ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
15 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
17 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
17 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
17 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
18 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
22 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
1 gior

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
2 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
2 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
2 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
04.02.2021 - 12:57
Aggiornamento: 17:31

Casse malati, non c'è unanimità su come ridurre i premi

In campo un'iniziativa del Partito socialista e un controprogetto del Consiglio federale ma entrambe le soluzioni hanno costi per Confederazione e Cantoni

casse-malati-non-c-e-unanimita-su-come-ridurre-i-premi
(Ti-Press)

I premi dell'assicurazione sanitaria pesano molto sui bilanci familiari in Svizzera. L'iniziativa del Partito socialista (PS) e il controprogetto del Consiglio federale mirano a rimediare a questa situazione. Tuttavia, i costi che queste soluzioni comporterebbero sia per la Confederazione che per i cantoni sono motivo di preoccupazione.

Nella sua iniziativa, il PS vuole che l'onere dei premi di assicurazione sanitaria non superi il 10% del reddito disponibile. Inoltre, gli assicurati beneficerebbero di una riduzione individuale dei premi, finanziata per due terzi dalla Confederazione e per un terzo dai cantoni. Se accettato, il costo aggiuntivo per la Confederazione ammonterebbe a 3,6 miliardi di franchi nel 2024.

Il Consiglio federale ha quindi presentato un controprogetto che è anch'esso controverso. Anche la controproposta indiretta mira ad alleggerire il peso sulle persone a basso e medio reddito, ma intende spostare l'onere sui cantoni. Negli ultimi anni, diversi cantoni hanno ridotto la loro partecipazione alla riduzione dei premi individuali. Tuttavia, il Consiglio federale ritiene che i costi della sanità dipendano fortemente dalle decisioni dei cantoni.

Cantoni insoddisfatti

Nella consultazione effettuata fino a giovedì, i cantoni, i principali interessati, sono stati molto critici giudicando sbilanciato il piano del governo. La Confederazione non si assume la sua parte di responsabilità per il controllo dei costi e la riduzione dei premi, scrive la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS).

Gli oneri aggiuntivi sono sostenuti esclusivamente dai cantoni. I cantoni sono tenuti a pagare il 4% dei costi lordi dell'assicurazione sanitaria obbligatoria se il premio ammonta al massimo al 10% del reddito, il 5% per un onere dei premi tra il 10% e il 14% del bilancio e il 7,5% se il premio ammonta a più del 14% del reddito. La quota del governo federale rimane al 7,5%.

Inoltre, i cantoni sottolineano che i costi della salute non sono solo di loro competenza, ma sono anche il risultato della legislazione federale. Infine, i cantoni sono decisamente favorevoli al fatto che sia il Consiglio federale a dettare le regole per fissare le riduzioni dei premi, e rifiutano il controprogetto così com'è chiedendo di essere consultati su un nuovo progetto.

Partiti divisi

Per quanto riguarda i partiti, l'Udc ritiene che la Confederazione e i cantoni hanno già messo abbastanza denaro nel sistema e hanno a disposizione strumenti sufficienti per aiutare le famiglie a basso reddito nel campo dell'assicurazione sanitaria.

Il partito democentrista ritiene che il controprogetto rischia di penalizzare i cantoni con una popolazione a basso reddito, che se dovranno pagare di più per le riduzioni dei premi, avranno costi aggiuntivi, il che potrebbe ridurre il loro margine di manovra finanziario. L'Udc si oppone anche al potere decisionale che il Consiglio federale si sta arrogando. Il Parlamento deve avere voce in capitolo su una questione così delicata.

Sinistra a favore dell'iniziativa

Il PS e i Verdi stanno facendo campagna per l'iniziativa. Dal loro punto di vista, rende disponibile più soldi agli assicurati beneficiari di una riduzione dei premi. L'iniziativa prevede un importo annuo supplementare di 750 milioni rispetto ai 28 milioni del controprogetto.

Inoltre, il controprogetto non propone un'armonizzazione delle regole di concessione delle riduzioni dei premi, come fa l'iniziativa. Di conseguenza, i cantoni continueranno a poter definire da soli la cerchia dei beneficiari, per cui continueranno ad esistere disparità di trattamento da un cantone all'altro, scrive il PS.

Il PLR per il controprogetto

Il Partito liberale radicale (PLR) sostiene il controprogetto perché, legando i contributi dei cantoni all'evoluzione dei costi della salute, li obbliga ad assumersi le loro responsabilità. Questo fornisce un forte incentivo a ridurre le spese sanitarie il più possibile. I liberal-radicali, invece, rifiutano l'iniziativa, che è troppo costosa per la Confederazione.

Per quanto riguarda le assicurazioni, il controprogetto del Consiglio federale è preferito anche dall'associazione mantello Santésuisse. È meno costoso e permette di correggere il disimpegno dei cantoni dalla riduzione dei premi negli ultimi anni. Tuttavia, non risolverà il problema dell'aumento dei costi sanitari, secondo Santésuisse.

Nel 2019, 2,3 milioni di persone (più di un quarto di tutti gli assicurati) beneficeranno di riduzioni dei premi individuali. Questi ammontavano a 4'973 milioni di franchi, di cui 2'827 milioni pagati dalla Confederazione e 2'146 milioni dai Cantoni.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved