoressa del lavoro che si occupasse della questione, ndr) malgrado i tempi dilatati”. Invariato l’appoggio fornito, allineandosi alle parole del capodicastero Sicurezza pubblica Samuel Maffi: “Sottoscriviamo – si legge – il fatto che resti invariata la garanzia di professionalità e operatività del Corpo sul vasto territorio della Regione II e le relative cooperazioni”. L’auspicio finale della Sezione momò è che il Municipio “riesca nel minor tempo possibile a circoscrivere, identificare e affrontare delicate dinamiche e oggettive responsabilità” che hanno portato il Corpo di polizia della Città di Mendrisio a trovarsi in questa situazione di malessere diffuso.

Una lettera di solidarietà

Destituito. Questo il destino di un agente della Comunale, con più di 30 anni di servizio alle spalle, il quale a inizio mese ha dovuto dismettere l’uniforme. Decisione presa dalle autorità e sulle cui modalità la legale dell’(ex) agente ha valutato l’ipotesi di ricorrere. All’interno del Corpo, però, la maggior parte degli agenti ha sottoscritto una lettera di solidarietà per il collega rimasto senza lavoro. Missiva che verrà presto consegnata all’esecutivo cittadino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved