macello-il-plr-di-lugano-demolizione-ingiustificata
Una demolizione che divide (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Ppd Locarno, Akai chiede la conferma alla presidenza

“Dopo le comunali, delusissimo, volevo lasciare, ma ci ho ripensato perché ci tengo molto”. Deciderà la prossima assemblea
Bellinzonese
9 min

Rodi-Fiesso, Leventina Calcio in assemblea

Appuntamento per giovedì 18 novembre alle 20 al Ristorante Baldi
Bellinzonese
14 min

‘Sentire con le protesi acustiche’ a Bellinzona

Il corso si terrà dalle 14 alle 15 alla sede di ATiDU (Salita Mariotti 2) il 12 e il 19 novembre, così come il 3 dicembre
Bellinzonese
31 min

Mercatino di Natale a Quinto

L’evento si terrà l’8 dicembre (9.30-12.30) sul piazzale esterno dello Stadio multifunzionale di Ambrì e sarà abbinato alla vendita di alberelli di Natale
Bellinzonese
40 min

Lottigna, finissage della rassegna ‘50 di voce 50 di blenio’

Appuntamento per domenica 7 novembre al Museo storico etnografico. Alle 16 si esibirà anche il gruppo di musica popolare Vox Blenii
Grigioni
47 min

Guida in stato di inettitudine, impatta con il muro e si ribalta

L’incidente sulla strada cantonale H29 lungo il lago di Poschiavo, fra Le Prese e Miralago. Il 19enne guidava con una patente in prova
Mendrisiotto
48 min

Doppio credito di circa 600mila franchi per Morbio Inferiore

Da interventi per la sistemazione della canalizzazione comunale alla sostituzione delle condotte dell’acqua potabile in via Maestri Comacini
Mendrisiotto
56 min

Morbio Inferiore mantiene il moltiplicatore all’86%

Disavanzo d’esercizio preventivato di 839mila franchi ‘che, considerata la prudenza, risulta ampiamente sopportabile’
Luganese
2 ore

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
2 ore

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Luganese
31.05.2021 - 17:570
Aggiornamento : 18:33

Macello, il Plr di Lugano: ‘Demolizione ingiustificata’

Il gruppo in Consiglio comunale contro la decisione del Municipio. Nacaroglu: ‘Andava coinvolto l'intero Municipio’

“Sproporzionata e ingiustificata”. La sezione luganese del Partito liberale-radicale (Plr) si scaglia contro la decisione di demolizione dell'ex Macello avvenuta nel giro di un paio d'ore durante la notte fra sabato e domenica. Un intervento che, come ricorda il Plr in un comunicato, è stata avallato dalla maggioranza del Municipio “senza però essere stato oggetto di alcuna discussione da parte dell'intero esecutivo”. Pertanto, il gruppo Plr in Consiglio comunale (Cc) “chiede che decisioni di questa importanza e valenza politica vengano discusse preventivamente in Municipio e vengano prese con le tempistiche necessarie a una seria ponderazione delle conseguenze che possono avere sull'ordine pubblico”.

‘La spaccatura? C'è già: Badaracco non consultato’

Una presa di posizione che parzialmente sorprende, in quanto la capodicastero Sicurezza Karin Valenzano Rossi ha invece difeso la decisione. Rupen Nacaroglu, capogruppo in Cc, non si rischia di creare un'ennesima spaccatura nel partito? «La spaccatura c'è già: l'altro municipale Plr, Roberto Badaracco, non solo non era d'accordo ma non è stato neanche consultato. Una decisione come questa andava discussa in Municipio per valutare le conseguenze politiche e simboliche che questo presupponeva. La demolizione è stata considerata per non so quali motivi contestuale allo sgombero. Riteniamo che i due interventi dovessero avere due percorsi indipendenti, con tempistiche adeguate. Il fatto che non tutti i municipali ne fossero a conoscenza ci ha colpito molto ed è strano. Se dopo tutto questo periodo e tutto quanto è capitato lo sgombero poteva essere comprensibile, faccio fatica a capire come sia possibile che una demolizione possa essere accettata senza essere discussa e anche ampiamente in Municipio. Mi preoccupa lo strappo con la popolazione: percepisco da parte di tante persone un senso di molta sorpresa rispetto ai fatti».

Invito a riprendere il dialogo

A proposito di strappi, con la municipale quindi è rottura? «No, abbiamo semplicemente opinioni diverse. Abbiamo anche condiviso con lei la presa di posizione del gruppo, che lei accetta e rispetta. E vogliamo anche sottolineare gli sforzi di dialogo profusi da Valenzano Rossi nelle ultime settimane e da Badaracco negli ultimi anni». Nella stessa nota, il Plr condanna fermamente anche i fatti di via Simen e l'occupazione dell'ex Istituto Vanoni (“la violazione di domicilio è stata commessa da individui che vanno identificati e perseguiti per le loro responsabilità”), come anche i fatti di piazza Molino Nuovo nell'ottobre 2020 e della Stazione Ffs di Lugano nel marzo 2021, che “non possono e non devono ripetersi”. Infine, il Plr sottolinea la necessità di riprendere il dialogo “al fine di concertare una soluzione definitiva per l’autogestione nel rispetto della Convenzione sottoscritta dalle parti nel 2002”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved