primo-caso-di-variante-brasiliana-in-svizzera
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
22 min

I Presidenti del Parlamento condannano l’attentato ad Amess

In un tweet i due parlamentari svizzeri hanno espresso le loro “sentite condoglianze” alla famiglia, agli amici e ai colleghi del deputato Tory
Svizzera
43 min

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Coira

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. Il centauro 62enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale
Svizzera
1 ora

Vaud: 16enne morto in un incidente in moto a Bullet

Il ragazzo è deceduto sul posto, malgrado l’intervento dei soccorsi. È stata aperta un’inchiesta per determinare le circostanze del fatto
Svizzera
16 ore

Berna, sul lago di Bienne un motoscafo prende fuoco

I due occupanti - illesi - sono stati soccorsi da un equipaggio di un’altra imbarcazione
Svizzera
18 ore

Covid: la panne ha messo ‘k.o.’ soprattutto i pass esteri

La validità dei certificati svizzeri non è stata riconosciuta ieri sera fra le 19.30 e le 20.30, per i lasciapassare esteri invece fino alle 22.30
Svizzera
19 ore

Misure anti Covid, manifestazioni in varie città svizzere

Sabato di proteste a Baden, Rapperswil, Losanna, Berna. A Lugano il raduno ‘filosofia in piazza’ indetto dall’Associazione Amici della Costituzione
Svizzera
21 ore

I Verdi Liberali: ‘puntiamo a un seggio in Consiglio federale’

È questo l’obiettivo per il prossimo futuro annunciato da Jürg Grossen, presidente del partito, nel corso dell’assemblea di delegati
Svizzera
21 ore

FFS: in arrivo 35 carrozze per trasportare i tifosi

I vagoni, da 80 posti, disporranno di servizi igienici speciali, aria condizionata e un pavimento in linoleum facile da pulire
Svizzera
22 ore

Vuole bruciare le erbacce, ma in fiamme gli va la casa

Durante i lavori di giardinaggio un uomo ha accidentalmente dato fuoco a una pianta di tuia col bruciatore a gas. È successo a Schöftland (Canton Argovia)
Svizzera
1 gior

Omicidio a Glarona, arrestato il presunto autore

La vittima, una 30enne, è stata uccisa ieri sera a colpi di arma da fuoco mentre si trovava in un’auto a Netstal. L’uomo si è consegnato alla polizia
Svizzera
1 gior

‘Chi ha partecipato alle proteste anti Covid paghi i costi’

È quanto chiesto da Berna in quanto ‘tutte le manifestazioni non autorizzate nella capitale generano costi di polizia fra i 100 e i 200 mila franchi’
Svizzera
1 gior

Svizzera, Certificato Covid elettronico di nuovo attivo

L’app è stata ripristinata dopo una trentina di minuti di disservizio. La helpline nazionale intasata dalle richieste di spiegazioni
Svizzera
09.02.2021 - 15:000
Aggiornamento : 16:16

Primo caso di variante brasiliana in Svizzera

Lo hanno dichiarato gli esperti della task-force federale. 'Situazione in miglioramento ma non bisogna rilassarsi, serve anzi rafforzare le misure'

In Svizzera è stato riscontrato ieri un primo caso di variante brasiliana del coronavirus. Lo ha dichiarato oggi davanti ai media Virginie Massery dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) durante il consueto incontro settimanale con i media.

Per quanto attiene ai numeri, le misure di protezione si stanno dimostrando efficaci secondo Masserey, che ha parlato di situazione "incoraggiante": il numero di nuove infezioni, di ricoveri e di decessi è in costante diminuzione. Il tasso di positività si aggira attorno al 6% (da 8% della settimana scorsa), e il tasso di riproduzione si aggira attorno a 1.

La situazione in quattro Cantoni romandi è leggermente peggiore con un tasso di riproduzione di poco superiore a 1, ha sottolineato Masserey. Il numero di positivi su 100 mila abitanti è di 232, con importanti differenze tra Cantoni (da 120 a 380). I Cantoni dell'arco lemanico, come accennato, registrano una stagnazione dei casi.

Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, al momento si contano 250 persone ricoverate in cure intense, pari al 36% dei letti occupati. Finora sono stati registrati 4411 casi di varianti in Svizzera, nella maggior parte dei casi si tratta della variante "inglese" e "solo" 69 di quella sudafricana. Per la prima volta, ha spiegato Masserey, è stato rintracciato un caso di variante brasiliana del virus, ma è troppo presto per dire come e quando questa mutazione è giunta in Svizzera.

Evitare un altro Portogallo

Christian Ackermann, presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, ha messo ancora in guardia dalle mutazioni del Covid-19. In particolare, quella "britannica" è responsabile di un sempre maggior numero di infezioni. Stando a un modello matematico, tale variante è del 50% più infettiva di quella normale, ossia si trasmette molto più facilmente tra persona a persona.

Le infezioni con le varianti meno contagiose si dimezzano ogni 4 settimana, ciò che dimostra l'efficacia delle misure di protezione adottate finora. Circa la mutazione "inglese" del coronavirus, ogni dieci giorni raddoppiano invece i casi di infezione.

Secondo nostre stime, ha precisato Ackermann, un quinto di tutti i casi confermati sono da attribuire alla mutazione britannica del virus. Vista la situazione e la difficoltà di arginare questa mutazione, dovremmo mantenere, se non rafforzare, le misure protettive in vigore attualmente. Stando a Ackermann, dipende da noi se vogliamo evitare un nuovo incremento dei casi di coronavirus, facendo in modo che no si ripeta quanto sta accadendo in Portogallo.

Per Ackermann, i dati sulla mobilità dimostrano che c'è ancora del potenziale di riduzione: i dati di febbraio (30km al giorno circa per persona) sono superiori a quelli di marzo-aprile del primo lockdown. La situazione è difficile, ma senza una riduzione della mobilità le cifre non miglioreranno come da tutti auspicato.

Frontiere, personale sufficiente

Tenuto conto delle nuove regole per l'entrata in Svizzera, il direttore dell'Amministrazione federale delle dogane, Christian Bock, ha sostenuto che al momento non sono stati registrati problemi particolari, a parte viaggiatori poco o punto informati delle nuove prescrizioni, come capitato all'aeroporto di Ginevra. Qui alcune compagnie aeree non hanno dimenticato di farlo.

Bock ha ricordato che i valici rimangono aperti, anche quelli piccoli: i controlli, compresi quelli sui treni, vengono eseguiti a campione. I conducenti dei camion sono praticamente esenti, come anche i frontalieri: in questo caso ci si assicura che la persona interessata sia veramente un frontaliere.

I viaggiatori provenienti da determinati paesi o regioni devono presentare un test negativo e fornire i dati di contatto. Finora, ha aggiunto Bock, non sono state inflitte multe: alle frontiere diamo ai viaggiatori la possibilità di fornire i loro dati di contatto e li annunciamo alle autorità sanitarie. In caso di controlli mobili nella zona di frontiera, l'ammenda è di 100 franchi per chi non ha fornito dati di contatto e 200 per chi non può esibire un test negativo. Al momento, secondo Bock, il personale per eseguire questo tipo di lavoro è sufficiente - 5 mila i collaboratori al servizio dei valichi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved