test-fai-da-te-grande-richiesta-ma-nessuna-massa-di-clienti
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Smood, il nuovo contratto collettivo per i fattorini è realtà

Per Syndicom, la sottoscrizione dell’accordo è ‘un segnale importante per l’intero settore delle consegne’
Svizzera
5 ore

Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux

Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
5 ore

I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa

La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
5 ore

Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs

‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
6 ore

C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero

Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
6 ore

In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva

Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
6 ore

Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico

Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
Svizzera
7 ore

Più difficile produrre esplosivi artigianali in Svizzera

Berna limita l’accesso alle sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Le nuove ordinanze entreranno in vigore dal prossimo anno
Svizzera
7 ore

I socialisti spingono verso l’adesione all’Unione europea

Il comitato di politica europea del Ps propone di lanciare dal 2027 il processo per l’entrata della Svizzera nell’Ue
07.04.2021 - 17:33

Test fai da te, grande richiesta ma nessuna massa di clienti

Nessun problema per il primo giorno di distribuzione dei test "fai da te" gratuiti nelle farmacie, secondo la società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse)

Ats, a cura de laRegione

Il primo giorno di distribuzione dei test "fai da te" gratuiti nelle farmacie si è svolto senza problemi, secondo la società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse). La domanda si è rivelata molto elevata, ma non si è assistito a una massa di clienti.

Questi test erano disponibili in tutte le farmacie di tutta la Svizzera. Ogni persona ha diritto a un massimo di cinque test gratuiti al mese. Per ottenerli bisogna presentare la tessera della cassa malattia. Questo permette di controllare se la persona interessata ha già ricevuto la sua quota e di evitare che ne riceva di più visitando diverse farmacie. Gli "autotest" sono destinati solo a persone senza sintomi e che non hanno contatti con persone di un gruppo a rischio.

Secondo il gruppo farmaceutico Roche, la fornitura di un milione di autotest al giorno è assicurata.

Nessuna folla nelle farmacie

Poiché i piani di protezione anti-Covid-19 limitano il numero di clienti all'interno di una farmacia, a volte si sono formate delle code, ha indicato in serata pharmaSuisse in un comunicato. La gente si è dimostrata molto paziente.

La distribuzione dei test è stata accompagnata da molti consigli, poiché le persone volevano sapere cosa fare se fossero risultate positive, ha detto Martine Ruggli, presidente di pharmaSuisse, citata nel comunicato. Alcune persone hanno richiesto più di cinque test, ma in generale le restrizioni sono state ben accettate.

In generale per l'insieme del paese, i farmacisti hanno distribuito molti set per le autoanalisi, ma non vi è stata folla, hanno indicato vari farmacisti a Keystone-ATS. Talora vi sono stati picchi di affluenza: a Hinterkappelen, vicino a Berna, la proprietaria della farmacia del villaggio ha ad esempio riferito che aveva già distribuito diverse centinaia di pacchetti di test alle 10.00.

Davanti a una farmacia di Davos (GR) si è formata una coda di turisti svizzeri. A Basilea, un farmacista ha riferito che la gente ha fatto proprio l'appello della presidente di pharmaSuisse, la quale aveva invitato la popolazione a non buttarsi sui test il primo giorno.

Un'istantanea

Un risultato negativo è solo "un'istantanea" e non "esclude completamente un'infezione da coronavirus", avverte l'UFSP sul suo sito web. Il risultato inoltre è valido solo per un solo giorno. I test "fai da te" quindi non sostituiscono l'obbligo di rispettare le norme igieniche e i concetti di protezione. Se l'esito è positivo, si consiglia alle persone interessate di farlo confermare da un test PCR e di rimanere a casa nel frattempo.

L'obiettivo del Consiglio federale è che il 40% della popolazione si sottoponga a un test ogni settimana. Finora erano disponibili solo i test rapidi e i test PCR e dovevano essere eseguiti da specialisti e analizzati in laboratorio. I nuovi "autotest" invece permettono di fare tutto da soli.

La confezione contiene un tampone di cotone che deve essere inserito fino a tre-quattro centimetri in ogni narice per quattro volte. Deve poi essere infilato in una provetta contenente un liquido, e una goccia di questa miscela viene analizzata su uno strumento simile a un test di gravidanza. Il risultato è disponibile in 15-20 minuti. Se appare una barra, il test è negativo. Due barre indicano un risultato positivo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
farmacie pharmasuisse test fai-da-te
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved