tre-mesi-per-vedere-effetti-del-vaccino-non-sprechiamo-tutto
Martin Ackermann della task force federale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

Berset: "Attenzione al crescente divario fra poveri e ricchi"

Il consigliere federale, intervenuto all'assemblea dei delegati del PS, ha auspicato più uguaglianza e giustizia
Svizzera
13 ore

Aarau, in centinaia manifestano contro restrizioni Covid

Quasi nessuno dei dimostranti indossa la mascherina. Sono stati predisposti blocchi e controlli alla stazione ferroviaria e sulle principali strade
Svizzera
13 ore

"Concludere accordo quadro entro l'estate"

Lo chiede una risoluzione adottata dal Movimento europeo Svizzera, riunitosi oggi in assemblea
Svizzera
15 ore

"Maggiore integrazione europea, ma l'accordo quadro non va bene"

Secondo il co-presidente del PS Cédric Wermuth, l'accordo nella sua forma attuale "mina la protezione dei salari"
Svizzera
18 ore

"No a status quo senza accordo quadro" 

L'ambasciatore dell'Ue a Berna avverte: "Non ci saranno nuovi accordi di accesso al mercato europeo e quelli in scadenza non saranno rinnovati"
Svizzera
18 ore

Zugo, in 5'000 festeggiano la vittoria del campionato

Durante la presentazione del trofeo la polizia ha chiuso diverse vie intorno alla pista. Si registrano quattro feriti
Svizzera
18 ore

Tre quarti degli svizzeri vogliono farsi vaccinare

Secondo i risultati di un sondaggio, i giovani tra i 18 e i 49 anni sono meno favorevoli a ricevere l'immunizzazione rispetto agli anziani
Svizzera
1 gior

Media esclusi dal voto sul procuratore generale, Vallese in subbuglio

Si grida allo scandalo per le modalità della rielezione del magistrato, con i giornalisti esclusi dall'aula. 'La libertà di stampa è stata calpestata'
Svizzera
1 gior

Collaborazione sospesa tra esercito e Patrouille des Glaciers

Decisione presa in seguito agli eventi degli ultimi mesi che "hanno causato un grave danno all'immagine e alla reputazione" della gara in alta montagna
Svizzera
1 gior

Donna spinta sui binari alla stazione centrale di Zurigo

La 40enne stava aspettando il treno quando è stata urtata da un 27enne, finendo sulle rotaie. Il macchinista ha azionato il freno di emergenza evitando di travolgerla
Svizzera
1 gior

Dal Consiglio federale possibili nuove caute aperture

Lo indica una nota della Cancelleria federale dopo i colloqui alla casa von Wattenwyl tra delegazione del Consiglio federale e vertici dei partiti di governo
Svizzera
07.04.2021 - 15:330

‘Tre mesi per vedere effetti del vaccino, non sprechiamo tutto’

La task-force Covid federale fa il punto della situazione. Tendenza al rialzo di infezioni e ricoveri, ma grazie al vaccino calano fra gli over 75

Anche se le cifre del lungo fine settimana pasquale vanno prese con le pinze, la tendenza circa le nuove infezioni da Covid-19 e i ricoveri sono in leggero rialzo. Una fotografia migliore della situazione l'avremo solo nei prossimi giorni. Lo ha dichiarato oggi Patrick Mathys dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel consueto incontro coi media.

Per Mathys, le cifre degli ultimi giorni vanno esaminate con prudenza, poiché il volume dei test non è stato così elevato. Tuttavia, la tendenza per quanto attiene a ricoveri e infezioni è al rialzo.

Ancora tre mesi

Dal canto suo, il presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, Martin Ackermann, ha dichiarato che ci vorranno almeno tre mesi prima di poter apprezzare i risultati del vaccino sull'infezione. Per questo bisogna mantenere il numero di nuove infezioni il più basso possibile, affinché gli sforzi compiuti finora non vengano vanificati, ha sottolineato il professore del Politecnico federale di Zurigo, riferendosi alle discussioni circa eventuali aperture e allentamenti per certe categorie di persone.

Finora, le cifre a nostra disposizione dimostrano una diminuzione dei ricoveri e dei decessi tra le persone di oltre 75 anni, quelle insomma che hanno ricevuto una o due dosi di vaccino, ciò che testimonia la bontà dei preparati somministrati finora, ha affermato Ackermann. Si registra invece un incremento nelle categorie meno anziane, ha spiegato lo specialista.

Non sprechiamo tutto

Mantenere entro limiti accettabili le nuove infezioni, secondo Ackermann, significa proteggere meglio la popolazione rintracciando e spezzando le catene di trasmissione, nonché proteggere il sistema sanitario e mantenere le scuole aperte, evitando così ulteriori inasprimenti delle misure di contenimento. Prima raggiungiamo il nostro obiettivo, meglio è per tutti, anche per l'economia. Insomma, l'obiettivo è vicino: non roviniamo tutto.

Vaccini, attese milioni di dosi

Per quanto attiene ancora alla situazione epidemiologica, Mathys ha sottolineato come ormai la variante inglese del virus abbia preso il sopravvento (oltre il 95% delle infezioni). La situazione in Svizzera non è molto diversa da ciò che accade nei paesi confinanti, ha aggiunto il funzionario dell'UFSP, dove si parla ormai di terza ondata incipiente oppure in pieno svolgimento.

In merito ai vaccini, nei prossimi mesi sono attese forniture nell'ordine di milioni di dosi - 3 milioni in maggio e 3 milioni in giugno. Per quanto attiene al vaccino di AstraZeneca, in fase di omologazione anche in Svizzera, Mathys ha detto di non sapere quando Swissmedic darà il via libera. Tuttavia, ha aggiunto di sperare che il benestare arrivi al più presto, perché quanti più vaccini vengono autorizzati meglio è.

Passaporto vaccinale

Circa il passaporto vaccinale, quest'ultimo dovrebbe essere disponibile entro l'estate. Nel frattempo abbiamo preso contatto con vari offerenti e fra due settimane dovrebbe essere nota la soluzione tecnica prescelta, ha dichiarato Mathys.

Il documento dovrà avere alcune caratteristiche; non essere falsificabile, compatibile a livello internazionale e sicuro per quanto riguarda la protezione dei dati. Fino a quel momento, ha puntualizzato Mathys, il documento di conferma del vaccino distribuito adesso mantiene tutta la sua validità.

Autotest ok, ma non è un lasciapassare

Circa i test "fai da te", da oggi disponibili in farmacia, Mathys ha ribadito che tale soluzione va bene solo per le persone che non hanno sintomi. Un simile test può essere eseguito se qualcuno è invitato a un pranzo di compleanno o se deve incontrare delle persone sul lavoro.

Ciò non toglie che anche in caso di test negativo, si debbano rispettare le misure igieniche. Anche se il test dà risultato negativo, ciò non significa che il virus non possa essere presente. Ad ogni modo, in caso di risultato positivo bisogna isolarsi e sottoporsi a un test PCR di conferma. Se dovete per forza vedere delle persone a rischio, meglio un test antigenico rapido, più affidabile, ha sottolineato.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved