ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
17 min

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
2 ore

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in Governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
11 ore

È corsa ai gadget per il risparmio energetico

In Svizzera è boom di vendite per misuratori di energia, timer, ciabatte con interruttori, soffioni doccia a risparmio idrico e candele
Svizzera
17 ore

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
18 ore

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
18 ore

‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’

Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
18 ore

Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia

L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
20 ore

Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta

Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
09.02.2021 - 12:54
Aggiornamento: 20:34

L'Usam spinge per una riapertura dell'economia dal 1° marzo

Secondo l'associazione delle imprese svizzere, la strategia di semiconfinamento del Consiglio federale è allarmistica e basata non su fatti ma su scenari

Ats, a cura de laRegione
l-usam-spinge-per-una-riapertura-dell-economia-dal-1-marzo
(Ti-Press)

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) chiede una riapertura dell'economia e della società dal primo marzo. Secondo l'organizzazione delle piccole e medie imprese (PMI), la strategia volta a introdurre misure di semi-confinamento fino alla fine della pandemia è fallita.

Ogni giorno di chiusura supplementare provoca costi e sofferenze immense. "La strategia del lockdown ha fallito. Per questo motivo le PMI e l'USAM chiedono che vi sia posto un termine il primo marzo", ha spiegato il suo presidente Fabio Regazzi oggi in una conferenza stampa online.

Grazie a una protezione mirata e a misure quali la vaccinazione, i test e il "contact tracing", la libertà economica potrebbe essere nuovamente garantita, ha aggiunto il consigliere nazionale ticinese. Anche per quanto riguarda gli scambi sociali si potrebbe inoltre ritornare gradualmente alla normalità. Stando a Regazzi, l'USAM si aspetta che il programma di vaccinazione venga ultimato entro la fine di giugno.

Strategia di uscita dalla crisi

Il Consiglio federale deve proporre una strategia di uscita dalla crisi. Le PMI hanno bisogno di prospettive, ha proseguito il parlamentare popolare-democratico. I membri dell'USAM parlano di catastrofe senza precedenti, di crisi di panico e dell'impossibilità di pianificare attività commerciali. La mancanza di comprensione nei confronti delle misure prese finora è aumentata.

Per il direttore dell'USAM Hans-Ulrich Bigler, le decisioni del Governo non si basano sui fatti, bensì su scenari futuri e privilegiano quelli peggiori possibili. A suo avviso, inoltre i provvedimenti presi si contraddicono. In dicembre il tasso di riproduzione del virus era fortemente relativizzato, mentre il semi-confinamento attuale si basa esclusivamente su questo valore.

Nonostante i dati siano stabili o addirittura in leggera diminuzione, vengono introdotte misure "sproporzionate" che ricalcano modelli adottati all'estero.

"Allarmismo"

Secondo Bigler, la politica di comunicazione della Confederazione è ampiamente caratterizzata dall'"allarmismo". La task force scientifica non consiglia il Consiglio federale, ma lo critica nei media, ha deplorato.

L'USAM chiede pertanto misure di accompagnamento immediate affinché le PMI possano riaprire in maniera ordinata, minimizzando i rischi di contagio.

"Flessibilizzazione completa"

Secondo il presidente della Federazione zurighese dell'USAM Werner Scherrer, "una flessibilizzazione completa è necessaria affinché ciascuna impresa possa seguire la propria strada". A suo avviso, l'obbligo del telelavoro dovrebbe essere abolito immediatamente, visto che non ha portato nulla di positivo, a parte controlli costosi e cavillosi.

L'USAM rappresenta la principale organizzazione dell'economia svizzera e raggruppa oltre 230 associazioni professionali e 500'000 PMI. A suo dire, si tratta del 99,8% delle imprese presenti nella Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved