BERRETTINI M. (ITA)
1
NADAL R. (ESP)
2
4 set
(3-6 : 2-6 : 6-3 : 3-6)
ex-macello-a-lugano-nuovo-richiamo-prima-dello-sgombero
La parte abitativa dell'ex Macello occupato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
Locarnese
2 ore

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica
Luganese
8 ore

Schiacciato sotto un tornio industriale, non ce la fa

Vittima dell’infortunio avvenuto in una azienda di Agno un operaio di 51 anni del Canton Zurigo
Ticino
12 ore

Processo Antonini: due imputati, due versioni

L’ex comandante e l’ex capo dello Stato maggiore si rimpallano le responsabilità della costituzione della ‘cassa nera’
Ticino
12 ore

Operazione ‘Imponimento’, oltre sessanta condanne

La sentenza su uno dei filoni dell’inchiesta italiana contro la ’ndrangheta che aveva portato anche ad alcuni arresti in Svizzera
GALLERY
Luganese
12 ore

Schiacciato da un macchinario, grave infortunio ad Agno

Il grave infortunio è avvenuto intorno alle 17 in un’industria di via Ginnasio. La Polizia è sul posto per gli accertamenti del caso
Bellinzonese
13 ore

Marco Noi si dimette dal Consiglio comunale di Bellinzona

L’esponente dei Verdi motiva la sua scelta con ‘ragioni d’ordine personale’
Luganese
13 ore

Inversione di tendenza: Lugano torna a crescere

Nel 2021 la popolazione è leggermente aumentata (+95), dopo un lustro di declino, portando il totale a 66’586 abitanti. Positivo il saldo migratorio
Luganese
13 ore

Un centro balneare-ricreativo per Cadro

In un’interpellanza, Demis Fumasoli chiede al Municipio di Lugano di riaprire il dialogo con i proprietari del sedime dell’ex centro ricreativo
17.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:49

Ex Macello a Lugano, nuovo richiamo prima dello sgombero

Consegnata brevi manu venerdì scorso l'ultima intimazione del Municipio al centro sociale, invitato per la terza volta a lasciare gli spazi

L'ultimo richiamo a lasciare gli spazi occupati è stato consegnato brevi manu venerdì scorso agli autonomi che occupano una parte dell'ex Macello di Lugano. Contro tale intimazione è data facoltà di ricorso entro trenta giorni ma l'eventuale contestazione formale da presentare al Consiglio di Stato non avrà effetto sospensivo. In altre parole, se il centro sociale non dovesse rispettare l'ordine (come successo nelle prime due occasioni), la Polizia della Città di Lugano può procedere con lo sgombero forzato. E la spese di esecuzione sarebbero messe a carico degli autonomi. Come anticipato nell'edizione di venerdì, nella seduta di mercoledì scorso l'esecutivo cittadino ha deciso d'inviare l'atto formale seguendo una procedura simile a quella che regola i normali contratti di affitto fra le parti. Ora, probabilmente verrà lasciato ancora un po' di tempo al centro sociale, poi l'autorità passerà dalle parole ai fatti.

Un braccio di ferro destinato a continuare

Vediamo i contenuti dell'intimazione. Il Municipio di Lugano, dapprima, richiama la decisione adottata nella passata legislatura a maggioranza (4 favorevoli: il sindaco Marco Borradori, Michele Foletti, Lorenzo Quadri e Michele Bertini; contrati Cristina Zanini Barzaghi, Roberto Badaracco e Angelo Jelmini) lo scorso 18 marzo che è stata concretizzata con l'invio di un primo avviso a lasciare gli spazi. Nella lettera viene altresì richiamata la seconda decisione risalente all'8 aprile, formalizzata e consegnata anch'essa brevi manu il 14 dello stesso mese. Preso atto del mancato rispetto e della crescita in giudicato delle prime due, l'esecutivo ne ha inviata come detto una terza. Quasi impossibile che l'autorità comunale possa cambiare posizione, anche se a livello cantonale il Gran Consiglio votasse il rapporto unico che chiede al Consiglio di Stato di fare la sua parte cercando un mediatore fra le parti capace di soddisfare entrambe le parti. Lo stesso discorso si può fare per gli autonomi che difficilmente cambieranno idea per lasciare gli spazi spontaneamente. Il braccio di ferro è quindi destinato a continuare anche dopo lo sgombero forzato da parte delle forze dell'ordine dell'edificio protetto quale bene culturale. Un dopo sgombero che si preannuncia in ogni caso movimentato per la città di Lugano, in piena stagione turistica, visto che gli autonomi non spariranno in seguito all'azione di forza. Al contrario, come successe nel 2002, il futuro dell'esperienza autogestita proseguirà nelle piazze e nelle strade.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved