piazza-cioccaro-a-lugano-la-citta-intervenga
Sabato 24 aprile alle 23.30
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
14 min

‘Bissone Arte ‘22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
32 min

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
32 min

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
39 min

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
50 min

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
59 min

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
1 ora

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
Mendrisiotto
1 ora

Al nastro di partenza la Camminata popolare castellana

Sui percorsi di Castel San Pietro torna la kermesse non competitiva. Dieci chilometri nella natura e nel paesaggio
Locarnese
1 ora

Il Castello incantato fa tappa a Muralto, Frasco e Contone

Giovedì 18 agosto al Burbaglio l’Antico circo de madera, sabato in Valle Verzasca e domenica a Gambarogno anche i laboratori di costruzione di burattini
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, eventi di fine agosto in arrivo

Si potrà scegliere tra film, mostre e letture. Ottime occasioni per passare del tempo in compagnia
Mendrisiotto
2 ore

Antiquariato e arte tornano ad animare il cuore di Mendrisio

Appuntamento con la Fiera dedicata ad appassionati e collezionisti, giunta alla sua edizione numero 35
Locarnese
2 ore

83enne scomparso nel Verbano, le ricerche riprendono mercoledì

La navigazione, gli sport acquatici e la pesca saranno vietate dalle 7.30 alle 20 per un chilometro quadrato di fronte alla zona Vignascia nel Gambarogno
Mendrisiotto
3 ore

A Pedrinate torna la Festa della costina

In programma per tre serate specialità culinarie e alla griglia e musica nella cornice dei vigneti
Mendrisiotto
3 ore

La Coop di Arzo si rifà il trucco

Ristrutturazione in vista per il negozio del quartiere di Mendrisio. Il cantiere è previsto fra l’inverno prossimo e la primavera 2023
Luganese
3 ore

Un sabato al Mercato artigianale a Canobbio

La manifestazione metterà in luce anche i prodotti locali. Appuntamento in piazza per il 27 agosto
Locarnese
3 ore

Cugnasco Gerra e Lavertezzo, lavori stradali

Interventi notturni su più punti della cantonale nel comprensorio
Bellinzonese
4 ore

Sbanda con l’auto, che si rovescia: una donna rischia la vita

L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
4 ore

Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe

L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
5 ore

A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente

Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
5 ore

Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti

Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Bellinzonese
6 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Margherita Coldesina e Raissa Aviles si esibiranno mercoledì 17 agosto a partire dalle 20 sul palco dello Snack bar Camping Bellinzona
Luganese
6 ore

Dialogo tra due artiste a Paradiso

Antonietta Airoldi e Carolina Maria Nazar sono protagoniste di una esposizione tra opere tessute, pittura e incisioni
07.05.2021 - 05:10
Aggiornamento: 11:55

Piazza Cioccaro a Lugano: ‘La Città intervenga!’

Carlo Fontana (LuganoDante) e Jean-Marc Balmelli (Acquarello) protestano per i raduni caotici. Karin Valenzano Rossi: ‘Misure in arrivo’

Un fine settimana da dimenticare al più presto e soprattutto che non si ripeta più. Quello degli albergatori attivi in piazza Cioccaro, dopo il caos capitato nelle notti di venerdì 23 e sabato 24 aprile, non è soltanto un auspicio ma una richiesta esplicita alla Città di Lugano e alle forze dell'ordine. Altri proprietari di stabili e residenti nella zona hanno già messo nero su bianco le proteste tramite raccomandata indirizzata al Municipio e alla polizia. In gioco ci sono anche danni economici non quantificabili ma ingenti per gli albergatori confrontati con clienti che postano recensioni sconsigliando di pernottare negli hotel della piazza. In qualche maniera l'autorità è chiamata a intervenire. Come? Non è ancora stato deciso. Probabilmente incrementando il presidio della zona con agenti. «Ci vogliono limiti, altrimenti i paradossi sono sotto gli occhi di tutti a discapito dell'immagine della città, delle regole di convivenza civile e di tutte queste regole anti-Covid, con l'obbligo di indossare mascherine e di mantenere le distanze di sicurezza», dichiara Carlo Fontana direttore generale del LuganoDante.

Situazione monitorata

Siamo peraltro in una zona grigia e le autorità faticano a trovare il bandolo della matassa. Il contesto non è semplice come nel caso di un'infrazione delle norme della circolazione, tipo quella della velocità, che si 'risolve' con una multa o il ritiro della patente. L'autorità cittadina quali provvedimenti prenderà? «Prendiamo sul serio le segnalazioni di queste situazioni certamente incresciose che non dovrebbero capitare – risponde Karin Valenzano Rossi, titolare del Dicastero polizia di Lugano –. È un fenomeno che ha una componente sovra-urbana: circostanze simili sono capitate a San Gallo e in altre città svizzere. Per questo, la Polizia di Lugano ha già coinvolto la Cantonale per individuare misure coordinate con modalità che tengano conto degli animi esarcerbati delle persone a seguito delle restrizioni introdotte per limitare la diffusione del coronavirus. La parziale riapertura delle terrazze degli esercizi pubblici non ha contribuito a contenere questi assembramenti». Piazza Cioccaro non è mai stata un luogo di aggregazione per i luganesi. Da qualche mese lo è diventato, frequentato in gran parte da persone che arrivano da fuori città con il treno. Nei mesi scorsi, giovani e meno giovani si radunavano a far festa in cima all'autosilo Motta, in zona Cattedrale, in Pensilina e in numerose occasioni alla Foce del Cassarate suscitando analisicritiche e discussioni.

Malcontento, paura e danni economici

«Lo scorso fine settimana ero felice perché era brutto tempo che non è proprio una bella cosa», osserva con sarcasmo Fontana. Era brutto tempo, «ma c'era comunque gente sotto i portici ad ascoltare musica ad alto volume fino a notte inoltrata», rimarca Jean-Marc Balmelli, direttore dell'albergo Acquarello che in piazza Cioccaro abita. Queste feste incontrollate generano dunque malcontento ma soprattutto, come detto, danni economici importanti a chi fa dell'ospitalità un punto di forza della propria attività economica: «Non si può andare avanti così lasciando arrivare in piazza questa massa di persone che fa festa fino a notte inoltrata – sostiene Balmelli –. Da mesi non si riesce a chiudere occhio nel weekend, alcuni nostri ospiti hanno espresso paura a uscire la sera a causa della folla che si riunisce qui portandosi bottiglie di alcol e addirittura casse per ascoltare musica, visto che andare alla foce è diventato problematico. Alcuni commercianti hanno segnalato danni alle vetrate, poi al mattino troviamo vetri rotti, tracce di urina e vomito. Ritengo che questi assembramenti siano anche la conseguenza dei tam tam sui social in cui si parla di piazza Cioccaro come un luogo dove poter far festa. Non le nascondo la preoccupazione mia e dei miei colleghi: non vogliamo questo genere di turismo. Ci vogliono evidentemente altri luoghi per questo genere di raduni, sicuramente non il centro città».

Convivenza civile sotto scacco

«Scriveremo la nostra raccomandata all'indirizzo del Municipio di Lugano e della Polizia comunale – continua il direttore del LuganoDante –. Abbiamo atteso in quanto si sperava che, con l'apertura delle terrazze degli esercizi pubblici, la situazione potesse migliorare e la clientela si distribuisse in vari locali. In realtà, abbiamo constatato che nel fine settimana del 23 e 24 aprile c'è stato casino fino alle 4 di notte ed è accaduto di tutto. La mattina dopo la piazza, altre zone adiacenti e un tratto di via Motta era in uno stato pietoso e sconvolgente, con vetri rotti ovunque e davanti all'entrata del nostro garage, per cui abbiamo dovuto intervenire noi a pulire per il timore che le ruote delle vetture dei nostri ospiti si bucassero». Quella sera e fino a notte inoltrata c'erano almeno 500-600 persone e sono scoppiate un paio di risse. Erano talmente tanti che oltre a occupare le scale d'accesso alla funicolare, sono arrivati nella corte dove c'è l'hotel Acquarello. «Sono venute meno le regole della convivenza civile. Dal punto di vista aziendale, è chiaro che per noi, assieme all'hotel Gabbani e all'Acquarello è una questione di danni economici importanti. Il nostro mestiere è quello di offrire camere e riposo. Se un cliente non riesce a prendere sonno a causa del rumore, la mattina dopo protesta perché non è stato avvisato di questo caos. È evidente che questa situazione ci mette in difficoltà perché noi siamo chiamati a offrire ospitalità e invitare persone».

‘È urgente trovare soluzioni’

Il LuganoDante, recentemente ristrutturato con investimenti importanti, non può accettare che questi fine settimana con feste rumorose e incontrollate possano continuare. È una questione di convivenza civile, di educazione e del rispetto delle regole democratiche, fra le quali c'è il diritto al riposo notturno. «Abbiamo purtroppo constatato che non c'è stato il minimo rispetto nei confronti di chi vive o lavora qui. Abbiamo saputo anche di consumo di droga. Ci sono da considerare anche la violazione delle norme volute contro la diffusione del coronavirus. È chiaro che i giovani e meno giovani hanno la legittima voglia e il diritto di divertirsi ma non in pieno centro città, dove ci sono persone che a loro volta hanno il diritto di riposare. Mi rendo che per la Città la situazione non sia di facile soluzione ma è talmente evidente che è sfuggita di mano. Bisognerà che la politica e la polizia trovino soluzioni adeguate». Quali? «Non saprei dire», dice Fontana. Fino a qualche settimana fa la presenza di una camionetta con agenti di polizia in zona aveva contribuito a contenere il fenomeno. «Sì, però la polizia stava lì fino a una certa ora, poi andava via. Come si possa gestire questa situazione non saprei ma non è più accettabile né per i privati che risiedono qui e nemmeno per noi operatori economici che subiamo danni economici ingenti. Capisce che quando un ospite lascia un commento online scrivendo di evitare questa piazza a causa del caos, i danni sono incalcolabili. Lei prenoterebbe mai in un posto in cui non si riesce a dormire?».

Leggi anche:

Piazza Cioccaro a Lugano, movida sempre più agitata

Giovani a Lugano: ‘Siamo stanchi di stare a casa’

‘Non vedevo da anni a Lugano gruppi così grandi di giovani’

Disordini alla Foce: ‘Mi vergogno per alcuni miei coetanei’

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Lugano, Carrasco: 'Preoccupante il disagio giovanile'

Lugano, Borradori: 'Disarmante quanto capitato alla Foce'

Lugano, Gobbi: 'Ai giovani vanno fornite altre risposte'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus mascherine obbligatorie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved