ticino-in-casa-anziani-presto-si-tornera-ad-abbracciarsi
Norman Gobbi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
50 min

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
4 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
14 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
18 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
18 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
18 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
18 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
18 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
19 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
19 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
20 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
21 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
21 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
21 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
21 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
21 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
21 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
22 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
22 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
Locarnese
22 ore

Due presentazioni librarie alle scuole di Riazzino

Domani dalle 17 incontro con gli autori Zeno Ramelli e Jan Gaggetta, grazie alla Commissione culturale del Municipio di Lavertezzo
Bellinzonese
22 ore

Ostilità digitale e odio reale: se ne parla a Bellinzona

Incontro pubblico il 24 maggio alla Biblioteca cantonale con quattro conferenzieri
Locarnese
22 ore

Pulcini malati importati illegalmente, azienda sequestrata

Nei piccoli volatili è stato riscontrato il virus della malattia di Newcastle. L’intervento è avvenuto nel Locarnese
Luganese
22 ore

Avventure da non perdere nell’estate luganese

Lugano Marittima debutterà il 25 maggio. Dal 3 giugno lungolago riservato ai pedoni il venerdì, sabato e domenica
Mendrisiotto
23 ore

Mendrisio, disagio negli eco-punti ‘relativamente contenuto’

Nel 2021 il Dicastero ambiente ha effettuato dei controlli: gli abusi commessi da persone non residenti che hanno consegnato carta, vetro e lattine
Locarnese
23 ore

L’‘Agenzia matrimoniale’ dei Ticines in scena a Tenero

Domenica di divertimento a teatro con la commedia dialettale in un libero adattamento di Marco Allemann
Ticino
23 ore

Il ‘solito’ venerdì di colonna al San Gottardo

A Göschenen il ‘serpentone’ di vetture si è formato già in mattinata. Per raggiungere i 9 km alle 14. Disagi anche tra Bellinzona e Locarno
Locarnese
23 ore

Ascona, all’asta pubblica le biciclette non reclamate

Domani, sabato, l’incanto sul piazzale dell’autosilo. I mezzi potranno essere visionati dalle 8 alle 9.30
Luganese
1 gior

Il Grand Prix scacchistico fa tappa a Figino

La terza tappa si giocherà sabato 28 maggio. In palio anche il secondo trofeo Osteria degli Amici
Luganese
1 gior

Apparecchio elettronico in fiamme, fumo in casa a Cassarate

È accaduto questa mattina in uno stabile in via Arcioni. Nessuna conseguenza per le persone presenti
Bellinzonese
1 gior

Michele Tamagni da 40 anni anima della Cantoria di Giubiasco

Tanta passione e tenacia hanno fatto dell’attività del maestro un’esperienza coinvolgente per tutti coloro che hanno cantato nel coro
Mendrisiotto
1 gior

A Mezzana una giornata per le scuole dedicata alla biodiversità

Tra le classi premiate anche la 4A delle Elementari di Chiasso e la 5D di Minusio. Il progetto è stato lanciato lo scorso 9 ottobre
Ticino
1 gior

Dal Cantone un occhio di riguardo alle api

Come salvaguardarle? In occasione della loro Giornata mondiale ecco una serie di consigli pratici per la loro tutela
28.05.2020 - 10:29
Aggiornamento : 16:42

Ticino, 'In casa anziani presto si tornerà ad abbracciarsi'

Dall'8 di giugno dovrebbero riprendere le visite, a certe condizioni anche in camera. Le multe? 'Sarà l'ultima ratio'

Cifre dell'epidemia in calo e ritorno a una "nuova normalità". All'indomani degli allentamenti al 'lockdown' decisi dal Consiglio federale e la fine della situazione straordinaria annunciata per il 19 giugno (con probabile ritorno di alcune competenze decisionali ai cantoni), il presidente del Consiglio di Stato ticinese Norman Gobbi e il direttore del Dipartimento santità e socialità Raffaele De Rosa fanno il punto sulla situazione in Ticino, coadiuvati dal capo dello Stato maggiore cantonale di condotta Matteo Cocchi e dal medico cantonale Giorgio Merlani.

«Il governo cantonale è soddisfatto dei dati epidemiologici del Ticino: finalmente vediamo un raggio di sole in cielo con dati bassi, confermati per più giorni – ha commentato Gobbi –. Un raggio che scalda l'animo e il cuore, permettendoci di guardare con positività per l'estate. Dal 4 maggio siamo allineati alle disposizioni federali che stanno vivendo un'evoluzione rapida, come visto anche dalle decisioni prese ieri dal Consigli federale». Decisioni «non tutte lineari, se penso all'apertura permessa delle discoteche, ma con l'obbligo di chiusura a mezzanotte».

In Ticino «ci siamo trovati a scalare la montagna più alta della pandemia. Ora ci attende la fase più critica perché, e chi va in montagna lo sa, la discesa è la parte più pericolosa: le gambe sono stanche e c'è voglia di tornare in cascina. Bisogna quindi essere cauti: proteggiamoci ancora».

Dal 30 maggio «cambia molto, con la possibilità di assembramenti spontanei fino a 30 persone». La libertà, ha precisato il presidente del governo, richiede tuttavia «responsabilità individuale. Nella terza fase sono le autorità che devono dare fiducia ai cittadini, come i cittadini hanno dato fiducia alle autorità nelle prime due fasi». Nonostante l'uscita dalla situazione straordinaria a livello federale, lo stato di necessità in vigore in Ticino, come già comunicato, rimarrà in vigore in Ticino fino a fine giugno.

La decisione di non aprire con l'Italia il 3 giugno è giudicata «positiva» dal governo ticinese, salutando così la decisione comunicata ieri da Berna. Serviranno «aperture coordinate, come volontà della Confederazione». Discussioni nelle quali sarà coinvolto, come noto, anche il Cantone, che ora attende anche di sapere «quali misure sanitarie potranno essere attuate alle frontiere». Una data possibile per la riapertura del confine sud «è il 15 giugno», ha aggiunto il presidente dell'esecutivo cantonale.

Nel frattempo non è ancora chiaro come si procederà con il ricongiungimento famigliare a cavallo della frontiera: «Nella stessa Penisola si sta ancora discutendo. È sicuramente un tema. Bisogna tuttavia ricordare che chi si reca in Italia approfittando comunque dalla possibilità di un ricongiungimento, dovranno poi osservare una quarantena imposta dalle autorità italiane».

'Preferivamo quanto Berna si appellava alla modestia e alla cautela'

La Confederazione «crede di avere in pugno la situazione», ma «preferivo quando Berna si appellava alla modestia e alla cautela e si chiedeva di essere responsabili – ha rilevato De Rosa –. Il Consiglio federale è cosciente che la percezione del rischio, con questi allentamenti, si abbassa. A non essere condivisi da De Rosa sono in particolare gli allentamenti riguardo agli assembramenti: «È comprensibile che Berna vada in questa direzione, dal momento che molti cantoni non hanno vissuto la pandemia come noi. Tuttavia avremmo gradito si andasse più lentamente. Ora sta quindi a noi come Cantone chiedere a tutti i cittadini di essere responsabili. Sarà questa a fare la differenza in futuro. Teniamo alta la guardia, proseguiamo nelle misure d'igiene accresciuta e distanziamento sociale e usiamo le mascherine quando non si può tenersi lontani. Ricordiamoci di quanto abbiamo ritenuto essenziale e di quanto ci è apparso subito superfluo». 

Case anziani: 'Si potrà tornare ad abbracciarsi'

Nel frattempo il Cantone sta lavorando a nuove direttive anche per riaprire le case per anziani: «Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra protezione degli anziani ed esigenza di  ridare loro una socialità – ha chiosato De Rosa –. È chiaro che nelle case anziani risiedono persone vulnerabili e devono essere protette, ma anche qui va trovata una normalità. Presto saranno possibili anche le visite in camera e, con le misure di protezione adeguate come il camice e le mascherine, si potrà tornare ad abbracciarsi. È già praticamente pronta una direttiva in questo senso da parte del medico cantonale».

Progressivamente, con piccoli gruppi, «sarà possibile mettere in atto attività di intrattenimento e sarà possibile riprendere la fisioterapia», ha spiegato Merlani. Dall'8 giugno dovrebbero riprendere «anche le visite di parenti e amici. In un primo momento, verranno ampliati i tempi di visita nelle apposite sale. Per quegli ospiti che non possono recarsi in sala visita sarà consentito incontrare iu visitatori in camera . In questo ultimo caso i gruppi ammessi saranno molto ristretti: 1 o 2 persone debitamente protette. In questo contesto saranno di nuovo possibili i contatti fisici». Gli anziani potranno inoltre prevedere soggiorni «a domicilio, anche se in questo caso chi rimarrà lontano di una notte, dovrà osservare un periodo di quarantena».

Adattamento del dispositivo ospedaliero

Da oggi intanto entra in vigore un'ulteriore tappa di adattamento del sistema sanitario ticinese. Sistema che sta lentamente tornando al normale. In particolare, dopo la decisione del governo di ieri, da oggi i posti in cure intense alla Carità e alla Moncucco sono stati ulteriormente diminuiti. «Dal 18 giugno, se la situazione rimarrà stabile, in Ticino verranno mantenuti 15 posti in cure intense dedicati ai pazienti Covid-19, una cinquantina di posti in reparto e alcuni posti in riabilitazione», ha precisato De Rosa. 

Verrà comunque mantenuto un certo grado di prontezza in modo da poter alzare la capacità (a pacchetti di 7 letti alla volta) degli ospedali ticinesi. Verranno per ora mantenute alcune misure, «come la chiusura de pronto soccorso dell'Italiano», ha fatto notare il direttore del Dss. Ripariranno prossimamente i pronto soccorso di Acquarossa e Faido e, da primo luglio, verrà riaperto il reparto di ostetricia alla Carità di Locarno, tolto per permettere di dedicare il nosocomio ai pazienti Covid. Lo stesso succederà, dal 1 agosto, a Mendrisio». Un ritorno alla normalità ospedaliera che, secondo De Rosa, dimostra come non siano fondati alcuni timori relativi a un possibile disimpegno del Cantone da alcuni nosocomi: «A fare stato è la pianificazione ospedaliera in vigore».

Materiale di protezione: per gli operatori sociosanitario ci sarà l'obbligo di averne abbastanza

La pandemia ha messo in evidenza come alcuni operatori non avessero abbastanza riserve di materiale di protezione già ad inizio crisi. Per questo il Cantone sta per emanare nuove direttive che obbligheranno chi opera nel settore sanitario ad avere 4 mesi di materiale di protezione (calcolato sull'uso frequente visto durante la pandemia) in magazzino. Durante i mesi di crisi, a salvare la situazione è stato il magazzino cantonale che «disponeva di materiale ben superiore a quanto raccomandato dalla Confederazione –, ha chiosato De Rosa –. Ciò ha permesso al farmacista cantonale d'intervenire nella distribuzione di materiale, in particolare per nel settore ambulatoriale». Le riserve del Cantone sono nel frattempo state ricostituite, «mentre i cittadini sono invitati a procurarsi le mascherine nei negozi», ha aggiunto il direttore del Dss.

Le multe saranno l'ultima ratio

«Da sabato sarà importantissima l'attività di prossimità della polizia», ha evidenziato Cocchi, riferendosi al passaggio da 5 a 30 del numero massimo di persone in un assembramento. «La presenza della polizia che dovrà diventare una costante anche durante l'estate. Le polizie comunali torneranno quindi a fare il loro compito primario». Le sanzioni saranno «l'estrema ratio», mentre verso i trasgressori si applicherà inizialmente «il dialogo, che ha dimostrato di essere molto efficace». Ringraziando la popolazione per quanto fatto sino a qui, il capo dello Stato maggiore ha rilevato come «se ognuno segue le regole di distanza sociale e igiene accresciuta eviteremo di tornare in una seconda fase di crisi».

Contagi bassi anche grazie alle distanze

Le cifre dei contagi rimane bassa in Ticino «nonostante si continui a testare», ha precisato Merlani che ha pubblicamente rivisto le sue posizioni dopo le critiche di qualche settimana fa sulle riaperture giudicate troppo ravvicinate da perte di Berna: «A ragion veduta la situazione tiene». Intanto il contact tracing in Ticino continua a dimostrare come la popolazione sia mantenga le distanze sociali: per ogni nuovo contagiato si generano in media di 2-4 contatti a rischio. «Fatta eccezione per qualche sciovolone, con qualcuno che ha organizzato una centa con molte persone, il numero di contatti a rischio restano bassi».

Attualmente in Ticino vi sono 18 perone in isolamento e 28 persone in quarantena. Dalla ripresa dell'attività di tracciamento, sono state poste in isolamento 45 persone e 84 sono state poste in quarantena. «Se riprendiamo la vita come prima, il virus continuerà a circolare, mentre se si fa attenzione e, in casi dove non possono essere tenute le distanze, si usa la mascherina, si può convivere con questa nuova realtà», ha commentato il medico cantonale.

Sierologia: già 450 persone testate

Nell'ambito dell'indagine sierologica a campione per capire quanto la popolazione ticinese sia entrata in contatto con il coronavirus, sono già stati effettuati oltre 450 test. Ad aver aderito sono state 900 persone delle 1'500 invitate. Oltre 200 hanno rinunciato mentre 266 non hanno risposto, nonostante il sollecito. «Non chiedetemi i risultati –, ha aggiunto Merlani –. Quando avremo dati significativi, ve li faremo sapere».

Biglietti nominali per le manifestazioni sportive?

Il limite di trecento persone per le manifestazioni pubbliche e private, così come per teatri, discoteche e manifestazioni sportive «effettivamente pone qualche problema in più di controllo», ha commentato Cocchi, aggiungendo che per lo sport «si potrebbe finalmente introdurre il biglietto nominale, che risolverebbe anche altri problemi». Insomma: potrebbe essere una soluzione per mitigare i fenomeni di hooliganismo violento. Nel frattempo si attendono che le associazioni di categoria adottino i piani di protezione in vista delle nuove aperture previste il 6 giugno.

Cosa ci attende con questo virus?

Il coronavirus «ha deciso di rimanere con noi» e dovremo quindi tenercelo, ha chiosato Merlani, aggiungendo che per ora non ci sono studi affidabili che permettono di prevedere se il calo attuale è dovuto anche all'arrivo della stagione calda. «Il trend che osserviamo in Europa parrebbe suggerire che sia così – il che potrebbe essere una brutta notizia perché potrebbe quindi presentarsi un nuovo aumento in autunno –, ma in paesi caldi come il Brasile non si vede questo effetto». Dal punto di vista biologico «il virus può mutare molto rapidamente. Adattandosi all'uomo potrebbe diventare sempre più virulento, ma meno pericoloso. Sono comunque speculazioni».

Leggi anche:

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved