casse-malati-non-c-e-unanimita-su-come-ridurre-i-premi
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
30 min

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
2 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
3 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
3 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
7 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
21 ore

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
22 ore

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
1 gior

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
1 gior

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera

Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
1 gior

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
1 gior

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
1 gior

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
04.02.2021 - 12:570
Aggiornamento : 17:31

Casse malati, non c'è unanimità su come ridurre i premi

In campo un'iniziativa del Partito socialista e un controprogetto del Consiglio federale ma entrambe le soluzioni hanno costi per Confederazione e Cantoni

a cura de laRegione

I premi dell'assicurazione sanitaria pesano molto sui bilanci familiari in Svizzera. L'iniziativa del Partito socialista (PS) e il controprogetto del Consiglio federale mirano a rimediare a questa situazione. Tuttavia, i costi che queste soluzioni comporterebbero sia per la Confederazione che per i cantoni sono motivo di preoccupazione.

Nella sua iniziativa, il PS vuole che l'onere dei premi di assicurazione sanitaria non superi il 10% del reddito disponibile. Inoltre, gli assicurati beneficerebbero di una riduzione individuale dei premi, finanziata per due terzi dalla Confederazione e per un terzo dai cantoni. Se accettato, il costo aggiuntivo per la Confederazione ammonterebbe a 3,6 miliardi di franchi nel 2024.

Il Consiglio federale ha quindi presentato un controprogetto che è anch'esso controverso. Anche la controproposta indiretta mira ad alleggerire il peso sulle persone a basso e medio reddito, ma intende spostare l'onere sui cantoni. Negli ultimi anni, diversi cantoni hanno ridotto la loro partecipazione alla riduzione dei premi individuali. Tuttavia, il Consiglio federale ritiene che i costi della sanità dipendano fortemente dalle decisioni dei cantoni.

Cantoni insoddisfatti

Nella consultazione effettuata fino a giovedì, i cantoni, i principali interessati, sono stati molto critici giudicando sbilanciato il piano del governo. La Confederazione non si assume la sua parte di responsabilità per il controllo dei costi e la riduzione dei premi, scrive la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS).

Gli oneri aggiuntivi sono sostenuti esclusivamente dai cantoni. I cantoni sono tenuti a pagare il 4% dei costi lordi dell'assicurazione sanitaria obbligatoria se il premio ammonta al massimo al 10% del reddito, il 5% per un onere dei premi tra il 10% e il 14% del bilancio e il 7,5% se il premio ammonta a più del 14% del reddito. La quota del governo federale rimane al 7,5%.

Inoltre, i cantoni sottolineano che i costi della salute non sono solo di loro competenza, ma sono anche il risultato della legislazione federale. Infine, i cantoni sono decisamente favorevoli al fatto che sia il Consiglio federale a dettare le regole per fissare le riduzioni dei premi, e rifiutano il controprogetto così com'è chiedendo di essere consultati su un nuovo progetto.

Partiti divisi

Per quanto riguarda i partiti, l'Udc ritiene che la Confederazione e i cantoni hanno già messo abbastanza denaro nel sistema e hanno a disposizione strumenti sufficienti per aiutare le famiglie a basso reddito nel campo dell'assicurazione sanitaria.

Il partito democentrista ritiene che il controprogetto rischia di penalizzare i cantoni con una popolazione a basso reddito, che se dovranno pagare di più per le riduzioni dei premi, avranno costi aggiuntivi, il che potrebbe ridurre il loro margine di manovra finanziario. L'Udc si oppone anche al potere decisionale che il Consiglio federale si sta arrogando. Il Parlamento deve avere voce in capitolo su una questione così delicata.

Sinistra a favore dell'iniziativa

Il PS e i Verdi stanno facendo campagna per l'iniziativa. Dal loro punto di vista, rende disponibile più soldi agli assicurati beneficiari di una riduzione dei premi. L'iniziativa prevede un importo annuo supplementare di 750 milioni rispetto ai 28 milioni del controprogetto.

Inoltre, il controprogetto non propone un'armonizzazione delle regole di concessione delle riduzioni dei premi, come fa l'iniziativa. Di conseguenza, i cantoni continueranno a poter definire da soli la cerchia dei beneficiari, per cui continueranno ad esistere disparità di trattamento da un cantone all'altro, scrive il PS.

Il PLR per il controprogetto

Il Partito liberale radicale (PLR) sostiene il controprogetto perché, legando i contributi dei cantoni all'evoluzione dei costi della salute, li obbliga ad assumersi le loro responsabilità. Questo fornisce un forte incentivo a ridurre le spese sanitarie il più possibile. I liberal-radicali, invece, rifiutano l'iniziativa, che è troppo costosa per la Confederazione.

Per quanto riguarda le assicurazioni, il controprogetto del Consiglio federale è preferito anche dall'associazione mantello Santésuisse. È meno costoso e permette di correggere il disimpegno dei cantoni dalla riduzione dei premi negli ultimi anni. Tuttavia, non risolverà il problema dell'aumento dei costi sanitari, secondo Santésuisse.

Nel 2019, 2,3 milioni di persone (più di un quarto di tutti gli assicurati) beneficeranno di riduzioni dei premi individuali. Questi ammontavano a 4'973 milioni di franchi, di cui 2'827 milioni pagati dalla Confederazione e 2'146 milioni dai Cantoni.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved