usam-atteggiamento-esitante-travail-suisse-via-giusta
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

I No-Ue verso un ‘potente movimento unico’ in Svizzera

Tre organizzazioni intendono unire le forze per preparare la prossima battaglia politica contro l’adesione all’Unione europea
Svizzera
4 ore

Covid e provvedimenti: ristoratori soddisfatti, cultura delusa

Il mondo professionale felice per la non introduzione dell’obbligo di telelavoro. Dalla politica: Plr, Pvl e Centro soddisfatti, Verdi scontenti
Svizzera
5 ore

Ginevra: sparò e uccise un amico, 16 anni di carcere

I fatti risalgono al maggio 2016. Il tribunale criminale ha condannato un uomo di 42 anni
Svizzera
5 ore

Cassis ha accolto a Berna il ministro degli esteri del Marocco

La visita segna il centenario della presenza diplomatica svizzera in Marocco. I ministri hanno discusso di sfide internazionali in materia di migrazione
Svizzera
8 ore

Ingresso o rientro in Svizzera, come funziona da domani

Chi arriva o rientra dalle regioni di confine (Lombardia e Piemonte per il Ticino) non dovrà presentare il test Pcr né compilare il modulo di entrata
Svizzera
8 ore

Imprese responsabili, controprogetto in vigore da gennaio

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale: i nuovi obblighi di diligenza per le imprese saranno applicati a partire dall’esercizio contabile del 2023
Svizzera
9 ore

In Svizzera 9’951 contagi, scende il tasso di riproduzione

Nelle ultime 24 ore si segnalano 29 decessi e 118 ricoveri
Svizzera
9 ore

Dal 6 dicembre mascherine al chiuso e Covid Pass esteso

Obbligatorio indossare la mascherina al lavoro se si è in più di uno. Inasprito il regime dei test in ingresso ma abolita la quarantena
Svizzera
11 ore

Dal 1°gennaio libera circolazione per i lavoratori croati

Se la quota di lavoratori dalla Croazia dovesse superare una certa soglia potrà essere utilizzata la clausola di protezione ripristinando i contingenti
Svizzera
11 ore

Casse malati, da gennaio le prime misure per contenere i costi

La revisione della Legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal) prevede un migliore controllo delle fatture da parte dei pazienti
Svizzera
17.02.2021 - 18:000
Aggiornamento : 19:05

Usam: 'Atteggiamento esitante', Travail.Suisse, 'via giusta'

L'Unione svizzera arti e mestieri spinge per un allentamento immediato. L'organizzazione sindacale appoggia le misure ma chiede sostegno per i lavoratori

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) critica la politica e l'atteggiamento "esitante" del Consiglio federale. In una dura presa di posizione, l'organizzazione ribadisce la sua richiesta di un allentamento immediato delle severe misure in vigore e la fine della "fallimentare strategia del lockdown". La confederazione sindacale Travail.Suisse, invece, accoglie con favore la via presentata oggi dal Consiglio federale per uscire dalla crisi. 

'Misure sproporzionate, allentamento immediato possibile'

Nonostante i numeri in calo e rischi di contagio non dimostrati, vengono mantenute misure sproporzionate, critica l'USAM in una nota inviata al termine della conferenza stampa del governo. I fatti e le cifre mostrano che un allentamento è possibile con effetto immediato.

Secondo l'organizzazione, a partire dal primo di marzo ci deve essere un'apertura completa accompagnata da misure di protezione mirate. Ad esempio, spiega l'USAM, più test, un'intensificazione della campagna di vaccinazione e del tracciamento dei contatti, così come un'applicazione coerente dei piani di protezione e una maggiore protezione delle persone particolarmente a rischio.

Per quanto riguarda i casi di rigore, l'associazione di categoria accoglie favorevolmente l'aumento da 2,5 a 10 miliardi di franchi, ma è dell'idea che bisogna fare il più in fretta possibile, correggendo lacune ed errori "per non peggiorare ulteriormente un danno già immenso". Secondo l'USAM, il regime dei casi di rigore è e rimane un grande cantiere con tempi troppo lunghi.

Per le aziende che hanno dovuto chiudere a causa delle restrizioni imposte dalle autorità, l'USAM esige l'applicazione del concetto "parzialmente chiuso = chiuso = indennizzo del fatturato", poiché esse sono private della libertà economica e devono dunque essere risarcite.

Suscita invece maggiore sollievo la prevista riapertura dei negozi, soprattutto alla luce dei dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), secondo il quale non si corre praticamente alcun rischio di infezione. Secondo l'USAM, ciò dovrebbe anche valere per i ristoranti e chiede pertanto al Consiglio federale di permettere anche al settore della ristorazione di riprendere le sue attività al più presto.

'Direzione giusta, ma necessario sostenere aziende e lavoratori'

Le proposte vanno "nella giusta direzione" - scrive l'associazione indipendente di lavoratori Travail.Suisse in una nota - poiché permettono riaperture dove il rischio di infezione è basso.

L'organizzazione sottolinea tuttavia l'importanza di sostenere i lavoratori e l'economia colpiti dalle chiusure per preservare i posti di lavoro. Il numero di casi non è ancora abbastanza basso per evitare che una riapertura più ampia porti a un aumento massiccio di nuove infezioni, rileva Travail.Suisse.

Per quest'ultima era però importante per la popolazione e l'economia che il Consiglio federale spiegasse chiaramente la sua strategia di uscita dalla crisi. Concetti di protezione, test e vaccini rimangono centrali nella lotta contro il coronavirus, afferma Travail.Suisse.

Positivo anche il riscontro per le nuove misure di aiuto economico annunciate, in particolare gli adeguamenti nel campo delle indennità per lavoro ridotto e l'innalzamento a 10 miliardi di franchi dei fondi per le imprese in gravi difficoltà.

Il Consiglio federale ha dato oggi una prospettiva che, insieme alle indennità per lavoro ridotto, dovrebbe permettere alle aziende di resistere e di non licenziare, afferma il presidente di Travail.Suisse Adrian Wüthrich, citato nella nota.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved