ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
1 ora

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
2 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
2 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
3 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
3 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
3 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
3 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
3 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
10.09.2021 - 17:51
Aggiornamento: 11.09.2021 - 09:15

La Supsi introduce l'obbligo del Certificato Covid

Dal 20 settembre per tutte le attività della Formazione di base e per l'accesso alle sedi da parte di tutti i collaboratori

la-supsi-introduce-l-obbligo-del-certificato-covid
Ti-Press
Franco Gervasoni

La Direzione della Supsi ha deciso, in accordo con le autorità cantonali e in linea con le raccomandazioni di swissuniversities, di introdurre l’obbligo di presentazione del certificato Covid (avvenuta vaccinazione, guarigione dalla malattia, risultato negativo di un test) per tutte le attività della Formazione di base e per l’accesso alle sedi delle collaboratrici e dei collaboratori, a partire dal 20 settembre 2021.

“Lo scorso 8 settembre, la Confederazione ha posto le Università di fronte alla scelta di ridurre la capienza massima degli spazi didattici, o di garantirne l’accesso senza limitazioni ma unicamente alle persone provviste di un certificato Covid – ricorda la Supsi –. Tenuto conto delle conseguenze pratiche di un’eventuale limitazione a due terzi delle aule, e dopo un’attenta analisi della situazione condotta dalla Direzione Supsi, d’intesa con le autorità cantonali e confrontandosi anche con la comunità accademica nazionale, è stato deciso l’obbligo di presentare un certificato Covid (a seguito dell’avvenuta vaccinazione, della guarigione dalla malattia o di un risultato negativo di un test) per tutte le attività della Formazione base (Bachelor, Master e Diploma SMS) a partire dal 20 settembre, data di inizio del semestre autunnale”

Secondo la Supsi, “il certificato Covid si presenta come l’unica soluzione per permettere a tutte le studentesse e a tutti gli studenti di ritornare a frequentare in sicurezza le lezioni in presenza, aspetto fondamentale per garantire la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento in un’università professionale come la Supsi, in cui l’acquisizione di competenze pratiche e professionalizzanti costituisce una componente fondamentale del curriculum formativo”.

I dettagli sull'implementazione dell’obbligo di presentazione del certificato nell’ambito della Formazione di base verranno definiti e comunicati nei prossimi giorni. Per rispettare le decisioni federali, fra il 13 e il 19 settembre, le aule verranno occupate al massimo per i due terzi della capienza.

L’obbligo di presentare il certificato COVID si applicherà inoltre, già a partire da lunedì 13 settembre, per gli eventi organizzati dalla Supsi in luoghi chiusi. Per le mense saranno valide le disposizioni emanate dai responsabili della loro gestione. Per quanto concerne la Formazione continua, la Direzione della Supsi comunica di aver deciso di non richiedere il certificato Covid per classi fino a un massimo di 30 partecipanti, a condizione che le aule vengano occupate al massimo per i due terzi della loro capienza. Ogni attività che supera il limite di 30 partecipanti, o che non è assimilabile a un corso di formazione continua, dovrà sottostare alle regole previste per gli eventi. 

L’obbligo del Certificato Covid per l’accesso alle sedi verrà introdotto anche per tutti i collaboratori e le collaboratrici della Supsi, sempre a decorrere dal 20 settembre. L'attuale Piano di protezione, che prevede l'obbligo della mascherina in tutti gli spazi interni delle sedi SUPSI, indipendentemente dall’applicazione dell’introduzione del certificato Covid, rimane valido fino al prossimo aggiornamento.

La Direzione Supsi ritiene che “la scelta operata sia la migliore per assicurare lo svolgimento continuativo in presenza di tutte le attività accademiche durante l’intero prossimo semestre autunnale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved