l-usam-spinge-per-una-riapertura-dell-economia-dal-1-marzo
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
1 ora

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
2 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente.
Svizzera
6 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
20 ore

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
20 ore

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
23 ore

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
1 gior

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
09.02.2021 - 12:540
Aggiornamento : 20:34

L'Usam spinge per una riapertura dell'economia dal 1° marzo

Secondo l'associazione delle imprese svizzere, la strategia di semiconfinamento del Consiglio federale è allarmistica e basata non su fatti ma su scenari

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) chiede una riapertura dell'economia e della società dal primo marzo. Secondo l'organizzazione delle piccole e medie imprese (PMI), la strategia volta a introdurre misure di semi-confinamento fino alla fine della pandemia è fallita.

Ogni giorno di chiusura supplementare provoca costi e sofferenze immense. "La strategia del lockdown ha fallito. Per questo motivo le PMI e l'USAM chiedono che vi sia posto un termine il primo marzo", ha spiegato il suo presidente Fabio Regazzi oggi in una conferenza stampa online.

Grazie a una protezione mirata e a misure quali la vaccinazione, i test e il "contact tracing", la libertà economica potrebbe essere nuovamente garantita, ha aggiunto il consigliere nazionale ticinese. Anche per quanto riguarda gli scambi sociali si potrebbe inoltre ritornare gradualmente alla normalità. Stando a Regazzi, l'USAM si aspetta che il programma di vaccinazione venga ultimato entro la fine di giugno.

Strategia di uscita dalla crisi

Il Consiglio federale deve proporre una strategia di uscita dalla crisi. Le PMI hanno bisogno di prospettive, ha proseguito il parlamentare popolare-democratico. I membri dell'USAM parlano di catastrofe senza precedenti, di crisi di panico e dell'impossibilità di pianificare attività commerciali. La mancanza di comprensione nei confronti delle misure prese finora è aumentata.

Per il direttore dell'USAM Hans-Ulrich Bigler, le decisioni del Governo non si basano sui fatti, bensì su scenari futuri e privilegiano quelli peggiori possibili. A suo avviso, inoltre i provvedimenti presi si contraddicono. In dicembre il tasso di riproduzione del virus era fortemente relativizzato, mentre il semi-confinamento attuale si basa esclusivamente su questo valore.

Nonostante i dati siano stabili o addirittura in leggera diminuzione, vengono introdotte misure "sproporzionate" che ricalcano modelli adottati all'estero.

"Allarmismo"

Secondo Bigler, la politica di comunicazione della Confederazione è ampiamente caratterizzata dall'"allarmismo". La task force scientifica non consiglia il Consiglio federale, ma lo critica nei media, ha deplorato.

L'USAM chiede pertanto misure di accompagnamento immediate affinché le PMI possano riaprire in maniera ordinata, minimizzando i rischi di contagio.

"Flessibilizzazione completa"

Secondo il presidente della Federazione zurighese dell'USAM Werner Scherrer, "una flessibilizzazione completa è necessaria affinché ciascuna impresa possa seguire la propria strada". A suo avviso, l'obbligo del telelavoro dovrebbe essere abolito immediatamente, visto che non ha portato nulla di positivo, a parte controlli costosi e cavillosi.

L'USAM rappresenta la principale organizzazione dell'economia svizzera e raggruppa oltre 230 associazioni professionali e 500'000 PMI. A suo dire, si tratta del 99,8% delle imprese presenti nella Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved