il-gipfeli-piu-caro-in-panetteria-colpa-dei-pagamenti-con-carta
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Primo Sì al divieto nazionale per le terapie di conversione

La Comm. affari giuridici al Nazionale approva una mozione che vieta le terapie volte a modificare o reprimere orientamento sessuale o identità di genere
Svizzera
15 ore

Neomamme più protette dal licenziamento, no a proposta ticinese

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha respinto il testo che estendeva a 12 mesi, anziché 16 settimane, il periodo di protezione dopo il parto
Svizzera
18 ore

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale
Svizzera
19 ore

Tariffe forfettarie ambulatoriali sulla buona strada

Il documento elaborato da Ospedali svizzeri (H+) e assicuratori malattia santésuisse potrebbe diventare effettivo entro la fine del 2023
Svizzera
19 ore

I camper devono poter pesare di più. Fino a 4,25 tonnellate

Inoltrata alla Cancelleria federale una petizione che chiede di innalzarne il limite. Per poterli guidare, però, saranno necessari corsi ad hoc
Svizzera
20 ore

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese
Svizzera
20 ore

‘Il sondaggio non è stato condotto in maniera obiettiva’

Gli oppositori alla riforma Avs puntano il dito sulle risultanze dell’inchiesta. ‘Ignorato il divario pensionistico delle donne’
Svizzera
21 ore

Motociclista gravemente ferito sul Flüela

L’uomo, un 28enne austriaco, è stato tradito dall’asfalto scivoloso. Cadendo è andato a sbattere contro il guardrail
09.02.2022 - 10:34
Aggiornamento: 14:26
Ats, a cura de laRegione

Il gipfeli più caro in panetteria? Colpa dei pagamenti con carta

I costi per i pagamenti elettronici, anche di 10 centesimi su transazioni da 1 franco e 50, vengono riversati dai commercianti sul costo del croissant

Il gipfeli (cornetto) comprato al chiosco o in panetteria sta diventando più caro in Svizzera. La colpa è delle nuove modalità di pagamento dettate dalla pandemia: sempre più persone regolano l’importo con le carte di debito, generando transazioni su cui i commercianti devono pagare tasse bancarie, che cercano ora di ribaltare sulla clientela.

Il tema è trattato oggi dalla Aargauer Zeitung e testate consorelle. Chi paga oggi il croissant dal panettiere a 1,50 franchi con la carta non deve contare le monetine e in apparenza può effettuare comodamente la sua spesa. Ma il cosiddetto denaro di plastica costa caro ai commercianti: sono infatti chiamati a pagare un balzello elevato alla compagnia del terminale della carta, che si compone di un importo fisso e una parte variabile. Nel caso del gipfeli in questione, per una carta di debito Mastercard il fisso è di 10 centesimi e la componente variabile di 0,735 centesimi.

La panetteria perde quindi quasi 11 centesimi: un prelievo che, in particolare sugli importi ridotti, dà sempre più fastidio. E questo nonostante il fatto che la situazione sia migliorata rispetto al passato: non deve infatti più pagare 28 centesimi sui piccoli importi come era il caso negli acquisti con la carta Maestro. Purtroppo però l’aleatorio progresso per panettieri, chioschi e simili è stato spazzato via dall’uso crescente dei pagamenti elettronici.

“Il numero di transazioni con la carta è raddoppiato durante la pandemia”, afferma Silvan Hotz, presidente dell’Associazione svizzera dei maestri panettieri-pasticcieri, in dichiarazioni riportate dall’Aargauer Zeting. In alcuni luoghi due terzi dei clienti pagano ormai con la carta. Anche per questo i prezzi dei croissant stanno salendo.

Il crescente fastidio dei commercianti ha molto a che fare con le banche, che stanno spingendo negli ultimi mesi per favorire il denaro elettronico. “Nel complesso, la crescente diffusione delle nuove carte con commissioni leggermente più alte può comportare un leggero aumento dell’onere per i commercianti”, conferma alla testata giornalista una portavoce della società Worldline, che fornisce terminali per carte. L’esperta sottolinea che le piccole transazioni sono diventate più economiche rispetto al passato, mentre per gli importi più alti si paga di più.

In agosto Mister Prezzi è riuscito a imporre un limite per le tasse, che altrimenti sarebbero aumentate fortemente: ora Worldline è autorizzata ad addebitare un massimo di 3,50 franchi per le carte di debito Visa e 2,00 franchi per le carte di debito Mastercard. Worldline sottolinea che le tasse devono essere generalmente viste “nel contesto generale dell’esperienza del cliente”. “L’accettazione dei pagamenti con carta soddisfa anche un bisogno del consumatore e può aumentare in modo dimostrabile la disponibilità all’acquisto e quindi le vendite”, viene fatto notare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
croissant gipfeli pagamenti elettronici
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved