laRegione
Nuovo abbonamento
Il Teatro Sociale di Bellinzona (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore
Quarantena per tutti i 60 dipendenti di un'azienda vodese
La misura riguarda l'intero personale della Favre Sa. Il suo amministratore: origine sicuramente esterna.
Svizzera
10 ore
Quattro cantoni seguono il Ticino: al massimo in 100 nei locali
Coronavirus, Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta e Argovia riducono il numero massimo di avventori per sera nei ristoranti
Svizzera
10 ore
Sicurezza informatica, due dipartimenti federali bocciati
Si tratta del Dipartimento dell'interno (con solo il 37% dei servizi informatici 'blindati') e il Dipartimento dei trasporti (48%)
Zurigo
11 ore
Zurigo, sgominata banda giovani con alle spalle 70 reati
La polizia zurighese ha arrestato 14 delinquenti tra i 17 e i 33 anni (9 svizzeri, 5 stranieri) presunti autori di numerosi reati in 3 differenti cantoni
Svizzera
11 ore
Coronavirus: le imprese svizzere temono la seconda ondata
Lo rivela un sondaggio della Scuola universitaria professionale di Zurigo. Oltre la metà vede comunuqe migliorare la situazione finanziaria
Svizzera
12 ore
Coronavirus, in Svizzera ben 129 nuovi casi, ma anche più test
Torna a salire il numero di persone che sono risultate positive al coronavirus: il totale di infetti da inizio pandemia sale a 32'498
Svizzera
12 ore
Uomini e donne percepiscono l'ambiente in modo diverso
Lo indica la terza indagine sul tema realizzata dall'Ufficio federale di statistica
Svizzera
13 ore
Lupi in circolazione, Lumnezia potrebbe chiudere i sentieri
Il comune grigionese vuole proteggere gli escursionisti da possibili attacchi di bestiame e cani resi nervosi dai predatori. Anche la Greina è interessata.
Svizzera
22.05.2020 - 13:030

Le mascherine non saranno obbligatorie nei teatri, ma...

In vista della riapertura, forse l'8 giugno, di sale e cinema si delineano le misure di protezione. Occupazione fino al 70%. 100% con le protezioni

In vista della sua riapertura - il giorno X dovrebbe essere l'8 giugno - il mondo dello spettacolo ha presentato oggi il concetto di protezione da seguire per tornare in sala anche in tempi di coronavirus. No all'obbligo di indossare mascherine, disponibili però sul posto, mentre il tasso massimo di occupazione consentito potrà variare parecchio: dovrebbe poter arrivare attorno al 70%. Il 100% con l'obbligo delle mascherine.

La strategia è stata elaborata dall'Unione dei teatri svizzeri, dall'Associazione svizzera dei tecnici del teatro e dello spettacolo e dall'Associazione svizzera delle orchestre professionali. Il modello, che segue le direttive dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), sarà applicabile da tutto il settore.

Si decide il 27 maggio

Il Consiglio federale ha previsto per l'8 giugno la riapertura di teatri, cinema e casinò. Una decisione definitiva è attesa il 27 maggio, mercoledì prossimo. Il concetto immaginato, sul quale ha lavorato un gruppo specializzato, è modulabile: ogni istituzione e ogni organizzatore di concerti o altri eventi può adattarsi a seconda dei suoi bisogni. Accorgimenti sono inoltre possibili a dipendenza dell'evoluzione dell'epidemia, ricordano in una nota le tre associazioni.

Ogni scenario, viene assicurato nel comunicato, è stato preso in considerazione. Dalla formazione di aerosol e di goccioline quando viene suonato uno strumento, si canta o si parla, fino alla posizione degli spettatori nelle sale.

Parola chiave: distanza sociale

Come detto, finché la distanza sociale è rispettata non ci saranno obblighi riguardo alle mascherine. Il pubblico dovrà comunque poterne usufruire sul posto e la libertà individuale sarà preponderante. Dovrà inoltre essere evitato ogni tipo di assembramento all'entrata, nel foyer o in biglietteria.

L'occupazione dei posti a sedere può fortemente variare in funzione delle misure scelte. Se ci si attenesse ai due metri prescritti dall'Ufsp, i locali potrebbero essere riempiti solo al 25%, rimanendo per tre quarti vuoti.

Tuttavia, dato che in sale e auditori la gente è seduta tutto il tempo nello stesso punto, guarda nella stessa direzione e parla poco, le distanze di sicurezza potranno essere ridotte a meno di due metri. Ci si può dunque immaginare un'affluenza nell'ordine del 70% rispetto a quella normale. Con l'obbligo di portare la mascherina invece, si potrà raggiungere il 100% della capacità.

Tutte le istituzioni devono prendere provvedimenti tecnici e organizzativi per adattarsi alle regole generali. Qualora conformarsi alle norme igieniche della Confederazione non fosse fattibile in ogni momento, misure supplementari sono proposte per garantire comunque la massima sicurezza possibile.

© Regiopress, All rights reserved