ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Una coppia trova una busta con ventimila franchi per strada

I due onesti cittadini hanno rintracciato quindi l’anziano proprietario e gli hanno restituito la busta con l’ingente somma
Svizzera
9 ore

‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga

Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
9 ore

Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali

Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
9 ore

‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’

Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
10 ore

In dogana con un ghepardo imbalsamato

Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
10 ore

Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali

A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
10 ore

Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà

È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
12 ore

Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach

Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
12 ore

Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria

Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
13 ore

I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati

È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
13 ore

Si schianta contro un albero: morto un 21enne

Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
Svizzera
13 ore

Guerra in Ucraina, congelati 7,5 miliardi di averi russi

La Segreteria di Stato dell’economia dà... i numeri. Sequestrati pure 15 immobili in sei cantoni
Svizzera
14 ore

Preventivo 2023, rosso per 4,8 miliardi di franchi

Il Consiglio nazionale ritocca lievemente le spese previste dal Governo: 15,11 milioni in più. Il dossier ora al vaglio degli Stati
Svizzera
15 ore

Novembre di stabilità per l’inflazione

Mentre in Europa il rincaro nell’ultimo mese ha toccato il 10% (dato comunque in lieve flessione), in Svizzera il tasso si è attestato al 3%
Svizzera
16 ore

Biglietti digitali nel futuro dei trasporti pubblici

Troppo costosa l’infrastruttura per quelli cartacei. L’Alliance Swiss Pass pensa a un futuro votato alla digitalizzazione
Svizzera
19 ore

‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’

La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista
friburgo
1 gior

Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima

Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
richiedenti asilo
1 gior

Revocata l’attribuzione anticipata ai Cantoni

Nei centri federali è di nuovo disponibile un numero di posti letto sufficiente per accogliere i richiedenti appena arrivati
Svizzera
1 gior

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
1 gior

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
1 gior

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
09.09.2021 - 19:10
Aggiornamento: 20:14

All’Usi il semestre comincia senza certificato Covid

Il rettore Boas Erez: niente obbligo, valuteremo eventuali situazioni particolari. La Supsi non ha ancora deciso. Pass richiesto a Losanna e Neuchâtel

all-usi-il-semestre-comincia-senza-certificato-covid
Keystone
Niente certificato Covid all’Usi

Mercoledì il Consiglio federale ha esteso da lunedì 13 l’obbligo del certificato Covid a quasi tutte le strutture e attività al chiuso. Per quanto riguarda l’insegnamento superiore, ha lasciato però libertà di scelta a cantoni e scuole universitarie. Una scelta non facile: sia per i numerosi interrogativi che pone ai diretti interessati, sia per il poco tempo a loro disposizione. In vista della ‘rentrée’ (21 settembre), alcuni atenei hanno già rotto gli indugi. Il Politecnico federale di Losanna (Epfl), l’Università di Losanna (Unil) e quella di Neuchâtel (Unine) renderanno obbligatorio il ‘pass’ già dalla ripresa dei corsi, tra poco più di una settimana. L’Università della Svizzera italiana (Usi) invece vi rinuncia. La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) ci sta ancora pensando: una decisione pare imminente.

Usi no, Supsi forse

L’ordinanza che estende l’impiego del certificato dà facoltà ai cantoni o alle scuole universitarie di prendere l’iniziativa. Questi possono prescrivere l’obbligo per i corsi di livello bachelor, master e dottorato. Se decidono di limitare l’accesso alle persone che ne sono munite, verranno revocati l’obbligo della mascherina e la limitazione a due terzi della capienza (e l’insegnamento dovrebbe essere garantito in forma ibrida, in presenza e a distanza). In caso contrario, le restrizioni rimarranno in vigore. Per altre attività universitarie (corsi di formazione continua, eventi, ecc.) continuano a valere le regole previste per le manifestazioni: certificato obbligatorio in luoghi chiusi (con deroghe per classi fisse con al massimo 30 persone, ma capienza limitata e obbligo di mascherina), facoltativo all’esterno (purché si tratti di piccoli gruppi). Un bel garbuglio, insomma.

In Ticino l’Usi non ha perso tempo. Il rettore Boas Erez: «Per le attività dove abbiamo la scelta, ovvero i corsi di bachelor, master e dottorato, in linea generale non chiederemo il certificato Covid. Ma da qui all’inizio dei corsi, valuteremo alcune eventuali situazioni particolari: come gli atelier di architettura, che si svolgono in piccoli gruppi; oppure il master di medicina umana, che prevede anche un insegnamento al letto del paziente». In assenza di obbligo del certificato, all’Usi l’insegnamento avverrà dunque in massima parte «rispettando le distanze [un posto occupato su due, ndr] e con mascherina». Inoltre, fa notare Erez, «promuoveremo la vaccinazione dando la possibilità a chi lo desidera di vaccinarsi sul campus, senza necessità di fissare un appuntamento». “Non vogliamo favorire la creazione di spaccature: favoriremo il dialogo e l’informazione, non il conflitto”, ha scritto il rettore in una nota inviata alla comunità accademica e di cui ‘laRegione’ ha ottenuto copia.

Il tema «è delicato», la questione «complessa e aperta». Il direttore della Supsi Franco Gervasoni ne parla stasera con i suoi colleghi del Consiglio di direzione. Il tempo stringe: la ‘rentrée’ è lunedì 20. Per cui «entro domani sera dovremo avere le idee chiare su come iniziare», afferma Gervasoni, da noi interpellato. Resterebbe dunque poco più di una settimana: per prendere la decisione, comunicarla ed eventualmente predisporre gli accorgimenti del caso. Introdurre l’obbligo di certificato «sarebbe complicato a brevissimo termine». La misura potrebbe entrare in vigore eventualmente «tra qualche settimana».

Gervasoni propende per la libertà di scelta: «Se uno non vuole vaccinarsi né testarsi, dovrebbe poter venire a scuola lo stesso con la mascherina». Ma il «problema» è anzitutto «di natura logistica». Si pone un dilemma: «In pratica – spiega Gervasoni – l’ordinanza federale dice ‘o certificato Covid, o aule occupate solo per due terzi’. In diversi casi, nelle classi con pochi studenti, potremmo far fronte a questa limitazione della capienza, garantendo l’insegnamento in presenza con la mascherina. Dove però le classi sono più numerose, se non mettiamo l’obbligo di certificato dovremo tornare all’insegnamento a distanza, una modalità didattica che ha mostrato qualche limite». Ancora il direttore della Supsi: «Faremo tutto il possibile per riportare l’insegnamento in presenza e per garantire pari opportunità a tutti», vaccinati e non vaccinati.

Solerzia romanda

Nelle scuole universitarie del resto della Svizzera, e un po’ ovunque in Europa, la tendenza sembra piuttosto chiara: si va in molte strutture verso l’obbligo di certificato. È così nella Svizzera romanda. All’Epfl il pass sanitario sarà obbligatorio per tutti i corsi e gli esercizi, ha indicato la sua portavoce Corinne Feuz. La disponibilità dei corsi sarà garantita a tutti grazie all’insegnamento a distanza. «Gli studenti che non hanno un certificato Covid non saranno quindi esclusi dall’insegnamento». Il certificato offrirà «una migliore garanzia sanitaria» agli studenti che assisteranno ai corsi «in presenza». Consentirà inoltre di utilizzare le infrastrutture a pieno regime. «Per i nostri studenti, ciò permetterà un vero ritorno alla vita universitaria», ha aggiunto Feuz. L’Epfl sta ora lavorando all’attuazione dei controlli. Il Politecnico federale di Losanna sta pure studiando la possibilità di rendere obbligatorio il certificato presso i suoi collaboratori. Tale misura può tuttavia essere adottata soltanto al termine di una consultazione interna.

Certificato Covid obbligatorio anche all’Unil. Tutti i corsi del livello bachelor e master sono interessati. Dettagli saranno rivelati la prossima settimana. Il pass sanitario sarà già obbligatorio da lunedì prossimo sul campus, per l’accesso ai servizi di ristorazione, alle infrastrutture sportive e alle biblioteche. Occorrerà pure dimostrare di avere le carte in regola per recarsi nei ristoranti e nelle caffetterie dell’Epfl. I due atenei ricordano infine che da lunedì una campagna di vaccinazione avrà luogo sul posto. Le due somministrazioni del vaccino saranno possibili sul campus, la prima anche senza appuntamento. La vaccinazione verrà assicurata da Unisanté.

Anche gli studenti dell’Università di Neuchâtel sono stati informati che il certificato Covid sarà obbligatorio per l’inizio dell’anno accademico. I dettagli della saranno discussi nei prossimi giorni, ma è già sicuro che la ritrasmissione in ‘streaming’ dei corsi verrà garantita per le persone che non potranno recarsi sul posto, ha indicato il responsabile della comunicazione Nando Luginbühl. Pure in altre università romande e svizzero-tedesche, l’introduzione del certificato Covid non è esclusa. A Friburgo, ad esempio, il responsabile della comunicazione dell’università, Marius Widmer, ha indicato che una decisione verrà presa all’inizio della prossima settimana. All’Università di Berna la direzione ha già deciso di introdurre dal 1o settembre l’obbligo del certificato Covid per tutte le attività, ad eccezione dell’insegnamento a livello di bachelor e master. Ora, dopo la decisione del Consiglio federale, la direzione sta discutendo con il cantone, se e come sia possibile estendere l’obbligo agli studenti che frequentano l’ateneo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved