ragionevole-usare-misure-rigorose-uniformi
Martin Ackermann (Keystone)
09.12.2020 - 14:330
Aggiornamento : 17:14

'Ragionevole usare misure rigorose uniformi'

Il presidente della task force federale Martin Ackermann ha ribadito il pericolo di una crescita esponenziale dei casi

a cura de laRegione

È sensato ricorrere a misure uniformi e rigorose per ridurre l'elevato numero di casi di coronavirus, come ha dimostrato il Cantone di Ginevra. Lo ha dichiarato Martin Ackermann, presidente della task force scientifica federale durante il momento informativo davanti ai media.

Il tasso di riproduzione del virus in tutte e sette le principali regioni svizzere è ben al di sopra del valore obiettivo di 0,78. La Svizzera si trova nuovamente in una situazione delicata. Il pericolo di una crescita esponenziale dei casi è grande, ha detto Ackermann.

Tre ulteriori fattori aggravanti sono attualmente l'abbassamento delle temperature, le imminenti vacanze con il bisogno di vicinanza della gente e il turismo invernale, che rende le persone più mobili.

In queste circostanze, ha sottolineato Ackermann, è necessario uno sforzo ancora maggiore per spingere i valori e orientarli in una direzione diversa. Il Cantone di Ginevra aveva mostrato come si poteva fare. "Possiamo imparare da questo", ha detto Ackermann. Un dimezzamento dei casi ogni due settimane, come era stato l'obiettivo, era possibile, ha detto. Era chiaro che misure uniformi e più rigorose erano utili.

"Sono importanti i chiari segnali delle autorità"

A questo proposito, segnali chiari come quelli inviati martedì dal Consiglio federale ci aiuteranno certamente a comprendere la gravità della situazione. In considerazione dell'altissima incidenza in tutta la Svizzera, si ritiene che un approccio coordinato sia sensato e importante. In definitiva, però, si tratta di una decisione politica.

Ackermann ha sottolineato che è ingenuo credere che tutto tornerà alla normalità subito dopo l'inizio della campagna di vaccinazione. Le importanti misure di protezione continueranno a svolgere un ruolo importante nella vita quotidiana ancora per molto tempo.

Possiamo tutti sperare che ci sarà presto un vaccino. "Ma prima che questo accada, dobbiamo muoverci rapidamente e coerentemente in una direzione diversa", ha detto Ackermann.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved