ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 ora

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
1 ora

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
2 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
2 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
3 ore

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
4 ore

Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset

È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
6 ore

Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’

La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
7 ore

Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme

Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
7 ore

I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione

Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
04.11.2020 - 08:08
Aggiornamento: 09:05

In Svizzera romanda lo Jihadismo ha messo radici più profonde

Alcuni svizzeri hanno funzioni dirigenziali dentro l'Isis per la procuratrice federale Noto dopo i due arresti a Winterthur legati ai fatti di Vienna

in-svizzera-romanda-lo-jihadismo-ha-messo-radici-piu-profonde
(foto keystone)

La Svizzera romanda sarebbe più colpita dal jihadismo della Svizzera tedesca. Lo ha detto in un'intervista alla "Neue Zürcher Zeitung" Juliette Noto, la procuratrice del Ministero pubblico della Confederazione che si occupa dei processi sul jihadismo. "Il terreno fertile per la radicalizzazione esiste in Svizzera", ha detto Noto. Tuttavia, la scena islamista in Svizzera è eterogenea. Ci sono una moltitudine di attori con punti di vista e obiettivi diversi. Bisogna inoltre distinguere tra i rappresentanti dell'islam politico e quelli disposti a usare la violenza.

La rete di sospetti per l’attentato di Vienna si estende purtroppo fino alla Confederazione. Infatti martedì a Winterthur sono stati arrestati due giovani svizzeri di 18 e 24 anni già noti alle autorità elvetiche, per presunti legami con l'attacco avvenuto lunedì sera a Vienna in cui sono morti quattro passanti più l'assalitore e 22 persone sono rimaste ferite. È questo uno dei primi risultati dell’inchiesta internazionale avviata dalla polizia austriaca, in collaborazione con l’unità speciale Diamond di quella zurighese.

Legami con Francia e Belgio

Le differenze tra la Svizzera romanda e la Svizzera tedesca riguardano la pericolosità delle persone coinvolte e i loro collegamenti con altri Paesi, ha proseguito Noto. "La scena islamista nella Svizzera romanda è meglio collegata in rete e più omogenea con gli altri Paesi. Qui c'è una stretta connessione con le reti francofone in Francia e in Belgio", ha detto l'avvocato. Queste connessioni sono cresciute storicamente - ha aggiunto - e riguardano personalità che sono state attive a partire dagli anni Novanta e hanno avuto un'influenza decisiva sulla generazione più giovane di jihadisti.

"Questo, e anche la pericolosità degli attori, può essere in parte spiegata dal fatto che praticamente tutti i jihadisti svizzeri che sono saliti ai vertici dell'Isis provengono dalla Svizzera romanda e le reti che vi hanno sede continuano a mantenere contatti con loro", ha sottolineato Noto. La scena tedesco-svizzera, invece, è più legata alla Germania e più eterogenea, il che potrebbe essere spiegato dal fatto che anche la scena islamista in Germania è piuttosto giovane. Non esistono collegamenti solidi con le reti consolidate in Germania, ha relativizzato Noto.

"Pesce grossi" ancora in Siria

I numerosi viaggi di giovani partiti da Winterthur verso la Siria si spiegano con il "cluster" formatosi attorno alla moschea An-Nur e le forti personalità locali, come l'uomo che è stato condannato in estate dal Tribunale penale federale in primo grado. Durante il suo primo viaggio in Siria, è stato tenuto in grande considerazione nella scena e ha quindi incoraggiato anche altri ad abbracciare la Jihad, ha detto Noto. Il procedimento penale ha tuttavia dimostrato che alcuni svizzeri hanno assunto funzioni dirigenziali all'interno dell'Isis. Questi sono "i pesci veramente grossi", ma attualmente sono ancora sotto custodia curda in Siria.

È tuttavia assodato che la Svizzera non ha una scena islamista cresciuta storicamente nel corso dei decenni, come ad esempio in Francia. Ed è anche vero che la Svizzera non ha un passato coloniale, con i risentimenti che ne possono derivare, ha detto Noto alla "NZZ".

Leggi anche:

Attentato di Vienna, due svizzeri arrestati a Winterthur

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved