ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
13 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
14 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
17 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
21 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
21.03.2021 - 15:44
Aggiornamento: 22.03.2021 - 00:12

Lugano, Borradori: 'Disarmante quanto capitato alla Foce'

Il sindaco fatica a trovare spiegazioni alla violenza scoppiata dirompente nella notte fra gli stessi giovani e contro le forze dell'ordine.

lugano-borradori-disarmante-quanto-capitato-alla-foce
Il sindaco di Lugano Marco Borradori (Ti-Press)

«A che punto siamo arrivati? I fatti capitati nella notte alla Foce del Cassarate sono raccapriccianti». Marco Borradori, sindaco di Lugano, fatica a trovare le parole per dare un senso alle immagini e ai video filmati durante l'intervento degli agenti di polizia che mostrano scene di violenza fra alcuni giovani riuniti per partecipare a un Party illegale andalo in scena sabato sera richiamando ottocento persone in zona. Scene di violenza, con lanci di bottiglie verso le forze dell'ordine, che non succedono tanto spesso alle nostre latitudini. Sceglierete ancora di chiudere al pubblico la zona? «È un'ipotesi ed è la più semplice da attuare, in apparenza – risponde il sindaco –. C'è un problema alla Foce, si chiude, l'abbiamo fatto. Il problema però non si risolve: questi giovani, che sono tanti, andranno comunque altrove. Una chiusura dello spazio pubblico non risolve la questione di fondo: perché andare in un luogo di libertà e veramente bello fregandosene delle regole relative agli assembramenti e delle mascherine?. Ma soprattutto e arriviamo al nocciolo della questione: perché gettare bottiglie a destra e a manca fra i giovani e naturalmente contro gli agenti quando arriva la polizia che è stata chiamata proprio a causa della rissa fra alcuni partecipanti?» 

La pandemia non giustifica la violenza

Un anno di restrizioni e limitazioni per evitare la diffusione del coronavirus e il relativo logorio provocato, potrebbero bastare per fornire una lettura di quanto capitato? «È vero che la pandemia ha messo tutti a dura prova, ancora di più i giovani che per certi versi hanno meno difese per far fronte a una situazione del genere – osserva Borradori –. Però, mi pare un'interpretazione che non spiega tutto. Faccio fatica a comprendere che una persona si senta bloccata dalla pandemia e senza la possibilità d'incontrare altre persone. A Lugano ci sono tanti luoghi da frequentare e sono ancora tutti aperti. Ci si può trovare a piccoli gruppi rispettando le regole, quindi mantenendo le distanze e indossando la mascherina. Lo si può fare in maniera civile e rispettando le limitazioni. Non riesco a spiegarmi questa violenza scaturita in maniera così dirompente. Preoccupa questo accanimento contro l'altro. Già l'anno scorso la Foce, dopo pochi mesi dall'inizio dell'emergenza sanitaria, è stata teatro di momenti difficili. Sono certo che la pandemia aiuti a far esplodere qualcosa dentro di noi, però non riesco a spiegarmi tutto questo 'solo' con la pandemia».

Leggi anche:

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved