polizia-di-mendrisio-criticita-nella-comunicazione-interna
L'analisi della dottoressa del lavoro si avvia verso la conclusione (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
45 min

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda.
Luganese
2 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
6 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua - già rientrati - non toccavano due importanti ditte
Ticino
17 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
19 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
20 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
20 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
1 gior

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
1 gior

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
12.06.2020 - 06:00

Polizia di Mendrisio, criticità nella comunicazione interna

Il Municipio presenta i risultati parziali dell'analisi affidata a una dottoressa del lavoro a seguito del malessere emerso nell'ottobre scorso

Sono le criticità nella comunicazione interna “uno dei principali nodi da sciogliere” all'interno del Corpo di Polizia della Città di Mendrisio. Sollecitato da un'interrogazione dei consiglieri comunali del Ppd Davide Rossi e Gianluca Romanini, il Municipio della Città ha fatto il punto sull'analisi affidata a una dottoressa del lavoro per radiografarne lo stato di salute. Un intervento che si è reso necessario a seguito del malessere emerso nell'ottobre scorso. Interrotti per due mesi a causa dell'emergenza sanitaria legata al Covid-19, i lavori sono “in uno stadio avanzato e si avviano verso la conclusione”. Fino a oggi, precisa il Municipio, ci sono state “19 occasioni durante le quali, singolarmente o congiuntamente, tre gruppi si lavoro appositamente costituiti si sono riuniti sotto la conduzione della consulente esterna per approfondire la questione del clima interno”. Ad essersi annunciati sono stati “19 collaboratori, fra personale uniformato e civili”, vale a dire “poco più di un terzo dei collaboratori (attualmente le unità sono 52, ndr)”. Gli altri, sottolinea ancora l'esecutivo, “non hanno ritenuto di rendersi parte attiva, accettando così di fare proprie le conclusioni raggiunte dagli altri”. I gruppi di lavoro si stanno occupando di 'missione, visioni, valori, modello di competenze' e 'interviste individuali di diagnosi-analisi e condivisione di misure efficaci nell'ambito del ristabilimento del clima (toccando tutti i fattori di rischio psicosociale'. Il terzo gruppo, formato dal personale dirigente, è invece dedicato a un'indagine a tutto campo rispetto al focus degli altri due gruppi. L'intervento della consulente esterna, costato fino a oggi 39'635 franchi, “non è da intendersi come un'indagine peritale al termine della quale verrà redatto un rapporto conclusivo. La psicologa del lavoro si è affiancata a tutti i membri del Corpo di Polizia e li sta accompagnando costantemente in un percorso a tappe finalizzato a trovare un clima di lavoro più sereno”.

Ci saranno normative interne

Come anticipato, “una delle principali criticità riscontrate riguarda il tanto vasto, quanto delicato, ambito della comunicazione”. Messi a confronto su svariati temi puntuali, “spesso e volentieri personale dirigente e subordinato si sono trovati in sintonia su svariati aspetti per i quali, fino a quel momento, sembrava regnare distanza”. Casi che portano il Municipio a concludere che “la comunicazione tra le parti non è stata dell'efficacia auspicata”. Oltre alle difficoltà del comunicare, nel caso specifico devono essere considerate “le peculiarità dettate da un'organizzazione paramilitare di una certa grandezza e, di conseguenza, strutturata su più livelli gerarchici”. Da qui l'importanza “che ogni singolo anello della catena di condotta sappia mettere in campo, oltre alle conoscenze tecniche richieste dalla specifica funzione, anche approfondite capacità relazionali e di dialogo (oltre che autorevolezza)”. E questo “in forma bidirezionale, ovvero sia nei confronti dei superiori, che dei subordinati”. L'esecutivo evidenzia inoltre che “non sono mancate segnalazioni di natura orizzontale tra collaboratori parigrado”. A emergere in questi casi sono state “problematiche attinenti a un altro tema cardine: l'allineamento ai valori e alla missione di un Corpo di Polizia moderno”. A questo si aggiunge “la capacità di tenersi al passo coi tempi, anch'essa di principio peculiare alla singola persona: è noto che le giovani leve soffrono meno il cambiamento rispetto ai colleghi più maturi”. Grazie al lavoro della consulente esterna, “si possono intravvedere segnali confortanti che indicano una maggiore conoscenza e capacità di comprendersi tra dirigenza e collaboratori, nonché una rinsaldata condivisione dei valori e della missione del Corpo di Polizia”. Il Municipio spiega che “è emersa in modo chiaro la volontà di fare in modo che quanto risulterà al termine dei lavori venga onorati giornalmente da tutti, senza eccezioni di sorta”. Il tutto “nell'ottica della definizione di una serie di normative interne, nonché conseguenze per chi non le rispetta”.

I passi precedenti

A fare emergere il malessere erano stati una serie di comportamenti oltre i limiti del normale rapporto tra ufficiale e subalterno, un licenziamento in tronco e l'apertura di una quindicina di inchieste amministrative (una di queste, come noto, ha interessato anche un membro del Comando). Nel corso dei mesi, come conferma il Municipio di Mendrisio, oltre alla creazione di una nuova funzione nell'organigramma della Polizia, ci sono stati spostamenti di personale sia interni alla Polizia che tra dicasteri. Spostamenti “ampiamente discussi e concordati” ed effettuati “con il benestare” dei collaboratori. Le procedure amministrative “sono concluse ma le rispettive decisioni non sono ancora cresciute in giudicato”. L'esecutivo ricorda e conclude che si tratta dello “strumento formale per appurare al meglio fatti di dubbia liceità, dando la possibilità a entrambi di esprimersi e produrre tutte le motivazioni ritenute opportune a sostegno delle proprie tesi. Le sanzioni che ne potrebbero scaturire hanno un ruolo in primis rieducativo, mirando a far comprendere alla persona oggetto dell'inchiesta gli errori commessi, nella viva speranza che non vengano reiterati”.

Leggi anche:

Malessere in Polizia, a che punto siamo?

Mendrisio, malessere in Polizia

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved