macello-il-plr-di-lugano-demolizione-ingiustificata
Una demolizione che divide (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio

Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Luganese
15 min

Morcote, cinema muto posticipato a mercoledì 24

Appuntamento al Parco Sherrer alle 21. I fratelli Quinn accompagneranno a tempo di musica il film ‘Nanuk l’eschimese’ di 78 minuti
Luganese
29 min

‘Le vie dei pardi’ spostato al Cinema Iride di Lugano

Inizia oggi, fino al 20 agosto, la 21esima edizione della rassegna cinematografica. Saranno proposte tre pellicole presentate a Locarno75
Locarnese
29 min

Losone, la Polizia comunale passa all’auto elettrica

Transizione verso una mobilità sostenibile: dopo l’Ufficio tecnico è il turno degli agenti
Locarnese
36 min

Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno

Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Luganese
38 min

Lugano, penultimo tiro obbligatorio

Appuntamento sabato 20 dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18 allo stand della Resega. Sarà possibile tirare anche per il tiro federale in Campagna
Bellinzonese
44 min

Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio

A maggioranza l’Esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
49 min

Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne

La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Bellinzonese
1 ora

Osco, festa patronale di San Maurizio

L’evento è in programma questo weekend e sarà allietato dalle note del Coro delle Gioie di Lugano
Locarnese
3 ore

Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini

Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
31.05.2021 - 17:57
Aggiornamento: 18:33

Macello, il Plr di Lugano: ‘Demolizione ingiustificata’

Il gruppo in Consiglio comunale contro la decisione del Municipio. Nacaroglu: ‘Andava coinvolto l'intero Municipio’

“Sproporzionata e ingiustificata”. La sezione luganese del Partito liberale-radicale (Plr) si scaglia contro la decisione di demolizione dell'ex Macello avvenuta nel giro di un paio d'ore durante la notte fra sabato e domenica. Un intervento che, come ricorda il Plr in un comunicato, è stata avallato dalla maggioranza del Municipio “senza però essere stato oggetto di alcuna discussione da parte dell'intero esecutivo”. Pertanto, il gruppo Plr in Consiglio comunale (Cc) “chiede che decisioni di questa importanza e valenza politica vengano discusse preventivamente in Municipio e vengano prese con le tempistiche necessarie a una seria ponderazione delle conseguenze che possono avere sull'ordine pubblico”.

‘La spaccatura? C'è già: Badaracco non consultato’

Una presa di posizione che parzialmente sorprende, in quanto la capodicastero Sicurezza Karin Valenzano Rossi ha invece difeso la decisione. Rupen Nacaroglu, capogruppo in Cc, non si rischia di creare un'ennesima spaccatura nel partito? «La spaccatura c'è già: l'altro municipale Plr, Roberto Badaracco, non solo non era d'accordo ma non è stato neanche consultato. Una decisione come questa andava discussa in Municipio per valutare le conseguenze politiche e simboliche che questo presupponeva. La demolizione è stata considerata per non so quali motivi contestuale allo sgombero. Riteniamo che i due interventi dovessero avere due percorsi indipendenti, con tempistiche adeguate. Il fatto che non tutti i municipali ne fossero a conoscenza ci ha colpito molto ed è strano. Se dopo tutto questo periodo e tutto quanto è capitato lo sgombero poteva essere comprensibile, faccio fatica a capire come sia possibile che una demolizione possa essere accettata senza essere discussa e anche ampiamente in Municipio. Mi preoccupa lo strappo con la popolazione: percepisco da parte di tante persone un senso di molta sorpresa rispetto ai fatti».

Invito a riprendere il dialogo

A proposito di strappi, con la municipale quindi è rottura? «No, abbiamo semplicemente opinioni diverse. Abbiamo anche condiviso con lei la presa di posizione del gruppo, che lei accetta e rispetta. E vogliamo anche sottolineare gli sforzi di dialogo profusi da Valenzano Rossi nelle ultime settimane e da Badaracco negli ultimi anni». Nella stessa nota, il Plr condanna fermamente anche i fatti di via Simen e l'occupazione dell'ex Istituto Vanoni (“la violazione di domicilio è stata commessa da individui che vanno identificati e perseguiti per le loro responsabilità”), come anche i fatti di piazza Molino Nuovo nell'ottobre 2020 e della Stazione Ffs di Lugano nel marzo 2021, che “non possono e non devono ripetersi”. Infine, il Plr sottolinea la necessità di riprendere il dialogo “al fine di concertare una soluzione definitiva per l’autogestione nel rispetto della Convenzione sottoscritta dalle parti nel 2002”.

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Lugano, la polizia sgombera l'ex Macello

Una testata come scusa della disobbedienza

Manifestazione alla stazione, scontri conclusi senza arresti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved