ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 min

Dopo la pandemia, meno ‘littering’ in Svizzera

Diverse città, fra le quali Lugano, hanno messo in atto misure per contrastare il fenomeno dell’abbandono indiscriminato di rifiuti in terra
Svizzera
16 min

In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato

In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
2 ore

A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023

Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
3 ore

Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella

Il Presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consigliere federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
15 ore

Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente

La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
15 ore

Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili

Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
16 ore

Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente

Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
17 ore

Cure infermieristiche, approvato rafforzamento professione

L’iniziativa chiede in particolare che sia disponibile un numero sufficiente di infermieri diplomati per rispondere al fabbisogno crescente di cure
Svizzera
18 ore

Agricoltura: più impiego di erbicidi, insetticidi e fungicidi

Vendute nel 2021 circa 2’259 tonnellate di prodotti fitosanitari, 329 tonnellate in più rispetto al 2020
Svizzera
20 ore

Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel

Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
20 ore

Un grigionese sullo scranno più alto del Consiglio nazionale

Appartenente al Centro, 42enne, nato a Rabius, nella Surselva, Martin Candinas è stato eletto nella Camera bassa nel 2011
Svizzera
1 gior

Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna

Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 gior

Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle

Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
30.09.2022 - 12:20
Aggiornamento: 14:42

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni

ueli-maurer-si-dimette-dal-consiglio-federale
Keystone

Ueli Maurer lascerà il Consiglio federale a fine anno. Lo ha annunciato lui stesso oggi in una conferenza stampa tenutasi al Centro media di Palazzo federale a Berna. Il democentrista zurighese avrà trascorso 14 anni in seno all’esecutivo. "Ho informato stamattina il mio partito, i colleghi di governo, la presidente del Consiglio nazionale e i quadri del mio dipartimento", ha affermato il titolare del Dipartimento federale delle finanze (DFF). Maurer, 71 anni, ha detto che la decisione di lasciare l’esecutivo era maturata già nell’estate dello scorso anno. "Solo la mia famiglia era al corrente", ha precisato.

"È il momento giusto per lasciare: i principali dossier che interessano il mio dipartimento sono stati conclusi o sono sulla buona strada per esserlo". Maurer ha poi ripercorso gli anni trascorsi al Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Lo zurighese si è detto "fiero" di essere riuscito a concedere più soldi all’esercito, ricordando anche l’introduzione del servizio militare per sportivi d’élite.

Parlando del DFF, ha detto che si è trattato di un "periodo molto intenso", che non è ancora terminato: la pianificazione finanziaria necessiterà di grandi capacità di dialogo nelle prossime settimane. "Visti gli impegni non rilascerò interviste", ha dichiarato. Nella conferenza stampa Maurer ha anche espresso la sua preoccupazione per la coesione sociale del Paese. Ha detto di aver visto una crescente divisione tra un’élite ben istruita e coloro che sono meno istruiti con salari più bassi. "Dobbiamo tenere d’occhio questo sviluppo", ha dichiarato.

Maurer ha poi detto che non c’è stato un evento particolare che lo ha incitato a dimettersi. "Nell’ultimo anno e mezzo mi sono però reso conto che ho ancora tanta energia per fare altro", e che "biologicamente non ho molto tempo per farlo". Le elezioni federali previste il prossimo anno, e la possibilità di dare visibilità all’UDC, che dovrà trovare dei candidati al governo, non hanno invece giocato alcun ruolo nella sua decisione di lasciare, ha detto Maurer. "L’UDC ha in ogni caso diritto ad almeno due seggi in Consiglio federale", ha sostenuto.

Anche la sconfitta domenica scorsa in votazione in merito all’abolizione parziale dell’imposta preventiva non ha avuto un ruolo. "Non mi sono mai arrabbiato per sconfitte alle urne, al massimo solo contro me stesso". Alla domanda di un giornalista su quale sia stata la sua miglior votazione, Maurer ha così risposto: "Il no allo Spazio economico europeo, ma allora non ero ancora consigliere federale".

Spiegando le ragioni della partenza, il ministro delle Finanze ha detto di voler "riacquistare parte della sua identità personale, anche se si rimane sempre in parte obiettivi quando si è stati consiglieri federali". "Vorrei essere Ueli, non un ex consigliere federale", ha aggiunto. "Ho trascorso più di quarant’anni in politica, di cui quattordici in Consiglio federale, un lavoro che mi è veramente piaciuto molto", ha affermato Maurer, prima di ringraziare le persone con cui ha lavorato. Insomma, "lascio con un occhio che ride e uno che piange".

Maurer non ha invece voluto rivelare quali siano i suoi piani concreti. "Avranno a che fare con lo sport", si è limitare a dire.

Prima al DDPS, poi al DFF

In carica da gennaio 2009 – ha preso il posto di Samuel Schmid – Maurer ha diretto per sette anni il DDPS, per poi passare al DFF il 1° gennaio 2018. Il democentrista zurighese è stato presidente della Confederazione nel 2013 e nel 2019. In precedenza Maurer ha trascorso 17 anni sui banchi del Consiglio nazionale. Tra il 1996 e il 2008 è stato presidente dell’Unione democratica di centro.

Una rendita di pensione di oltre 200’000 franchi

Una volta lasciato il Consiglio federale, Ueli Maurer riceverà una rendita pensionistica di poco superiore a 200’000 franchi, pari alla metà del suo salario attuale. Se intraprenderà un’attività lucrativa, la somma verrà ridotta. Le pensioni degli ex consiglieri federali corrispondono normalmente alla metà del salario. Solo i ministri che si ritirano dopo almeno quattro anni o per ragioni di salute hanno diritto alla rendita completa. Per legge, gli ex membri dell’esecutivo non devono guadagnare più dei loro colleghi ancora in carica; se decidono quindi di riprendere un’attività, devono ridare alla Confederazione una parte della rendita. Gli ex consiglieri federali sono liberi di assumere mandati nell’economia privata o in altre istanze una volta lasciato il governo. Il parlamento ha infatti rifiutato di imporre restrizioni in questo senso. Il governo si è però dotato di un codice di condotta che impone l’adozione di precauzioni per evitare conflitti di interesse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved