usam-atteggiamento-esitante-travail-suisse-via-giusta
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 min

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
9 min

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il Governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 ora

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
2 ore

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
3 ore

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
4 ore

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
4 ore

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
5 ore

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
10 ore

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
17.02.2021 - 18:00
Aggiornamento : 19:05

Usam: 'Atteggiamento esitante', Travail.Suisse, 'via giusta'

L'Unione svizzera arti e mestieri spinge per un allentamento immediato. L'organizzazione sindacale appoggia le misure ma chiede sostegno per i lavoratori

Ats, a cura de laRegione

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) critica la politica e l'atteggiamento "esitante" del Consiglio federale. In una dura presa di posizione, l'organizzazione ribadisce la sua richiesta di un allentamento immediato delle severe misure in vigore e la fine della "fallimentare strategia del lockdown". La confederazione sindacale Travail.Suisse, invece, accoglie con favore la via presentata oggi dal Consiglio federale per uscire dalla crisi. 

'Misure sproporzionate, allentamento immediato possibile'

Nonostante i numeri in calo e rischi di contagio non dimostrati, vengono mantenute misure sproporzionate, critica l'USAM in una nota inviata al termine della conferenza stampa del governo. I fatti e le cifre mostrano che un allentamento è possibile con effetto immediato.

Secondo l'organizzazione, a partire dal primo di marzo ci deve essere un'apertura completa accompagnata da misure di protezione mirate. Ad esempio, spiega l'USAM, più test, un'intensificazione della campagna di vaccinazione e del tracciamento dei contatti, così come un'applicazione coerente dei piani di protezione e una maggiore protezione delle persone particolarmente a rischio.

Per quanto riguarda i casi di rigore, l'associazione di categoria accoglie favorevolmente l'aumento da 2,5 a 10 miliardi di franchi, ma è dell'idea che bisogna fare il più in fretta possibile, correggendo lacune ed errori "per non peggiorare ulteriormente un danno già immenso". Secondo l'USAM, il regime dei casi di rigore è e rimane un grande cantiere con tempi troppo lunghi.

Per le aziende che hanno dovuto chiudere a causa delle restrizioni imposte dalle autorità, l'USAM esige l'applicazione del concetto "parzialmente chiuso = chiuso = indennizzo del fatturato", poiché esse sono private della libertà economica e devono dunque essere risarcite.

Suscita invece maggiore sollievo la prevista riapertura dei negozi, soprattutto alla luce dei dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), secondo il quale non si corre praticamente alcun rischio di infezione. Secondo l'USAM, ciò dovrebbe anche valere per i ristoranti e chiede pertanto al Consiglio federale di permettere anche al settore della ristorazione di riprendere le sue attività al più presto.

'Direzione giusta, ma necessario sostenere aziende e lavoratori'

Le proposte vanno "nella giusta direzione" - scrive l'associazione indipendente di lavoratori Travail.Suisse in una nota - poiché permettono riaperture dove il rischio di infezione è basso.

L'organizzazione sottolinea tuttavia l'importanza di sostenere i lavoratori e l'economia colpiti dalle chiusure per preservare i posti di lavoro. Il numero di casi non è ancora abbastanza basso per evitare che una riapertura più ampia porti a un aumento massiccio di nuove infezioni, rileva Travail.Suisse.

Per quest'ultima era però importante per la popolazione e l'economia che il Consiglio federale spiegasse chiaramente la sua strategia di uscita dalla crisi. Concetti di protezione, test e vaccini rimangono centrali nella lotta contro il coronavirus, afferma Travail.Suisse.

Positivo anche il riscontro per le nuove misure di aiuto economico annunciate, in particolare gli adeguamenti nel campo delle indennità per lavoro ridotto e l'innalzamento a 10 miliardi di franchi dei fondi per le imprese in gravi difficoltà.

Il Consiglio federale ha dato oggi una prospettiva che, insieme alle indennità per lavoro ridotto, dovrebbe permettere alle aziende di resistere e di non licenziare, afferma il presidente di Travail.Suisse Adrian Wüthrich, citato nella nota.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale travail.suisse usam
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved