ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale

Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
4 ore

Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa

Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
5 ore

L’inflazione colpisce duramente gli anziani

L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
5 ore

‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’

A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
Svizzera
7 ore

Dopo l’addio di Maurer in casa Udc parte il ‘toto-nome’

Tramite il ‘Sonntagsblick’ il presidente democentrista Marco Chiesa stila il possibile profilo (o profili) del successore di Ueli Maurer
Svizzera
1 gior

Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri

Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
1 gior

Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini

Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
1 gior

Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa

Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
2 gior

Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher

La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
2 gior

Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica

Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
2 gior

Minacce nucleari, improbabili o meno a Berna ci si premunisce

Definite dal Dipartimento della difesa l’organizzazione e le competenze in caso di grave crisi atomica
Svizzera
2 gior

Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito

Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
2 gior

Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale

Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
2 gior

Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’

La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
2 gior

Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni

Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
3 gior

Tempi bui per i lupi: passa agli Stati l’abbattimento preventivo

Potranno essere uccisi esemplari che si avvicinano minacciosamente a zone abitate o esseri umani o che predano eludendo la protezione delle greggi
Svizzera
3 gior

Rinnovabili da potenziare, ma sempre nel rispetto dell’ambiente

Il dossier approvato dagli Stati passa ora all’esame del Nazionale. Unanime la volontà di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili, e non, importate
Svizzera
3 gior

Salta il contratto per il nuovo elicottero della Rega

Il velivolo Aw169-Fips non raggiunge le alte prestazioni richieste dalla Rega in termini di resistenza al gelo
Svizzera
3 gior

Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio

Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
3 gior

Il Consiglio federale non potrà imporre sanzioni autonomamente

Attualmente, la Svizzera può adottare misure restrittive decretate dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa
Svizzera
3 gior

Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo

Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
3 gior

Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole

Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
3 gior

I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi

In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
3 gior

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
3 gior

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
29.06.2022 - 16:00
Aggiornamento: 17:53

La Confederazione si prepara a una penuria di gas

Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente

Ats, a cura de laRegione
la-confederazione-si-prepara-a-una-penuria-di-gas
Keystone

La Confederazione, assieme ai partner del settore, si sta preparando a un’eventuale penuria di gas per l’inverno prossimo, specie dopo la decisione della Russia di tagliare ulteriormente le forniture. Si sta anche studiando un piano che contempla il razionamento.

È quanto stabilito oggi dal Consiglio federale, che ha preso atto dei lavori in corso e di quanto già fatto finora, alla luce del peggioramento dell’approvvigionamento negli ultimi mesi: i flussi di gas dalla Russia all’Unione europea sono diminuiti costantemente e per ora rappresentano solo il 15% circa delle importazioni di gas dell’Ue, si legge in una nota governativa odierna. Oltre al calo della domanda di gas russo, le ragioni sono da ricercare nelle forniture attraverso il gasdotto "Nord Stream 1" che sono state ridotte da Mosca a partire da metà giugno.

Ci prepariamo, ma nessuna certezza

Stando alla ministra dell’energia, Simonetta Sommaruga, l’Europa e con essa la Svizzera si trovano al centro di una crisi energetica mondiale dovuta alla guerra in Ucraina, caratterizzata da un calo delle forniture di gas e dall’esplosione dei prezzi dell’energia.

Vista la situazione, da tempo il Governo, assieme a tutti gli attori interessati, si sta preparando a una penuria di energia, per esempio obbligando le centrali idroelettriche a creare delle riserve di energia per questo inverno, strumenti giuridici per evitare problemi (leggi fallimenti, n.d.r) alle imprese energetiche e accordi con la Germania per la fornitura di gas. Tuttavia, nonostante tutti questi preparativi esperiti e quelli che verranno, ha sottolineato la consigliera federale, su come evolverà la situazione nel prossimo futuro "non ci sono certezze"; non si possono escludere insomma "colli di bottiglia".

Penuria di gas ed elettricità

Dal canto suo, il ministro dell’economia Guy Parmelin ha chiaramente detto che c’è un rischio concreto che in inverno dovremo ridurre il consumo di gas. Il riempimento dei serbatoi di stoccaggio prosegue, nonostante la riduzione delle forniture dalla Russia, ma più lentamente di quanto auspicato.

Diversi Paesi europei hanno già ridotto i consumi proprio per riempire i serbatoio in vista del prossimo inverno, ha sottolineato il consigliere federale vodese, facendo riferimento alla forte dipendenza del nostro paese dalla Germania. Poiché la Svizzera non dispone di strutture di stoccaggio proprie, dipende completamente dalle importazioni, specie da questo Paese (fino a tre quarti delle forniture di gas alla Svizzera passano per la Germania).

Se la Germania e l’Ue dovessero avere problemi con le forniture, ciò si ripercuoterebbe quindi sulla Confederazione. Insomma, se gli impianti di stoccaggio non possono essere riempiti secondo i piani, non si può escludere una carenza nel prossimo inverno. la guerra in Ucraina non ha fatto altro che mettere sotto gli occhi di tutti la forte dipendenza da Mosca, ha sottolineato Parmelin.

Stando al consigliere federale, inoltre, la Svizzera potrebbe avere anche problemi con l’elettricità, visto che le centrali atomiche francesi hanno ridotto la produzione. Diversi impianti sono infatti stati spenti.

Stoccaggio

Il 18 maggio scorso, il Consiglio federale aveva preso atto del piano della task force - istituita dalle aziende del gas sotto la guida dell’Associazione Svizzera dell’industria del gas ASIG, in cui sono rappresentate anche le autorità federali - per la creazione di una riserva invernale di gas, obbligando i fornitori regionali ad attuarlo.

Il piano prevedeva due misure: in primo luogo la creazione di una riserva fisica di gas in impianti di stoccaggio nei Paesi limitrofi, destinata a coprire il 15% (circa 6 TWh) del consumo annuale di gas della Svizzera (circa 35 TWh). In tal modo, la Svizzera contribuisce anche a riempire gli impianti di stoccaggio europei.

In secondo luogo si aggiunge la ricerca di opzioni per forniture aggiuntive di gas non russo per un totale di 6 TWh (circa il 20% del consumo invernale della Svizzera), a cui fare ricorso all’occorrenza con breve preavviso.

Nel frattempo, il Consiglio federale ha invitato la task force a ultimare il piano entro la fine di giugno 2022 e, in particolare, a regolamentare l’attuazione (gestione e utilizzo della riserva, prezzi, trasparenza sui contratti e sui costi, garanzia delle necessarie capacità di importazione dalla rete). Oggi il Governo ha preso atto del fatto che il piano è pronto, e ha potuto verificare lo stato dei lavori nelle aziende del gas – Erdgas Ostschweiz Ag (Ego), Gasverbund Mittelland Ag (Gvm), Gaznat Sa, Erdgas Zentralschweiz Ag (Egz), Aziende Industriali di Lugano Sa (Ail) – per l’istituzione di una riserva invernale.

Circa la riserva fisica di gas negli impianti di stoccaggio nei Paesi limitrofi, sono attualmente garantiti quasi 3,8 TWh, ossia circa il 60% dell’obiettivo di 6 TWh. Per le opzioni di forniture supplementari sono disponibili delle offerte, a cui ora si dà seguito. Il piano prevede che le società regionali gestiscano con cautela e ottimizzino l’uso del loro gas di stoccaggio all’interno del normale portafoglio, indipendentemente dal livello di crisi.

I fornitori terzi hanno accesso al gas di stoccaggio a condizioni di mercato. Il ricorso alle opzioni è soggetto a standard minimi (ad esempio, clausola di consegna in caso di mancata fornitura di gas russo, meccanismo del prezzo, periodo di conservazione). Si può ricorrere alle opzioni solo se la situazione si aggrava: l’avvio viene dato da un’organizzazione di crisi del settore.

I fornitori terzi pagano alle compagnie regionali il prezzo di costo delle opzioni più un sovrapprezzo del 3%. Le società regionali tengono una contabilità separata per le spese e le entrate nell’ambito della riserva invernale di gas, che viene verificata da una società di revisione riconosciuta e indipendente.

Ulteriori provvedimenti

Frattanto sono in corso colloqui e lavori esplorativi per accordi con i Paesi vicini. Durante l’incontro al Forum economico mondiale (Wef) di Davos (Gr) tra Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin col vicecancelliere tedesco Robert Habeck, è stato deciso di concludere un accordo in tal senso. Un primo ciclo di negoziati con i partner tedeschi si è svolto nel mese di giugno.

L’Ufficio federale dell’energia sta inoltre esaminando come favorire la costituzione di capacità di stoccaggio del gas in Svizzera e informerà il Consiglio federale sullo stato dei lavori entro la fine di agosto 2022.

Campagna di risparmio

Nell’ambito dei lavori in corso sull’efficienza energetica, l’Ufe sta preparando una campagna di risparmio a livello nazionale da attuare in collaborazione con il mondo economico per illustrare alla alla popolazione e alle imprese misure di risparmio energetico semplici e veloci da attuare.

Oltre ai provvedimenti già adottati o avviati per prevenire le insufficienze, il Consiglio federale - insieme con i Cantoni e le aziende del settore energetico - sta vagliando diversi scenari per prepararsi a un’eventuale mancanza di gas o di elettricità.

Quest’ultima sembra sempre più probabile anche in Svizzera, sia a causa delle difficoltà che hanno le centrali nucleari in Francia sia dei previsti livelli idrici nei laghi artificiali svizzeri, attualmente inferiori alla norma.

Ridurre i consumi

La Confederazione intende contrastare un’eventuale penuria di gas con diverse misure. In caso di un’imminente mancanza di gas, la Confederazione e le aziende inviteranno gli utenti a ridurre i consumi in modo significativo, attraverso una campagna informativa, hanno affermato Sommaruga e Parmelin.

Coloro che dispongono di impianti bicombustibili, cioè funzionanti sia a gas naturale che a gasolio, passerebbero alla seconda modalità. Parmelin ha raccomandato agli utenti degli impianti bicombustibili di riempire ora le cisterne nonostante i prezzi elevati.

Contingenti in caso di necessità

Se invece gli appelli al risparmio e la commutazione obbligatoria degli impianti bicombustibili non bastassero, il consumo verrebbe contingentato, ha spiegato il consigliere federale democentrista. Verrebbero limitati per primi tutti gli impianti che non rientrano nella categoria dei consumatori protetti; sarebbero escluse quindi le famiglie collegate a una rete di distribuzione di gas naturale per la fornitura di calore e i servizi sociali di base, ma non l’educazione e la pubblica amministrazione.

Affinché la riduzione delle forniture di gas si limiti allo stretto necessario per tutti i consumatori, a tutti i clienti "non protetti" verranno assegnati contingenti senza ordine di priorità. Inoltre, sono attualmente allo studio anche alcune restrizioni, ossia il divieto di consumare gas per certe utilizzazioni, come per le palestre o gli immobili vuoti.

Il Dipartimento dell’economia, d’intesa con l’industria, sta attualmente rielaborando il piano di contingentamento dell’Approvvigionamento economico del Paese (AEP) e lo sottoporrà al Consiglio federale alla fine di agosto 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved