test-gratuiti-per-gli-studenti-delle-universita-vodesi
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Automobilista ubriaco provoca un incidente e fugge

Il conducente è stato poi fermato dalla polizia nel canton Zurigo. Ieri sera aveva urtato una macchina ferma a un semaforo a Neuhausen am Rheinfall (Sh)
Svizzera
2 ore

Estate da record: ‘Potremmo raggiungere i 40 gradi’

Lo afferma Thomas Bucheli di Srf Meteo. Raddoppiato il numero di giorni estivi con più di 25 gradi.
Svizzera
16 ore

Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo

La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
18 ore

Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera

Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
20 ore

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
22 ore

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
1 gior

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
1 gior

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
1 gior

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
1 gior

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
1 gior

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
1 gior

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
16.09.2021 - 15:02

Test gratuiti per gli studenti delle università vodesi

La misura varrà fino al 31 ottobre e sarà attuata mediante test salivari. Con il test negativo sarà possibile frequentare le lezioni ma non andare nei ristoranti

Ats, a cura de laRegione

Per gli studenti delle università vodesi che non hanno un certificato Covid i test saranno gratuiti fino al 31 ottobre e permetteranno di ottenere un certificato valido per una settimana.

Questa disposizione transitoria è stata annunciata giovedì dal Consiglio di Stato, cinque giorni prima dell’inizio del nuovo anno accademico. La misura sarà attuata dal 4 ottobre e si applica a tutte le università pubbliche e private sovvenzionate del cantone, tra cui Unil, Epfl, Hep, Ecal, la Scuola alberghiera, Heig-Vd e Hesav (salute).

Priorità assoluta

La consigliera di Stato Cesla Amarelle, attorniata da diversi rettori delle università, ha ricordato l’importanza dell’insegnamento in presenza. “L’apprendimento a distanza è una versione degradata dell’insegnamento faccia a faccia. Far tornare gli studenti al campus era una priorità assoluta”, ha detto.

Il certificato Covid, ottenuto dopo la vaccinazione o dopo un test, è “l’unico strumento che rende questo possibile”, ha insistito. Sarà obbligatorio per gli studenti di tutte le università. Saranno possibili eccezioni per le lezioni pratiche, ma i locali dovranno essere occupati al massimo per due terzi.

Test della saliva

L’implementazione del piano di test gratuiti richiederà circa due settimane. “Siamo in uno stato di preparazione per essere pronti il più presto possibile. Speriamo di essere pronti prima del 4 ottobre”, ha spiegato il vice medico cantonale Eric Masserey.

I test saranno salivari e saranno eseguiti in gruppo. Le università sono responsabili della loro organizzazione, mentre sarà il cantone a pagare. “Questi test di massa saranno eseguiti sul posto, in gruppi di dieci studenti, e poi inviati al laboratorio. In caso di un risultato positivo, tutti e dieci dovranno essere testati”, ha detto Masserey.

In attesa dei risultati, gli studenti potranno continuare a frequentare le lezioni. “Abbiamo ritenuto che il rischio epidemiologico non fosse abbastanza significativo per proibirlo”, ha detto. Attualmente, circa il 60% degli studenti è vaccinato, fino al 90% nella facoltà di medicina. Indossare una mascherina rimarrà obbligatorio fino al 31 ottobre durante le attività didattiche.

Portata limitata

Il certificato rilasciato dopo questi test sarà valido per una settimana. Ma non è un certificato Covid: permetterà di frequentare le lezioni, ma non di andare al ristorante o in un locale notturno.

“Chiediamo ai giovani di aiutare a controllare l’epidemia facendosi vaccinare. I 20-29 anni sono attualmente i più colpiti e contribuiscono alla circolazione del virus”, ha detto Masserey.

Richieste

L’introduzione di test gratuiti soddisfa una delle richieste delle associazioni studentesche. “Permette agli studenti di tornare a scuola e dà loro il tempo di farsi vaccinare”, ha detto la signora Amarelle.

Il rettore dell’Università di Losanna (Unil), Frédéric Herman, si è detto “felice di questo periodo di transizione che garantisce l’accesso al maggior numero di persone”. Le università saranno responsabili dell’esecuzione dei controlli che saranno sistematici all’ingresso delle caffetterie e delle biblioteche, ma casuali negli auditorium.

In caso di infrazione, gli studenti possono essere segnalati al prefetto. Rischiano una multa. “Non ci saranno implicazioni accademiche”, ha assicurato il rettore.

Alternativa da pianificare

Fino al 15 novembre, le università sono tenute a fornire una forma alternativa di istruzione, in particolare l’apprendimento a distanza. “Faremo tutto il possibile per farlo”, ha spiegato Thierry Dias, rettore dell’Università di Scienze applicate, che promette che non ci sarà “nessuna esclusione dalla conoscenza e dall’apprendimento”.

“Dopo tre semestri di formazione a distanza, basta così”, ha tuonato Jacques Chapuis, in rappresentanza dell’Uas. Ha riconosciuto che ci sarebbero “grandi sforzi da fare” nella Sup, perché i laboratori pratici sono numerosi e “vitali”. “Questo richiederà degli adattamenti. Siamo all’inizio”, ha detto.

Il certificato Covid sarà obbligatorio per gli studenti universitari, ma non per gli insegnanti, a causa delle disposizioni del diritto del lavoro. L’insegnante senza certificato Covid indosserà la maschera e avrà accesso solo all’aula.

Dopo il 15 novembre, le misure saranno riviste, a seconda dell’evoluzione della situazione sanitaria, e potrebbero cambiare se il tasso di vaccinazione è molto alto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid certificato covid svizzero università vodesi vaud
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved