il-consiglio-federale-corre-ai-ripari-sulle-forniture-di-gas
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
54 min

Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo

A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
1 ora

Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni

Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
Svizzera
1 ora

Le associazioni padronali: tre ‘sì’ e un ‘no’ il 25 settembre

A esprimersi oggi sulle prossime votazioni quattro associazioni economiche. Il ‘no’ riguarda l’iniziativa sull’allevamento intensivo
Svizzera
1 ora

L’aumento dei tassi non sta impattando il mercato degli alloggi

Lo rilevano gli economisti di Raiffeisen. I tassi più alti influenzano invece le scelte delle modalità di finanziamento per acquisti o rinnovi di mutui
Svizzera
2 ore

Statuto S: raggiunta la soglia di 60mila

Attese tra le 80mila e le 120mila richieste per quest’anno da parte di rifugiati ucraini
Svizzera
2 ore

Mosca: ‘La Svizzera non può rappresentare Kiev’

Secondo la Russia la Confederazione ha smesso di essere neutrale aderendo alle sanzioni
Svizzera
5 ore

Bancomat fatto esplodere nel Canton Soletta

È successo la scorsa notte a Nuglar, un villaggio a pochi chilometri da Basilea. I residenti dell’edificio sono stati evacuati
Svizzera
6 ore

La Svizzera importerà 1’000 tonnellate di burro in più

Ad oggi la produzione di latte è inferiore alle aspettative e la maggior parte viene impiegata per produrre formaggio
Svizzera
1 gior

I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese

Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
1 gior

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
1 gior

Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri

La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
18.05.2022 - 13:43
Aggiornamento: 14:23
Ats, a cura de laRegione

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture

Il settore del gas deve assicurarsi capacità di stoccaggio nei Paesi limitrofi e opzioni per ulteriori forniture di gas. Lo prevede un’ordinanza urgente (valida dal 23 maggio al 30 settembre 2023) adottata oggi dal Consiglio federale in vista di un’eventuale riduzione, l’inverno prossimo, delle forniture provenienti dalla Russia in relazione alla guerra in Ucraina.

Per aumentare l’approvvigionamento di gas, all’inizio di marzo il Consiglio federale ha deciso di facilitare per il settore l’acquisto di gas e di capacità di stoccaggio nei Paesi confinanti.

Nel frattempo la task force costituita dal settore del gas, i cui lavori sono coordinati dall’Associazione svizzera dell’Industria del gas (ASIG), ha elaborato, con la collaborazione del Dipartimento dell’energia (DATEC) e quello dell’economia (DEFR), un piano contenente i capisaldi delle misure previste per l’approvvigionamento invernale 2022/2023. Il Consiglio federale ne ha preso atto oggi, fissandone i capisaldi in un’ordinanza.

Riserva fisica

Una parte dell’approvvigionamento ordinario di gas deve essere garantita mediante lo stoccaggio, principalmente nei Paesi limitrofi.

Tale riserva fisica è destinata a coprire il 15% (circa 6 TWh) del consumo annuale di gas della Svizzera (circa 35 TWh). Circa la metà di questa riserva fisica è già stata prenotata in Francia dalle società regionali Gaznat e Gasverbund Mittelland (GVM).

Opzioni per altre forniture

Oltre all’approvvigionamento ordinario devono essere acquistati 6 TWh in Francia, Germania, Italia e Paesi Bassi sotto forma di opzioni per la fornitura di gas di origine non russa, cui in caso di necessità la Svizzera potrà ricorrere con breve preavviso dietro pagamento di un corrispettivo fisso, precisa la nota.

Questa quantità equivale a circa il 20% del consumo invernale in Svizzera. Ciò permetterà anche una diversificazione dei canali di approvvigionamento

Piano industria del gas

Nella sua seduta odierna, l’esecutivo ha anche accolto con favore il piano dell’industria del gas. Esso, infatti, fornisce un’ulteriore garanzia contro i rischi legati alla fornitura invernale 2022/2023 e una sua maggiore diversificazione. Queste nuove misure devono pertanto essere considerate come lavori preliminari alla legge sull’approvvigionamento economico del Paese.

Il Consiglio federale si aspetta che la costituzione della riserva di gas possa svolgersi nel rispetto del diritto in materia di concorrenza. A questo proposito l’ordinanza stabilisce che i costi devono essere coperti senza discriminazioni attraverso le tariffe di utilizzazione della rete.

Il Consiglio federale invita la task force creata a tale scopo a portare a termine il piano per la riserva di gas congiuntamente al DEFR e al DATEC e di informarlo entro la metà di giugno.

Lavori ancora in corso

Occorre ancora definire, in particolare, come verrà gestita la riserva di gas: un piano specifico dovrà definire come e quando ricorrere alla riserva di gas, chi potrà utilizzarla e a quale prezzo.

Sarà inoltre necessario garantire la trasparenza sui contratti stipulati e sui costi, nonché garantire le necessarie capacità della rete per l’importazione di gas. Se nel corso dei prossimi lavori si rivelasse impossibile attuare le misure ordinate dalla Confederazione nel rispetto del diritto in materia di concorrenza, il Consiglio federale valuterà quali regole adottare.

Il Governo prevede inoltre di intensificare i contatti bilaterali per valutare la possibilità di firmare accordi bilaterali che garantiscano l’accesso agli impianti di stoccaggio.

Tenendo conto di quanto sta accadendo con la crisi ucraina, il Consiglio federale ha inoltre incaricato il DATEC di rivedere il progetto, da porre in consultazione, della legge sull’approvvigionamento di gas e di presentargli in un documento interlocutorio i nuovi capisaldi del progetto entro la fine di aprile 2023.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
approvvigionamento gas consiglio federale riserva gas
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved