polizia-di-mendrisio-criticita-nella-comunicazione-interna
L'analisi della dottoressa del lavoro si avvia verso la conclusione (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Deceduto il 19enne vittima di un’incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
15 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
16 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
17 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
18 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
18 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
18 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
18 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
19 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
19 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
19 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
19 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
19 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
19 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
Mendrisiotto
21 ore

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
12.06.2020 - 06:00

Polizia di Mendrisio, criticità nella comunicazione interna

Il Municipio presenta i risultati parziali dell'analisi affidata a una dottoressa del lavoro a seguito del malessere emerso nell'ottobre scorso

Sono le criticità nella comunicazione interna “uno dei principali nodi da sciogliere” all'interno del Corpo di Polizia della Città di Mendrisio. Sollecitato da un'interrogazione dei consiglieri comunali del Ppd Davide Rossi e Gianluca Romanini, il Municipio della Città ha fatto il punto sull'analisi affidata a una dottoressa del lavoro per radiografarne lo stato di salute. Un intervento che si è reso necessario a seguito del malessere emerso nell'ottobre scorso. Interrotti per due mesi a causa dell'emergenza sanitaria legata al Covid-19, i lavori sono “in uno stadio avanzato e si avviano verso la conclusione”. Fino a oggi, precisa il Municipio, ci sono state “19 occasioni durante le quali, singolarmente o congiuntamente, tre gruppi si lavoro appositamente costituiti si sono riuniti sotto la conduzione della consulente esterna per approfondire la questione del clima interno”. Ad essersi annunciati sono stati “19 collaboratori, fra personale uniformato e civili”, vale a dire “poco più di un terzo dei collaboratori (attualmente le unità sono 52, ndr)”. Gli altri, sottolinea ancora l'esecutivo, “non hanno ritenuto di rendersi parte attiva, accettando così di fare proprie le conclusioni raggiunte dagli altri”. I gruppi di lavoro si stanno occupando di 'missione, visioni, valori, modello di competenze' e 'interviste individuali di diagnosi-analisi e condivisione di misure efficaci nell'ambito del ristabilimento del clima (toccando tutti i fattori di rischio psicosociale'. Il terzo gruppo, formato dal personale dirigente, è invece dedicato a un'indagine a tutto campo rispetto al focus degli altri due gruppi. L'intervento della consulente esterna, costato fino a oggi 39'635 franchi, “non è da intendersi come un'indagine peritale al termine della quale verrà redatto un rapporto conclusivo. La psicologa del lavoro si è affiancata a tutti i membri del Corpo di Polizia e li sta accompagnando costantemente in un percorso a tappe finalizzato a trovare un clima di lavoro più sereno”.

Ci saranno normative interne

Come anticipato, “una delle principali criticità riscontrate riguarda il tanto vasto, quanto delicato, ambito della comunicazione”. Messi a confronto su svariati temi puntuali, “spesso e volentieri personale dirigente e subordinato si sono trovati in sintonia su svariati aspetti per i quali, fino a quel momento, sembrava regnare distanza”. Casi che portano il Municipio a concludere che “la comunicazione tra le parti non è stata dell'efficacia auspicata”. Oltre alle difficoltà del comunicare, nel caso specifico devono essere considerate “le peculiarità dettate da un'organizzazione paramilitare di una certa grandezza e, di conseguenza, strutturata su più livelli gerarchici”. Da qui l'importanza “che ogni singolo anello della catena di condotta sappia mettere in campo, oltre alle conoscenze tecniche richieste dalla specifica funzione, anche approfondite capacità relazionali e di dialogo (oltre che autorevolezza)”. E questo “in forma bidirezionale, ovvero sia nei confronti dei superiori, che dei subordinati”. L'esecutivo evidenzia inoltre che “non sono mancate segnalazioni di natura orizzontale tra collaboratori parigrado”. A emergere in questi casi sono state “problematiche attinenti a un altro tema cardine: l'allineamento ai valori e alla missione di un Corpo di Polizia moderno”. A questo si aggiunge “la capacità di tenersi al passo coi tempi, anch'essa di principio peculiare alla singola persona: è noto che le giovani leve soffrono meno il cambiamento rispetto ai colleghi più maturi”. Grazie al lavoro della consulente esterna, “si possono intravvedere segnali confortanti che indicano una maggiore conoscenza e capacità di comprendersi tra dirigenza e collaboratori, nonché una rinsaldata condivisione dei valori e della missione del Corpo di Polizia”. Il Municipio spiega che “è emersa in modo chiaro la volontà di fare in modo che quanto risulterà al termine dei lavori venga onorati giornalmente da tutti, senza eccezioni di sorta”. Il tutto “nell'ottica della definizione di una serie di normative interne, nonché conseguenze per chi non le rispetta”.

I passi precedenti

A fare emergere il malessere erano stati una serie di comportamenti oltre i limiti del normale rapporto tra ufficiale e subalterno, un licenziamento in tronco e l'apertura di una quindicina di inchieste amministrative (una di queste, come noto, ha interessato anche un membro del Comando). Nel corso dei mesi, come conferma il Municipio di Mendrisio, oltre alla creazione di una nuova funzione nell'organigramma della Polizia, ci sono stati spostamenti di personale sia interni alla Polizia che tra dicasteri. Spostamenti “ampiamente discussi e concordati” ed effettuati “con il benestare” dei collaboratori. Le procedure amministrative “sono concluse ma le rispettive decisioni non sono ancora cresciute in giudicato”. L'esecutivo ricorda e conclude che si tratta dello “strumento formale per appurare al meglio fatti di dubbia liceità, dando la possibilità a entrambi di esprimersi e produrre tutte le motivazioni ritenute opportune a sostegno delle proprie tesi. Le sanzioni che ne potrebbero scaturire hanno un ruolo in primis rieducativo, mirando a far comprendere alla persona oggetto dell'inchiesta gli errori commessi, nella viva speranza che non vengano reiterati”.

Leggi anche:

Malessere in Polizia, a che punto siamo?

Mendrisio, malessere in Polizia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved