ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
19 min

Le Forze aeree svizzere in addestramento nel Regno Unito

Beneficiano di condizioni difficili da trovare in Svizzera, come ampie aree di volo vicino al mare e regioni scarsamente popolate
Svizzera
14 ore

Unione sindacale: riconfermato per 4 anni Pierre-Yves Maillard

Due donne vicepresidenti: la presidente di Unia Vania Alleva e la segretaria generale del Vpod/Ssp Natascha Wey
Svizzera
17 ore

Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione

All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
19 ore

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
20 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
21 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
23 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
21.10.2020 - 14:30
Aggiornamento: 18:20

Sussidi di cassa malati, paletti più stretti per i cantoni

Il Consiglio federale oppone un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare del Ps per limitare l’onere dei premi di cassa malati

sussidi-di-cassa-malati-paletti-piu-stretti-per-i-cantoni
Keystone

Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare «Al massimo il 10 per cento del reddito per i premi delle casse malati (Iniziativa per premi meno onerosi)», opponendole un controprogetto indiretto e proponendo che la parte cantonale versata per la riduzione individuale dei premi (RIP) sia vincolata ai costi sanitari lordi. Lo ha reso noto oggi il ministro della sanità Alain Berset in una conferenza stampa a Berna.

L’iniziativa chiede che i premi dell’assicurazione malattie obbligatoria non superino il 10 per cento del reddito disponibile. A tale scopo la RIP dovrebbe essere finanziata per almeno due terzi dalla Confederazione e il resto dai Cantoni.

Il Consiglio federale, si legge in una nota, riconosce che i premi dell’assicurazione malattie gravano sul bilancio delle economie domestiche. Tuttavia si oppone all’iniziativa, perché questa si concentra unicamente sul finanziamento dei sussidi, senza tenere conto del contenimento dei costi sanitari. Per migliorare il finanziamento delle riduzioni dei premi, il Consiglio federale propone un controprogetto indiretto che prevede di vincolare il contributo dei Cantoni ai loro costi sanitari.

I Cantoni sono tenuti a versare un contributo minimo

Le riduzioni dei premi sono finanziate dalla Confederazione e dai Cantoni. Questi ultimi sono tenuti dalla legge ad accordare una RIP agli assicurati di condizioni economiche modeste. Nel 2019 ne beneficiava più del 27 per cento di questi ultimi, ossia 2 milioni di persone. Nel corso degli ultimi anni, alcuni Cantoni hanno ridotto il loro contributo, creando una grande disparità tra i sussidi accordati. Nel 2010, i Cantoni contribuivano ancora per il 50 per cento alla RIP. Nel 2019 questo tasso si è ridotto al 43 per cento, mentre nello stesso periodo il premio medio dell’assicurazione malattie è aumentato in media del 3,2 per cento all’anno.

Il Consiglio federale vuole che ogni Cantone versi un contributo minimo vincolato ai suoi costi sanitari lordi. Questo contributo minimo corrisponde a una percentuale dei costi lordi cantonali calcolati addizionando i premi dell’assicurazione malattie pagati dagli assicurati del Cantone con le partecipazioni ai costi da loro versati. Se i premi pagati dagli assicurati di un Cantone rappresentano in media più del 14 per cento del loro reddito disponibile, il Cantone in questione dovrà destinare un importo equivalente al 7,5 per cento dei costi sanitari lordi per ridurre i premi degli assicurati. Nel caso in cui i premi rappresentano al massimo il 10 per cento del reddito disponibile, la percentuale minima sarà al massimo del 4 per cento. Se i premi rappresentano in media tra il 10 e il 14 per cento del reddito disponibile, l’importo da versare da parte del Cantone raggiungerà il 5 per cento dei costi sanitari lordi.

Con il controprogetto, i Cantoni con i costi sanitari più elevati e nei quali il carico dei premi che grava sulle economie domestiche è maggiore, globalmente dovranno pagare di più dei Cantoni che hanno costi più bassi. Pertanto i Cantoni saranno incentivati a limitare l’aumento dei costi sanitari. Per contro, il contributo federale rimarrebbe immutato al 7,5 per cento dei costi sanitari lordi.

Nessun incentivo a risparmiare

Il Consiglio federale, si legge sempre nella nota diramata oggi, deplora in particolare il fatto che la Confederazione si ritroverebbe a dover sussidiare la maggior parte della RIP, mentre è risaputo che i costi sanitari sono fortemente influenzati dalle decisioni cantonali. È il caso, per esempio, della pianificazione ospedaliera o delle tariffe di alcuni professionisti della salute. In questo senso, l’iniziativa non crea sufficienti incentivi al contenimento dei costi sanitari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved