in-svizzera-situazione-stabile-ma-la-variante-inglese-e-al-60
Virginie Masserey, responsabile della Sezione malattie infettive dell'UFSP (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

La pandemia aggrava la situazione economica dei media

Cresce l’importanza del giornalismo di qualità, a fronte del dilagare della disinformazione. In calo per la prima volta dal 2014 gli introiti pubblicitari
Svizzera
1 ora

Ricatto a Berset, la Gestione vuole chiarire ancora alcuni punti

Attenzione soprattutto sull’intervento dell’unità speciale Tigris e sull’uso a scopi privati di mezzi e personale federale e di una carta di credito
Svizzera
2 ore

Esercito alla ricerca di giovani talenti cyber

Una ventina di giovani tra i 16 e i 20 anni, di tutte le regioni linguistiche, a fine novembre si confronteranno con lo scenario di un attacco informatico
Svizzera
2 ore

4 aziende su 5 alle prese con problemi di forniture

Le difficoltà nella catena di approvvigionamento concernono praticamente tutto il settore industriale, Il dato è peggiore di quello del 2020
Svizzera
2 ore

La meteo rende amara la produzione di miele di quest’anno

Lo segnala l’associazione federativa Apisuisse. Raccolto quasi 1/4 del miele rispetto al 2020. Il Ticino parzialmente risparmiato
Svizzera
3 ore

Il coronavirus ha tolto più di due anni di vita ai ticinesi

Lo comunica il rapporto dell’Ufficio federale di statistica (Ust) sulla speranza di vita alla nascita nel 2020. Record di decessi nell’anno passato
Svizzera
4 ore

Alto tasso di vaccinati e offensiva vaccinale uniche alternative

Lo ha dichiarato il consigliere federale Berset ai media d’oltralpe aggiungendo che è ancora ‘troppo presto’ per allentare le misure anti Covid
Svizzera
15 ore

Canton Svitto, 43enne perde la vita in montagna

Il cadavere dell’uomo, deceduto dopo essere precipitato per 70 metri, è stato trovato oggi da due escursionisti
Svizzera
26.02.2021 - 15:280

In Svizzera situazione stabile, ma la variante inglese è al 60%

La situazione è complessivamente buona ma fragile. Vaccinate con due dosi finora 221'000 persone, il 2,5% della popolazione.

La situazione epidemiologica in Svizzera è complessivamente buona ma resta fragile. È quanto ha affermato oggi Virginie Masserey dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel consueto incontro con i media, sottolineando una tendenza alla stabilità, ma parallelamente la continua progressione delle nuovi varianti di Covid-19.

La stagnazione dell'incidenza viene riscontrata in tutte le regioni del Paese, ha rilevato Masserey, aggiungendo che il tasso di riproduzione del virus fluttua attorno allo 0,9 e solo in 8 cantoni è superiore a 1. "Presto, il 60% dei nuovi casi sarà affetto da una variante mutata e più contagiosa", ha poi aggiunto, dicendosi comunque fiduciosa che la vaccinazione possa progredire in modo spedito. Attualmente 221'000 persone - il 2,5% della popolazione - hanno ricevuto le due dosi di vaccino.

"La crisi dura e mette alla prova a livello psicologico in particolare i giovani", che si trovano in un'età in cui sono fondamentali gli incontri e le relazioni, ha proseguito Masserey. Per questo motivo, ha aggiunto, sono stati previsti degli alleggerimenti proprio per loro a partire da lunedì: chi è nato dopo il 2001 potrà in particolare riprendere le attività sportive e culturali.

"Ancora un po' di pazienza"

Le misure introdotte il 18 gennaio dal Governo hanno permesso di arginare un'esplosione del numero di casi, contrariamente a ciò che è successo per esempio nel Regno Unito, ha da parte sua rilevato il presidente della task force scientifica del Consiglio federale, Martin Ackermann.

Dall'inizio di febbraio, la variante britannica si è diffusa un po' meno rapidamente del previsto, ha aggiunto, sottolineando che il numero di persone completamente vaccinate in Svizzera è ancora troppo basso per avere un impatto significativo sull'epidemia. A suo avviso, non bisogna quindi esagerare con gli allentamenti per non ritrovarsi con un brusco aumento del numero di casi. A tal proposito ha sottolineato l'importanza di introdurne ogni quattro settimane, per meglio seguire i loro effetti.

Con l'aumento dei vaccinati, il comportamento di ciascuno diventerà ancora più importante. Ecco perché è difficile prevedere come si svilupperà la pandemia, ha proseguito Ackermann. "Tutto è nelle nostre mani, ma ci vuole ancora un po' di pazienza e presto potremo di nuovo godere delle libertà".

Interpellata sull'apertura in alcuni cantoni delle terrazze dei ristoranti sulle piste sciistiche, Masserey ha insistito sulla pericolosità di questa pratica. "È meglio che le persone si sparpaglino un po' e si tengano a distanza, invece di riunirsi su una terrazza". In merito all'impiego di test sierologici fai da te, ha precisato l'interesse dell'UFSP per tutte le esperienze realizzate all'estero.

Sul fronte economico, Eric Scheidegger, vicedirettore e capo della Direzione politica economica della Segreteria di Stato dell'economia (Seco), si è detto sorpreso di come l'economia svizzera abbia retto bene rispetto alla maggior parte dei Paesi dell'UE.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved