polizia-di-mendrisio-criticita-nella-comunicazione-interna
L'analisi della dottoressa del lavoro si avvia verso la conclusione (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
4 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
4 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
4 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
5 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
5 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
5 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
5 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
6 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
6 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
6 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
6 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
6 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
6 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
6 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
7 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
12.06.2020 - 06:00

Polizia di Mendrisio, criticità nella comunicazione interna

Il Municipio presenta i risultati parziali dell'analisi affidata a una dottoressa del lavoro a seguito del malessere emerso nell'ottobre scorso

Sono le criticità nella comunicazione interna “uno dei principali nodi da sciogliere” all'interno del Corpo di Polizia della Città di Mendrisio. Sollecitato da un'interrogazione dei consiglieri comunali del Ppd Davide Rossi e Gianluca Romanini, il Municipio della Città ha fatto il punto sull'analisi affidata a una dottoressa del lavoro per radiografarne lo stato di salute. Un intervento che si è reso necessario a seguito del malessere emerso nell'ottobre scorso. Interrotti per due mesi a causa dell'emergenza sanitaria legata al Covid-19, i lavori sono “in uno stadio avanzato e si avviano verso la conclusione”. Fino a oggi, precisa il Municipio, ci sono state “19 occasioni durante le quali, singolarmente o congiuntamente, tre gruppi si lavoro appositamente costituiti si sono riuniti sotto la conduzione della consulente esterna per approfondire la questione del clima interno”. Ad essersi annunciati sono stati “19 collaboratori, fra personale uniformato e civili”, vale a dire “poco più di un terzo dei collaboratori (attualmente le unità sono 52, ndr)”. Gli altri, sottolinea ancora l'esecutivo, “non hanno ritenuto di rendersi parte attiva, accettando così di fare proprie le conclusioni raggiunte dagli altri”. I gruppi di lavoro si stanno occupando di 'missione, visioni, valori, modello di competenze' e 'interviste individuali di diagnosi-analisi e condivisione di misure efficaci nell'ambito del ristabilimento del clima (toccando tutti i fattori di rischio psicosociale'. Il terzo gruppo, formato dal personale dirigente, è invece dedicato a un'indagine a tutto campo rispetto al focus degli altri due gruppi. L'intervento della consulente esterna, costato fino a oggi 39'635 franchi, “non è da intendersi come un'indagine peritale al termine della quale verrà redatto un rapporto conclusivo. La psicologa del lavoro si è affiancata a tutti i membri del Corpo di Polizia e li sta accompagnando costantemente in un percorso a tappe finalizzato a trovare un clima di lavoro più sereno”.

Ci saranno normative interne

Come anticipato, “una delle principali criticità riscontrate riguarda il tanto vasto, quanto delicato, ambito della comunicazione”. Messi a confronto su svariati temi puntuali, “spesso e volentieri personale dirigente e subordinato si sono trovati in sintonia su svariati aspetti per i quali, fino a quel momento, sembrava regnare distanza”. Casi che portano il Municipio a concludere che “la comunicazione tra le parti non è stata dell'efficacia auspicata”. Oltre alle difficoltà del comunicare, nel caso specifico devono essere considerate “le peculiarità dettate da un'organizzazione paramilitare di una certa grandezza e, di conseguenza, strutturata su più livelli gerarchici”. Da qui l'importanza “che ogni singolo anello della catena di condotta sappia mettere in campo, oltre alle conoscenze tecniche richieste dalla specifica funzione, anche approfondite capacità relazionali e di dialogo (oltre che autorevolezza)”. E questo “in forma bidirezionale, ovvero sia nei confronti dei superiori, che dei subordinati”. L'esecutivo evidenzia inoltre che “non sono mancate segnalazioni di natura orizzontale tra collaboratori parigrado”. A emergere in questi casi sono state “problematiche attinenti a un altro tema cardine: l'allineamento ai valori e alla missione di un Corpo di Polizia moderno”. A questo si aggiunge “la capacità di tenersi al passo coi tempi, anch'essa di principio peculiare alla singola persona: è noto che le giovani leve soffrono meno il cambiamento rispetto ai colleghi più maturi”. Grazie al lavoro della consulente esterna, “si possono intravvedere segnali confortanti che indicano una maggiore conoscenza e capacità di comprendersi tra dirigenza e collaboratori, nonché una rinsaldata condivisione dei valori e della missione del Corpo di Polizia”. Il Municipio spiega che “è emersa in modo chiaro la volontà di fare in modo che quanto risulterà al termine dei lavori venga onorati giornalmente da tutti, senza eccezioni di sorta”. Il tutto “nell'ottica della definizione di una serie di normative interne, nonché conseguenze per chi non le rispetta”.

I passi precedenti

A fare emergere il malessere erano stati una serie di comportamenti oltre i limiti del normale rapporto tra ufficiale e subalterno, un licenziamento in tronco e l'apertura di una quindicina di inchieste amministrative (una di queste, come noto, ha interessato anche un membro del Comando). Nel corso dei mesi, come conferma il Municipio di Mendrisio, oltre alla creazione di una nuova funzione nell'organigramma della Polizia, ci sono stati spostamenti di personale sia interni alla Polizia che tra dicasteri. Spostamenti “ampiamente discussi e concordati” ed effettuati “con il benestare” dei collaboratori. Le procedure amministrative “sono concluse ma le rispettive decisioni non sono ancora cresciute in giudicato”. L'esecutivo ricorda e conclude che si tratta dello “strumento formale per appurare al meglio fatti di dubbia liceità, dando la possibilità a entrambi di esprimersi e produrre tutte le motivazioni ritenute opportune a sostegno delle proprie tesi. Le sanzioni che ne potrebbero scaturire hanno un ruolo in primis rieducativo, mirando a far comprendere alla persona oggetto dell'inchiesta gli errori commessi, nella viva speranza che non vengano reiterati”.

Leggi anche:

Malessere in Polizia, a che punto siamo?

Mendrisio, malessere in Polizia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved