laRegione
Nuovo abbonamento
I ristoratori temono per il futuro (foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore
Quarantena per tutti i 60 dipendenti di un'azienda vodese
La misura riguarda l'intero personale della Favre Sa. Il suo amministratore: origine sicuramente esterna.
Svizzera
10 ore
Quattro cantoni seguono il Ticino: al massimo in 100 nei locali
Coronavirus, Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta e Argovia riducono il numero massimo di avventori per sera nei ristoranti
Svizzera
11 ore
Sicurezza informatica, due dipartimenti federali bocciati
Si tratta del Dipartimento dell'interno (con solo il 37% dei servizi informatici 'blindati') e il Dipartimento dei trasporti (48%)
Zurigo
12 ore
Zurigo, sgominata banda giovani con alle spalle 70 reati
La polizia zurighese ha arrestato 14 delinquenti tra i 17 e i 33 anni (9 svizzeri, 5 stranieri) presunti autori di numerosi reati in 3 differenti cantoni
Svizzera
12 ore
Coronavirus: le imprese svizzere temono la seconda ondata
Lo rivela un sondaggio della Scuola universitaria professionale di Zurigo. Oltre la metà vede comunuqe migliorare la situazione finanziaria
Svizzera
13 ore
Coronavirus, in Svizzera ben 129 nuovi casi, ma anche più test
Torna a salire il numero di persone che sono risultate positive al coronavirus: il totale di infetti da inizio pandemia sale a 32'498
Svizzera
13 ore
Uomini e donne percepiscono l'ambiente in modo diverso
Lo indica la terza indagine sul tema realizzata dall'Ufficio federale di statistica
Svizzera
13 ore
Lupi in circolazione, Lumnezia potrebbe chiudere i sentieri
Il comune grigionese vuole proteggere gli escursionisti da possibili attacchi di bestiame e cani resi nervosi dai predatori. Anche la Greina è interessata.
Svizzera
13 ore
L'Agassizhorn non cambierà nome
Louis Agassiz era un razzista. Ma il Municipio di Grindelwald non vuole modificare la denominazione della montagna.
Svizzera
17 ore
Lavoro ridotto inferiore alle attese
La Seco spiega che in aprile sono stati versati 2,4 miliardi di franchi, mentre l'onere previsto era compreso fra 5 e 7 miliardi
Svizzera
17 ore
‘Mascherine gratis per beneficiari di aiuti sociali’
È quanto raccomanda a Cantoni, Città e Comuni la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale
Svizzera
24.05.2020 - 10:010

Riapertura ristoranti, il 90 per cento prevede perdite

GastroSuisse ha condotto un sondaggio fra i suoi associati per tastare il terreno dopo l'11 maggio. I ristoratori vedono davanti a loro grandi incertezze

Dall'avvio della fase due in Svizzera, lo scorso 11 maggio, la maggior parte degli esercizi di ristorazione che possono garantire l'osservanza delle disposizioni Covid ha potuto riaprire. Tuttavia, la nuova partenza vede davanti a sé drastiche restrizioni, perdite dolorose e grandi incertezze. Se non venissero concessi degli allentamenti, la riapertura per gli esercizi di ristorazione sarà insostenibile. Come loro, anche le strutture ricettive che devono restare serrate necessitano di prospettive.

L'associazione GastroSuisse ha condotto un sondaggio online fra i suoi membri, nel periodo intercorso fra l'11 e il 18 maggio. Hanno risposto in 3'172 e per la prima volta sono quindi disponibili dati attendibili sulla riapertura delle attività.

Circa il 90% prevede una perdita

Fra coloro che hanno partecipato alla raccolta dati, tre quarti hanno riavviato la propria attività ottemperando alle norme: "Fra quelle riaperte, nove aziende su dieci ritengono però che subiranno perdite", afferma Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse. "Nella prima settimana dopo la prima fase di apertura, in media le vendite sono state inferiori del 60% rispetto all'anno precedente", dichiara.

Le distanze minime sono un limite importante

Il motivo del deficit sono le condizioni rigorose, lo dimostrano i dati del sondaggio. Fra queste, le distanze minime fra un tavolo e l'altro e la forte limitazione del numero di persone che vi possono prendere posto.

La maggior parte delle aziende che hanno riaperto lo hanno fatto per i clienti abituali e dare una prospettiva ai dipendenti. Circa un terzo, ha proceduto con la riapertura per ridurre le perdite, rispetto a quelle subite durante il lockdown, mantenendo così la quota di mercato.

Le ragioni per non rimettere in moto la propria attività sono molteplici, ma fra le più citate c'è la constatazione che non è possibile avere un guadagno con la rigorosità delle regole attuate.

Sostenibilità della riapertura in discussione

Il 40 per cento dei locali di ristorazione tornati in esercizio ha ammesso che le condizioni attuali minano la continuità nell'apertura. "Le risposte mostrano un'immagine desolata", commenta Casimir Platzer. "Senza un ulteriore allentamento, molti ristoranti devono chiudere di nuovo a giugno perché l'apertura è molto onerosa".

Da parte di proprietari e gerenti c'è grande speranza, nonché aspettativa, in un allentamento della limitazione del numero di persone per tavolo, sospirando una revoca. Così, anche per quelle che sono le distanze minime da tenere fra un coperto e l'altro. "La maggior parte degli esercizi ha perso tra il 35 e il 65 per cento della capacità dei propri posti a causa delle restrizioni", spiega il presidente di GastroSuisse.

Come se non bastasse, gravano i costi aggiuntivi

Il rispetto delle regole imposte comporta dei costi aggiuntivi. Infatti, come mostra l'indagine promossa dall'associazione mantello, la maggior parte dei ristoratori non ha ancora adeguato i propri prezzi, sobbarcandosi di fatto le spese aggiuntive.

Nella prima settimana dopo il riavvio, un'azienda su quattro è stata controllata. Il 90 per cento di quelle prese in esame ha perfettamente implementato le misure di protezione. Le sanzioni hanno interessato solo lo 0,4 per cento dei controlli.

Un'ondata di bancarotta avrebbe conseguenze imprevedibili

Sono ventimila le aziende associate a GastroSuisse. L'associazione mantello, insieme alle 26 associazioni di settore cantonali, si occupa degli interessi dei ristoratori, soprattutto in questo contesto, puntando all'allentamento delle norme. Così anche per le aziende che non possono riaprire perché impossibilitate sia per fattori operativi sia per ragioni finanziarie. 

Se un'ondata di bancarotta dovesse investire il settore, con oltre 260mila dipendenti, le ripercussioni sarebbero imprevedibili.

© Regiopress, All rights reserved