ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
13 ore

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
14 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
15 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
17 ore

L’imposizione individuale è stata messa in consultazione

Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
18 ore

Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera

Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
19 ore

I cyberattacchi a infrastrutture critiche andranno notificati

Il Consiglio federale intende creare un Centro nazionale per la cybersicurezza come servizio centrale per le segnalazioni di attacchi informatici
Svizzera
19 ore

Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino

Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
09.09.2022 - 10:15
Aggiornamento: 18:55

Vaccino anti-Covid, da ottobre richiamo per anziani e fragili

Arriva la raccomandazione per gli over 65 e le persone con problemi di salute o immunodeficienze

vaccino-anti-covid-da-ottobre-richiamo-per-anziani-e-fragili
Keystone

La prossima ondata di Covid è da prevedersi dal mese prossimo. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) raccomandano pertanto un vaccino di richiamo dalla metà di ottobre, soprattutto per i gruppi a rischio. La raccomandazione riguarda in particolare le persone di oltre 65 anni, quelle di più di 16 anni con problemi di salute o una trisomia 21, nonché i giovani a partire dai dodici anni che soffrono di immunodeficienza. Il rischio di un’infezione viene così ridotto per la durata di diversi mesi, indicano oggi UFSP e CFV. Il richiamo è pure altamente consigliato per le donne incinte, a partire dalla 12esima settimana di gravidanza, o le madri che allattano. I rischi di contrarre una forma grave della malattia sono elevati in particolare per il nascituro. La vaccinazione non comporta invece rischi di complicazioni per la gravidanza e protegge pure il futuro bebè.

Per i soggetti a rischio che non si sono ancora fatti vaccinare, l’UFSP e la CFV raccomandano due iniezioni a distanza di quattro settimane l’una dall’altra. Il richiamo è inoltre raccomandato per il personale sanitario e le persone a contatto con soggetti a rischio. Ciò consente anche di evitare assenze dal lavoro. La scelta di farsi vaccinare spetta alle persone interessate, ricorda l’UFSP. L’obiettivo deve tuttavia essere quello di garantire la presa a carico dei soggetti a rischio.

Nessun richiamo per i giovani

Tutte le altre persone dai 16 ai 64 anni possono scegliere se farsi vaccinare o no. Stando all’UFSP e alla CFV, il rischio di sviluppare sintomi gravi è basso. I giovani di età compresa tra i cinque e i 15 anni non dovranno farsi vaccinare nuovamente. I sintomi sono leggeri, o persino inesistenti. Inoltre, i giovani che sono già stati infettati presentano ancora sufficienti anticorpi sedici mesi dopo la malattia. In giugno, il 90% dei ragazzi di più di cinque anni aveva anticorpi. Nessuna autorizzazione di vaccinazione è stata ancora rilasciata per i bambini sotto i cinque anni. L’UFSP e la CFV precisano che la vaccinazione non impedisce la trasmissione del virus. Per evitare al massimo i rischi di infezione occorre, come sempre, rispettare le regole di igiene e indossare la mascherina.

Coincidenza tra picco e iniezione

La protezione contro il virus dopo una vaccinazione è al suo massimo nei tre mesi che seguono l’iniezione. Idealmente, questo periodo deve quindi coincidere con il picco dell’ondata. Le esperienze di questi ultimi anni hanno mostrato che la campagna di vaccinazione deve incominciare il 10 ottobre. Gli obiettivi di questa vaccinazione rimangono quelli di proteggere le persone contro gli effetti gravi della malattia o di ridurli, nonché di proteggere il sistema sanitario contro un eventuale sovraccarico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved