secondo-richiamo-raccomandabile-ma-non-prima-dell-autunno
Ti-Press
Non (ancora) per tutti
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
11 ore

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
12 ore

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
13 ore

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
14 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
15 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
17 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
17 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
19 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
19 ore

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
1 gior

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
05.07.2022 - 14:25
Aggiornamento: 15:06
Ats, a cura di Red.Web

Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno

Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’

Un’ulteriore dose di richiamo del vaccino contro Covid-19 dovrebbe essere raccomandata a tutta la popolazione, ma non prima dell’autunno. Per il momento l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) consigliano il richiamo solo agli ultraottantenni.

Data la diffusione della variante Ba.5 Omicron e l’aumento del numero di casi in Svizzera registrato dall’inizio giugno, le persone di età superiore agli 80 anni e immunocompromesse dovrebbero ricevere sin da ora un secondo richiamo, hanno dichiarato gli esperti nel corso di una conferenza stampa a Berna. Sono i soggetti più a rischio poiché in questi gruppi la protezione del vaccino contro decorsi gravi si riduce più rapidamente. L’obiettivo è ridurre il rischio di forme gravi di malattia durante i mesi estivi.

È probabile che gli over 80 che si sottopongono al richiamo ora debbano comunque ripeterlo entro la fine dell’anno, hanno aggiunto gli esperti. Per gli ultraottantenni, la seconda iniezione di richiamo è gratuita. Per gli altri, e in particolare per coloro che desiderano viaggiare quest’estate, il vaccino rimane a pagamento e costa circa 60 franchi.

Attendere l’autunno

Per tutti gli altri gruppi di persone già completamente immunizzati, l’Ufsp e la Cfv raccomandano di aspettare l’autunno per un’ulteriore dose di richiamo. Secondo il presidente della Commissione per le vaccinazioni, Christoph Berger, una quarta vaccinazione per gli adulti sani non è attualmente molto utile. Protegge a malapena dalla trasmissione e solo limitatamente dai corsi gravi.

Meglio aspettare quindi l’autunno, quando saranno a disposizione probabilmente vaccini più mirati. Alla fine di giugno, il laboratorio Moderna ha presentato a Swissmedic una domanda di autorizzazione per un vaccino bivalente contro Covid-19 adattato alla variante Omicron.

Nonostante l’aumento dei casi dovuti alle sottovarianti Omicron, il numero di ricoveri ospedalieri rimane basso, la situazione in terapia intensiva è sotto controllo e i decessi sono a un livello molto basso. Circa il 95% della popolazione è entrato in contatto con il virus, attraverso la vaccinazione o perché si è infettato. Non ci sono indicazioni che l’infezione con le sottovarianti Ba.4 e Ba.5 possa causare effetti più gravi rispetto alle varianti precedenti. L’Ufsp non si aspetta quindi un sovraccarico del sistema ospedaliero nelle prossime settimane, ha dichiarato Céline Gardiol, responsabile della sezione Controllo delle infezioni e programma di vaccinazione dell’Ufsp.

Prioritari i gruppi a rischio

La raccomandazione in autunno sarà rivolta prioritariamente alle persone "a rischio", ovvero gli over 65 anni, le persone fragili, alle donne in gravidanza e agli operatori sanitari. L’obiettivo principale sarà evitare un eventuale sovraccarico del sistema sanitario. I bambini dai 5 ai 15 anni non saranno interessati.

Impossibile al momento prevedere quando sarà emanata una raccomandazione generalizzata per il richiamo, precisa ancora l’UFSP. La decisione dipenderà da diversi fattori: la situazione epidemiologica, la disponibilità e l’efficacia di un vaccino adatto alle varianti attuali.

In caso di raccomandazione generalizzata, la vaccinazione di richiamo sarà gratuita: i costi saranno a carico della Confederazione, dei Cantoni e dell’assicurazione di base. I cantoni saranno responsabili dell’organizzazione delle vaccinazioni.

Sette milioni di dosi

L’Ufsp precisa che la Svizzera dispone attualmente di dosi sufficienti di vaccino. Le trattative con Pfizer/Biontech e Moderna sono state completate per il 2023 e sono state ordinate un totale di 7 milioni di dosi. Il Consiglio federale avrebbe voluto raddoppiare questo importo, ma il Parlamento ha deciso di ridurre gli acquisti durante il dibattito sul budget.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
booster coronavirus vaccinazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved