test-fai-da-te-nessuna-ressa-nelle-farmacie
ULTIME NOTIZIE Cantone
ELEZIONI COMUNALI
59 min

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
3 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
5 ore

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
5 ore

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
10 ore

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
18 ore

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
19 ore

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Ticino
20 ore

In piazza contro la violenza sessuale

Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ invita a manifestare lunedì prossimo. Sotto accusa la riforma blanda dei reati di natura sessuale
Luganese
21 ore

Poligono di tiro a Monteceneri, vince 'Fuoco e centro'

Fra i 23 partecipanti al concorso, la spunta il Consorzio Mons Ceneris. L'investimento totale è stimato in 60 milioni di franchi
Luganese
21 ore

Paradiso chiude i conti 2020 in attivo di 1,3 milioni

Il Consiglio comunale deciderà anche su nuovi investimenti per l'autosilo in zona riva lago, acqua potabile, scuola infanzia, zone verdi
Locarnese
22 ore

Plr Locarno, incontri con i candidati

Con le misure anti-Covid, per incontrare e discutere con gli elettori in vista del voto del 18 aprile
Locarnese
22 ore

In pensione il capo-giardiniere di Muralto

Impiegato del Comune per 44 anni, è stato uno degli artefici del lungolago
Luganese
22 ore

Lugano, scagionato l'agente denunciato da Wicht

Confermato il decreto d'abbandono della Procura: senza fondamento le accuse di favoreggiamento, abuso di autorità e violazione del segreto d'ufficio
Ticino
22 ore

Ecco le località munite di radar la prossima settimana

La lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli della velocità  dal 12.04.2021 al 18.04.2021
Luganese
23 ore

Lugano, 'il Civico non sarà di prossimità'

Il Municipio rassicura e smentisce le informazioni dell'interrogazione Plr: 'Il presidio sanitario luganese rimane centrale in Ticino'
Gallery
Luganese
23 ore

A Lugano fioriscono i tulipani per la vita

La città aderisce per la seconda volta alla campagna nazionale quale vicinanza e solidarietà alle donne vittime di tumore al seno e ai loro cari
Mendrisiotto
23 ore

Mendrisio, piazza del Ponte diventa un giardino in città

Dal 23 aprile al mese di agosto lo spazio sarà occupato da cassette coltivate con fiori, ortaggi o erbe
Bellinzonese
23 ore

Accanto allo Skate Plaza ‘una zona di svago attrezzata’

Bellinzona: mozione di Alberto Casari (Unità di sinistra) chiede di completare l'area con infrastrutture gratuite dedicate alla popolazione
Mendrisiotto
1 gior

Castel San Pietro, pranzo a domicilio per i beneficiari Avs

L'iniziativa è promossa da tre enti del Comune, che si occuperanno di consegnare il pasto offerto a chi si annuncerà
Locarnese
1 gior

Losone avrà il nuovo centro civico

Approvato il credito di 13,2 milioni di franchi per casa comunale, piazza e autosilo
Luganese
1 gior

Campione, il futuro del casinò in mano agli ex dipendenti

La società di gestione spera di essere ammessa al concordato, mentre i licenziati decideranno se rinunciare all'immediato incasso delle spettanze
Luganese
1 gior

Lugano, condannato ladro d'auto rumeno

Un anno e quattro mesi di prigione da espiare inflitti a un 29enne senza fissa dimora e con numerosi precedenti specifici in vari Paesi europei
Ticino
07.04.2021 - 20:370
Aggiornamento : 21:23

Test fai da te, nessuna ressa nelle farmacie

Prima giornata di distribuzione dei kit finanziati dalla Confederazione. C’è però chi esprime dubbi sull’uso in autonomia di questi dispositivi

Sono le 10.30 e da una farmacia del Bellinzonese esce una mamma con bambino in braccio e un sacchettino fra le mani. In quel sacchetto ci sono i test fai da te per il Covid–19. Per quale motivo ha deciso di ritirare i kit? «Sono spesso a contatto con persone a rischio, quindi meglio un test in più che uno in meno. Li userò quando avrò dei sintomi o quando dovrò andare a trovare qualcuno», ci racconta. Proseguiamo verso la farmacia Nazionale di Bellinzona. «Devo dire che questo primo giorno sta andando molto bene», afferma la titolare. «C’è parecchia gente che richiede il kit, ma non si sono verificate le code annunciate». È stato necessario un impiego maggiore di personale? «No, siamo una farmacia a conduzione familiare e siamo riusciti a gestire il tutto con le nostre forze».

Anche alla farmacia San Rocco di Bellinzona si lavora a pieno regime e il farmacista responsabile è preoccupato per le telefonate e le visite, nei prossimi giorni, di chi avrà bisogno d’informazioni sull’uso dei kit: «Pochi chiedono come funzionano. È vero che sono presenti le istruzioni, ma ho la sensazione che molti li ritirino oggi dato che sono gratuiti e si preoccuperanno in seguito d’informarsi sul come usarli». Non manca la volontà d’istruire le persone ma «un conto è spiegare alcune volte qualcosa che arriva a molti, un altro è ripeterlo a centinaia di clienti. Per questo auspico un aiuto da parte dei media». Per illustrare il funzionamento a coloro che lo desiderano, la farmacia Contrada dei Patrizi di Pregassona ha diffuso un tutorial sui social, un aiuto per coloro che si sono recati a ritirare i test: «Le persone stanno rispondendo bene. Ci sono momenti con un po’ più di pressione però nel complesso funziona», dice la proprietaria. «Abbiamo preparato tutti i kit la settimana scorsa, ora non ci resta che registrare i clienti e distribuirli. Oggi ne abbiamo consegnati già diverse centinaia».

Pure alla farmacia Maggiorini di Locarno il ritmo è incalzante: «Sta andando come ci aspettavamo. Siamo abbastanza presi, ma ci siamo organizzati con maggiore personale», spiega il farmacista titolare. «Ci troviamo in una zona di passaggio e anche molti clienti svizzero–tedeschi hanno ritirato i test da fare a casa. L’afflusso è sostenibile, ma si sa: quando c’è qualcosa di gratuito la gente corre». Infatti, lo ricordiamo, il costo dei test è sostenuto dalla Confederazione, fino a un massimo di cinque kit al mese per persona. Ma le farmacie possono verificare se un cliente ha già ricevuto dei test in un altro dispensario? «A quanto pare è in corso di sviluppo un modo per permetterci di avere questa informazione, ma attualmente no», ci spiega Federico Tamò, portavoce dell’Ordine dei farmacisti del cantone Ticino (Ofct) e farmacista titolare della farmacia Malè. «Sicuramente la cassa malati che si occuperà della fatturazione lo vede e si occuperà di fatturare i test supplementari direttamente al paziente. L’obbiettivo è di cercare, nel limite del possibile, di non superare la cifra di cinque, proprio per permettere a ognuno di avere accesso a questi test. Ricordiamo comunque che oltre a essi abbiamo a disposizione un test rapido a settimana in farmacia o dal medico, preso a carico anche senza sintomi. Per non contare tutta la possibilità di depistaggio in caso di sintomi, anch’essa senza costi per il paziente. Insomma, non è necessario fare la scorta».

‘L'autotest non sostituisce gli altri dispositivi’

Il primo giorno di distribuzione dei test fa da te gratuiti si è svolto senza problemi anche nel resto della Svizzera, ha riferito la società svizzera dei farmacisti (pharmaSuisse). La domanda si è rivelata molto elevata, ma non si è assistito a una massa di clienti. Per quale motivo le farmacie non sono state prese d’assalto come successo precedentemente coi test rapidi e le mascherine? «Questa volta si sa che non c’è una carenza prevista e tangibile, che le quantità messe a disposizione sono molto alte e c’è posto per tutti», afferma Federico Tamò. «Anche il fatto che i kit fossero disponibili nella totalità delle farmacie riduce il carico di pressione. Nel caso dei test rapidi erano inizialmente meno di una decina a essere organizzate per il servizio». I test, come visto, sono arrivati negli scorsi giorni nelle farmacie in pacchi da 25. Non sempre sono bastati i dipendenti per far fronte alla mole di lavoro: «Sono state impiegate le risorse interne fin dove possibile. In alcuni casi è stato necessario fare appello ad amici, familiari o conoscenti che hanno dato una mano nel confezionamento».

Il settore è messo sotto pressione da più di un anno: «Sicuramente la stanchezza c’è e le ore non le contiamo più – prosegue Tamò –, però tutto quello che stiamo facendo è qualcosa al servizio della popolazione. Svolgiamo il nostro lavoro con molto orgoglio ed è appagante poter essere di sostegno. Nei momenti in cui c’è bisogno si vede quanto la rete capillare di farmacie che abbiamo in Ticino sia importante». È stato più volte spiegato dalle autorità sanitarie che il test fai da te sono destinati esclusivamente per gli asintomatici. Le persone hanno recepito il messaggio? «Credo di sì. L’importante è capire che questo strumento è qualcosa in più che non va a sostituire altri tipi di test, e nemmeno le misure di distanziamento, d’igiene delle mani e mascherina quando ci sono contatti ravvicinati. Sicuramente vanno utilizzati su persone asintomatiche e per dei contatti futuri con persone che non fanno parte dei gruppi a rischio. Per andare, per esempio a trovare la nonna in casa per anziani è meglio comunque tornare ad affidarsi su dei tamponi naso-faringei in farmacia», ha ricordato il farmacista. 

Qualche titubanza riguardo al fai da te

Al banco della farmacia Internazionale di Chiasso un cartello annuncia la novità: dietro al pannello in plexiglas, ecco spuntare i nuovi test fai da te, appena imbustati. Da subito, sin dalla mattina, infatti, si è notato il viavai di residenti, frontalieri e persino turisti interessati a mettersi alla prova, con sé stessi e con il Covid. Curiosi ma anche un po’ timorosi. La dottoressa Chiara Merloni ci mostra il ‘bugiardino’ che accompagna la confezione al cui interno si trova tutto l’occorrente per auto testarsi. Le istruzioni per l’uso che guidano nella procedura a prima vista non sono proprio incoraggianti. «In effetti – racconta a ‘laRegione’’ la farmacista – tra coloro che si sono presentati per ritirare la quota di cinque test pagati dalla Confederazione, vi è chi ha già sollevato delle perplessità sulla modalità. Qualcuno immaginava fosse un test salivare. Altri si preoccupavano all’idea di doversi infilare nel naso e così profondamente il bastoncino. Si sono percepite un po’ di riserve da parte della popolazione. Al contrario, altre persone ancora si sono premunite per tutta la famiglia, ansiose di poterne usufruire».

Anche la dottoressa Merloni, però, ha qualche titubanza. «Abbiamo dei dubbi – ci conferma – che si possa fare da sé con un test che va toccare una parte così delicata del corpo». I professionisti, in realtà, hanno dovuto mostrare le credenziali e seguire una formazione ad hoc per procedere, oggi, ai test rapidi e nel futuro prossimo alla somministrazione del vaccino contro il Covid-19. ”Nel momento in cui ci siamo interessati per ottenere le necessarie autorizzazioni (di cui siamo in attesa) – spiega la dottoressa Merloni –, abbiamo dovuto seguire tutto l’iter di preparazione, ben più approfondito di ciò che è il semplice gesto di dare in mano a un paziente un foglietto illustrativo. Non tutti conoscono a fondo l’anatomia umana. Sia chiaro, noi siamo qui a offrire un servizio e una consulenza. Ci lascia, però perplessi, lo ribadisco, che la persona comune possa riuscire con cognizione di causa in un test che, peraltro, ha le sue limitazioni nel certificare il risultato». Come dire che, chi non se la sente, opterà ancora per i test rapidi o molecolari. «Vedremo quale sarà l’impatto sulla popolazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved