DJOKOVIC N. (SRB)
1
DELLIEN H. (BOL)
0
2 set
(6-2 : 0-0)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:40
 
lugano-la-polizia-sgombera-l-ex-macello
Le camionette della polizia lungo via Ciani (Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
4 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
13 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
13 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
14 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
14 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
15 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
15 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
15 ore

Per il Cantone Ticino confermato il rating Aa2

La valutazione di Moody's allestita sulla base delle analisi dei dati del consuntivo 2020 e sulle prime informazioni circa la gestione 2021. La soddisfazione del Dfe
Bellinzonese
16 ore

Patriziato di Carasso, ok ai 1,67 milioni per la sua casa

L'assemblea ha dato il via libera al credito per effettuare lavori di manutenzione, risanamento energetico e messa in sicurezza del palazzo patriziale
Ticino
16 ore

Ecco i radar di fine luglio

Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
16 ore

Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie

Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Locarnese
16 ore

Minusio Mappo, la miniferrovia apre al pubblico

Quattro gli appuntamenti, domenica 25 e giovedì 29 luglio; domenica 5 e giovedì 8 agosto. I convogli circoleranno solo se non piove.
Locarnese
16 ore

Tegna-Verscio, Festa di Sant'Anna

La celebrazione si tiene domenica 25 luglio
Mendrisiotto
17 ore

Arzo, sostituzione e potenziamento delle strutture tecniche

Il cantiere inizierà il 23 agosto e durerà un anno. I lavori interesseranno via Aglio, via Rossi e via Patrizi Arzesi
Locarnese
17 ore

Onsernone, la Società di pesca compie cent'anni

Pomeriggio ricreativo con maccheronata, sabato 24 luglio
Locarnese
17 ore

Quartino, arma alla mano per il tiro obbligatorio

In agenda sabato 24 luglio. Ai partecipanti sarà data la possibilità di eseguire il tiro federale in campagna
Luganese
29.05.2021 - 22:190
Aggiornamento : 30.05.2021 - 01:44

Lugano, la polizia sgombera l'ex Macello

Dopo la manifestazione, alcuni autonomi hanno occupato lo stabile in via Simen, poi abbandonato. Le forze dell'ordine hanno isolato le due aree

Ex Macello di Lugano sgomberato verso le 21 dalle forze dell'ordine, dopo che gli autonomi hanno occupato lo stabile ex istituto Vanoni a Molino Nuovo: le forze speciali della polizia cantonale, insieme alla polizia luganese e ad alcuni elementi romandi e di altre unità comunali, hanno sfollato dal centro sociale i pochi presenti, inclusi alcuni bambini, a quanto pare senza violenza. È la stessa polizia a confermare in un comunicato che l'intervento "si è reso necessario a fronte della situazione venutasi a creare nel contesto della manifestazione di protesta di questo pomeriggio, in particolare dopo che oltre un centinaio di partecipanti al corteo si è introdotto illecitamente in uno stabile situato in via Simen, attualmente in disuso e di proprietà di una fondazione privata". Stabile nel quale al momento rimane un presidio di una quarantina di persone.

Insomma, ha decisamente preso una piega diversa da quello che ci si attendeva la manifestazione pacifica di qualche centinaio di simpatizzanti del centro sociale in piazza Manzoni nel pomeriggio di oggi. Il corteo si è prima diretto verso il quartiere di Molino Nuovo e alcune decine di persone sono poi entrate nello stabile – in stato di abbandono da alcuni anni – che ospitava l'istituto ex Vanoni. L'ingente dispositivo di polizia dispiegato è intervenuto con la forza. Le persone che sono entrate all'ex Vanoni sono state accerchiate dai numerosi agenti presenti. Massiccia la doppia azione delle forze dell'ordine su ex Vanoni e Macello. Durante l'operazione, l'accesso a via Ciani è stato chiuso dalle forze speciali da entrambe le parti. In entrambi i luoghi è presente una decina di camionette delle forze dell'ordine che presidiano le aree e ne impediscono l'accesso. 

Il ‘vaffanbagno’ del sindaco

Verso le undici e mezza è apparso anche il sindaco di Lugano Marco Borradori, che alle critiche e ai lanci di oggetti dei manifestanti – "Sei venuto per provocare?" – ha risposto con un "vaffanbagno" prima di allontanarsi. All'ex Vanoni si sta ora svolgendo un'assemblea. Ai microfoni della Rsi il sindaco ha dichiarato che lo sgombero "non era assolutamente previsto". "Devo dire che contrariamente a quanto si sente dietro di noi, prova di notevole inciviltà – ha aggiunto il sindaco tra le urla –, il tutto è riconducibile alla manifestazione che è derapata". Lo stesso Borradori aveva confermato in prima serata una soluzione pronta sul tavolo per l'occupazione, con l'individuazione di una sede alternativa in una zona discosta del comune. "Non capisco perché andare a occupare uno stabile quando ne avevano già un altro", ha stigmatizzato il sindaco confermando comunque la volontà di dialogo: "Siamo pronti a confrontarci con chiunque, però non sono pronto a sentirmi dare del fascista".

L'apertura al dialogo è confermata alla Regione dalla capodicastero Sicurezza e spazi urbani Karin Valenzano Rossi: "Sono andata proprio lunedì al Molino insieme a Filippo Lombardi (capodicastero Sviluppo territoriale, ndr) per aprire un canale di dialogo. La loro indisponibilità al confronto è sfociata ora nell'occupazione illegale di un sedime privato, per cui in questo momento diventa inutile approfondire l'ipotesi di una collocazione alternativa: in ogni caso non possiamo tollerare disordini".

Socialisti contro

Critica è la posizione del copresidente del Partito socialista Fabrizio Sirica: "La mia impressione a caldo è che stiamo assistendo a un'escalation dovuta a un intervento muscolare della polizia. Condanno il fatto che per provocazione si sia decisa l'occupazione simbolica dell'ex Vanoni, ma penso che il dialogo non sia aiutato da questo intervento che getta benzina sul fuoco". Anche la consigliera comunale Ps Mattea David manifesta perplessità "a guardare il contingente di agenti presenti, inclusa la polizia del canton Vaud della quale bisognerà chiarire se sia stata chiamata appositamente o per altri motivi" (parte della polizia cantonale era impegnata a fornire assistenza alla tappa del Giro, ndr). "Si poteva e si doveva agire diversamente. Penso sia stata una prova di forza, pur approfittando oggettivamente di uno sbaglio come l'occupazione di uno stabile vuoto. Bisognerà assolutamente capire i tempi, se cioè il Macello sia stato sgomberato prima o dopo l'occupazione dell'ex Vanoni. Domani bisognerà raccogliersi e porre le giuste domande al Municipio su come è stata gestita la situazione, domande da porre alle persone che oggi qui non sono presenti, e che invece avrebbero dovuto esserlo". Dello stesso tenore un comunicato del Ps che parla di "un clima politico surreale che misconosce le realtà culturali alternative e calpesta il principio della proporzionalità delle azioni in questo ambito, al contrario di quanto avviene nelle città svizzere. Un agire foriero di scontri e violenza".

‘Un gioco delle parti’

Dal raduno giungono anche le parole di Sergio Roic per l'Associazione idea autogestione, che difende l'esperienza molinara: "Fa un po' specie che coloro che vogliono fare cultura di autogestione, cosa possibile in tutto il Paese, non possano invece farlo in Ticino e soprattutto a Lugano".  A lui quello di stasera "è sembrato un po' un gioco delle parti: alcuni politici ora giustificano lo sgombero del Molino – per il quale anche una commissione del Gran consiglio stava cercando una soluzione – perché gli autogestiti hanno occupato il palazzo Vanoni. Ma gli autogestiti hanno solo affisso poster e striscioni sul palazzo: non mi risulta – l'ho visto io stesso entrando col permesso della polizia – che ci fosse qualcuno che occupava alcunché. Erano solo lì davanti, sulla strada". Per Roic "ancora una volta assistiamo a un'escalation, ogni scusa è buona per azzerare l'autogestione luganese". Ora si aspetta il sindaco Borradori: "Mi pare che in tempi non sospetti abbia promesso di aver già trovato una sede alternativa, aspettiamo dunque con impazienza che ci dica dov'è e che il Cantone prenda posizione. Lo stesso Cantone mi pare abbia fatto capire che non avrebbe gradito dover sorvegliare la città di Lugano ricorrendo alla polizia, presumo dunque che ora si muoverà politicamente per cercare una soluzione".

 

 

Guarda 1 immagine e 4 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved