ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
22 min

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
30 min

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
2 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
3 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
3 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
4 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
4 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
4 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
4 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
4 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
4 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
5 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
5 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
Bellinzonese
5 ore

Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco

Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Locarnese
6 ore

‘Libertà, di cosa è il nome?’ alla Corporazione Borghese

La Società Dante Alighieri di Locarno organizza giovedì 1º dicembre alle ore 18 la conferenza con il filosofo Fabio Merlini
Bellinzonese
8 ore

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
9 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
9 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
10 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
il video
Bellinzonese
10 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
10 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
10 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
11 ore

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
Ticino
11 ore

In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre

Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
11 ore

‘Illuminazione pubblica spenta, occorre valutare’

Pedemonte, il Municipio risponde all’interrogazione di Monotti che chiedeva di rinunciare alla luce dei lampioni sulle strade nottetempo come risparmio
Locarnese
11 ore

Il Munipio di Tenero-Contra ha incontrato i suoi neodiciottenni

Venerdì 25 novembre ha avuto luogo il tradizionale incontro, seguito da una cena in compagnia
Locarnese
11 ore

Il Treno dell’Avvento porta la magia del Natale nelle Centovalli

Domenica 4 dicembre l’amato treno storico, addobbato per l’occasione, porterà i viaggiatori da Locarno a Camedo, dove troveranno anche Babbo Natale
Locarnese
12 ore

Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco

Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
12 ore

È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona

Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Locarnese
12 ore

Lavertezzo: il libro di Ramelli e Cantadonna in concerto

Fra venerdì e domenica doppio appuntamento al Centro scolastico di Riazzino e a Montedato, proposto dalla commissione culturale del Municipio
Luganese
14 ore

Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede

Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa
28.05.2020 - 10:29
Aggiornamento: 16:42

Ticino, 'In casa anziani presto si tornerà ad abbracciarsi'

Dall'8 di giugno dovrebbero riprendere le visite, a certe condizioni anche in camera. Le multe? 'Sarà l'ultima ratio'

ticino-in-casa-anziani-presto-si-tornera-ad-abbracciarsi
Norman Gobbi (Ti-Press)

Cifre dell'epidemia in calo e ritorno a una "nuova normalità". All'indomani degli allentamenti al 'lockdown' decisi dal Consiglio federale e la fine della situazione straordinaria annunciata per il 19 giugno (con probabile ritorno di alcune competenze decisionali ai cantoni), il presidente del Consiglio di Stato ticinese Norman Gobbi e il direttore del Dipartimento santità e socialità Raffaele De Rosa fanno il punto sulla situazione in Ticino, coadiuvati dal capo dello Stato maggiore cantonale di condotta Matteo Cocchi e dal medico cantonale Giorgio Merlani.

«Il governo cantonale è soddisfatto dei dati epidemiologici del Ticino: finalmente vediamo un raggio di sole in cielo con dati bassi, confermati per più giorni – ha commentato Gobbi –. Un raggio che scalda l'animo e il cuore, permettendoci di guardare con positività per l'estate. Dal 4 maggio siamo allineati alle disposizioni federali che stanno vivendo un'evoluzione rapida, come visto anche dalle decisioni prese ieri dal Consigli federale». Decisioni «non tutte lineari, se penso all'apertura permessa delle discoteche, ma con l'obbligo di chiusura a mezzanotte».

In Ticino «ci siamo trovati a scalare la montagna più alta della pandemia. Ora ci attende la fase più critica perché, e chi va in montagna lo sa, la discesa è la parte più pericolosa: le gambe sono stanche e c'è voglia di tornare in cascina. Bisogna quindi essere cauti: proteggiamoci ancora».

Dal 30 maggio «cambia molto, con la possibilità di assembramenti spontanei fino a 30 persone». La libertà, ha precisato il presidente del governo, richiede tuttavia «responsabilità individuale. Nella terza fase sono le autorità che devono dare fiducia ai cittadini, come i cittadini hanno dato fiducia alle autorità nelle prime due fasi». Nonostante l'uscita dalla situazione straordinaria a livello federale, lo stato di necessità in vigore in Ticino, come già comunicato, rimarrà in vigore in Ticino fino a fine giugno.

La decisione di non aprire con l'Italia il 3 giugno è giudicata «positiva» dal governo ticinese, salutando così la decisione comunicata ieri da Berna. Serviranno «aperture coordinate, come volontà della Confederazione». Discussioni nelle quali sarà coinvolto, come noto, anche il Cantone, che ora attende anche di sapere «quali misure sanitarie potranno essere attuate alle frontiere». Una data possibile per la riapertura del confine sud «è il 15 giugno», ha aggiunto il presidente dell'esecutivo cantonale.

Nel frattempo non è ancora chiaro come si procederà con il ricongiungimento famigliare a cavallo della frontiera: «Nella stessa Penisola si sta ancora discutendo. È sicuramente un tema. Bisogna tuttavia ricordare che chi si reca in Italia approfittando comunque dalla possibilità di un ricongiungimento, dovranno poi osservare una quarantena imposta dalle autorità italiane».

'Preferivamo quanto Berna si appellava alla modestia e alla cautela'

La Confederazione «crede di avere in pugno la situazione», ma «preferivo quando Berna si appellava alla modestia e alla cautela e si chiedeva di essere responsabili – ha rilevato De Rosa –. Il Consiglio federale è cosciente che la percezione del rischio, con questi allentamenti, si abbassa. A non essere condivisi da De Rosa sono in particolare gli allentamenti riguardo agli assembramenti: «È comprensibile che Berna vada in questa direzione, dal momento che molti cantoni non hanno vissuto la pandemia come noi. Tuttavia avremmo gradito si andasse più lentamente. Ora sta quindi a noi come Cantone chiedere a tutti i cittadini di essere responsabili. Sarà questa a fare la differenza in futuro. Teniamo alta la guardia, proseguiamo nelle misure d'igiene accresciuta e distanziamento sociale e usiamo le mascherine quando non si può tenersi lontani. Ricordiamoci di quanto abbiamo ritenuto essenziale e di quanto ci è apparso subito superfluo». 

Case anziani: 'Si potrà tornare ad abbracciarsi'

Nel frattempo il Cantone sta lavorando a nuove direttive anche per riaprire le case per anziani: «Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra protezione degli anziani ed esigenza di  ridare loro una socialità – ha chiosato De Rosa –. È chiaro che nelle case anziani risiedono persone vulnerabili e devono essere protette, ma anche qui va trovata una normalità. Presto saranno possibili anche le visite in camera e, con le misure di protezione adeguate come il camice e le mascherine, si potrà tornare ad abbracciarsi. È già praticamente pronta una direttiva in questo senso da parte del medico cantonale».

Progressivamente, con piccoli gruppi, «sarà possibile mettere in atto attività di intrattenimento e sarà possibile riprendere la fisioterapia», ha spiegato Merlani. Dall'8 giugno dovrebbero riprendere «anche le visite di parenti e amici. In un primo momento, verranno ampliati i tempi di visita nelle apposite sale. Per quegli ospiti che non possono recarsi in sala visita sarà consentito incontrare iu visitatori in camera . In questo ultimo caso i gruppi ammessi saranno molto ristretti: 1 o 2 persone debitamente protette. In questo contesto saranno di nuovo possibili i contatti fisici». Gli anziani potranno inoltre prevedere soggiorni «a domicilio, anche se in questo caso chi rimarrà lontano di una notte, dovrà osservare un periodo di quarantena».

Adattamento del dispositivo ospedaliero

Da oggi intanto entra in vigore un'ulteriore tappa di adattamento del sistema sanitario ticinese. Sistema che sta lentamente tornando al normale. In particolare, dopo la decisione del governo di ieri, da oggi i posti in cure intense alla Carità e alla Moncucco sono stati ulteriormente diminuiti. «Dal 18 giugno, se la situazione rimarrà stabile, in Ticino verranno mantenuti 15 posti in cure intense dedicati ai pazienti Covid-19, una cinquantina di posti in reparto e alcuni posti in riabilitazione», ha precisato De Rosa. 

Verrà comunque mantenuto un certo grado di prontezza in modo da poter alzare la capacità (a pacchetti di 7 letti alla volta) degli ospedali ticinesi. Verranno per ora mantenute alcune misure, «come la chiusura de pronto soccorso dell'Italiano», ha fatto notare il direttore del Dss. Ripariranno prossimamente i pronto soccorso di Acquarossa e Faido e, da primo luglio, verrà riaperto il reparto di ostetricia alla Carità di Locarno, tolto per permettere di dedicare il nosocomio ai pazienti Covid. Lo stesso succederà, dal 1 agosto, a Mendrisio». Un ritorno alla normalità ospedaliera che, secondo De Rosa, dimostra come non siano fondati alcuni timori relativi a un possibile disimpegno del Cantone da alcuni nosocomi: «A fare stato è la pianificazione ospedaliera in vigore».

Materiale di protezione: per gli operatori sociosanitario ci sarà l'obbligo di averne abbastanza

La pandemia ha messo in evidenza come alcuni operatori non avessero abbastanza riserve di materiale di protezione già ad inizio crisi. Per questo il Cantone sta per emanare nuove direttive che obbligheranno chi opera nel settore sanitario ad avere 4 mesi di materiale di protezione (calcolato sull'uso frequente visto durante la pandemia) in magazzino. Durante i mesi di crisi, a salvare la situazione è stato il magazzino cantonale che «disponeva di materiale ben superiore a quanto raccomandato dalla Confederazione –, ha chiosato De Rosa –. Ciò ha permesso al farmacista cantonale d'intervenire nella distribuzione di materiale, in particolare per nel settore ambulatoriale». Le riserve del Cantone sono nel frattempo state ricostituite, «mentre i cittadini sono invitati a procurarsi le mascherine nei negozi», ha aggiunto il direttore del Dss.

Le multe saranno l'ultima ratio

«Da sabato sarà importantissima l'attività di prossimità della polizia», ha evidenziato Cocchi, riferendosi al passaggio da 5 a 30 del numero massimo di persone in un assembramento. «La presenza della polizia che dovrà diventare una costante anche durante l'estate. Le polizie comunali torneranno quindi a fare il loro compito primario». Le sanzioni saranno «l'estrema ratio», mentre verso i trasgressori si applicherà inizialmente «il dialogo, che ha dimostrato di essere molto efficace». Ringraziando la popolazione per quanto fatto sino a qui, il capo dello Stato maggiore ha rilevato come «se ognuno segue le regole di distanza sociale e igiene accresciuta eviteremo di tornare in una seconda fase di crisi».

Contagi bassi anche grazie alle distanze

Le cifre dei contagi rimane bassa in Ticino «nonostante si continui a testare», ha precisato Merlani che ha pubblicamente rivisto le sue posizioni dopo le critiche di qualche settimana fa sulle riaperture giudicate troppo ravvicinate da perte di Berna: «A ragion veduta la situazione tiene». Intanto il contact tracing in Ticino continua a dimostrare come la popolazione sia mantenga le distanze sociali: per ogni nuovo contagiato si generano in media di 2-4 contatti a rischio. «Fatta eccezione per qualche sciovolone, con qualcuno che ha organizzato una centa con molte persone, il numero di contatti a rischio restano bassi».

Attualmente in Ticino vi sono 18 perone in isolamento e 28 persone in quarantena. Dalla ripresa dell'attività di tracciamento, sono state poste in isolamento 45 persone e 84 sono state poste in quarantena. «Se riprendiamo la vita come prima, il virus continuerà a circolare, mentre se si fa attenzione e, in casi dove non possono essere tenute le distanze, si usa la mascherina, si può convivere con questa nuova realtà», ha commentato il medico cantonale.

Sierologia: già 450 persone testate

Nell'ambito dell'indagine sierologica a campione per capire quanto la popolazione ticinese sia entrata in contatto con il coronavirus, sono già stati effettuati oltre 450 test. Ad aver aderito sono state 900 persone delle 1'500 invitate. Oltre 200 hanno rinunciato mentre 266 non hanno risposto, nonostante il sollecito. «Non chiedetemi i risultati –, ha aggiunto Merlani –. Quando avremo dati significativi, ve li faremo sapere».

Biglietti nominali per le manifestazioni sportive?

Il limite di trecento persone per le manifestazioni pubbliche e private, così come per teatri, discoteche e manifestazioni sportive «effettivamente pone qualche problema in più di controllo», ha commentato Cocchi, aggiungendo che per lo sport «si potrebbe finalmente introdurre il biglietto nominale, che risolverebbe anche altri problemi». Insomma: potrebbe essere una soluzione per mitigare i fenomeni di hooliganismo violento. Nel frattempo si attendono che le associazioni di categoria adottino i piani di protezione in vista delle nuove aperture previste il 6 giugno.

Cosa ci attende con questo virus?

Il coronavirus «ha deciso di rimanere con noi» e dovremo quindi tenercelo, ha chiosato Merlani, aggiungendo che per ora non ci sono studi affidabili che permettono di prevedere se il calo attuale è dovuto anche all'arrivo della stagione calda. «Il trend che osserviamo in Europa parrebbe suggerire che sia così – il che potrebbe essere una brutta notizia perché potrebbe quindi presentarsi un nuovo aumento in autunno –, ma in paesi caldi come il Brasile non si vede questo effetto». Dal punto di vista biologico «il virus può mutare molto rapidamente. Adattandosi all'uomo potrebbe diventare sempre più virulento, ma meno pericoloso. Sono comunque speculazioni».

Leggi anche:

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved