ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
14 ore

Tornato Netanyahu, tornate le stragi

Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior

‘Guerra bbbrutto’

"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior

Soldi finti, pirati veri

Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior

Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?

Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior

Carri armati a mezzanotte

La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior

Le parole della politica (sono importanti)

La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior

La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa

L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior

Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico

Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior

Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata

Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
1 sett

Neutralità tra coerenza e opportunismo

Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
28.05.2020 - 06:30

Coronavirus: ora più liberi, però...

In Ticino attendiamo ancora che venga allentato il lungo isolamento degli anziani nelle case di riposo

di Matteo Caratti
coronavirus-ora-piu-liberi-pero

Dopo la brusca frenata, dettata dall’emergenza sanitaria/Covid, eccoci alla graduale/lenta riconquista delle nostre libertà. Una tappa agognata fatta in particolare dell’ammorbidimento del divieto di assembramento nei luoghi pubblici che sale da 5 a 30 persone; di manifestazioni pubbliche o private ora consentite sino a 300 persone; della luce verde data ai campi di vacanza per bambini e adolescenti e alle competizioni sportive in presenza del pubblico (sino a 300 persone). Bello! L’aria si ossigena. Ma l’impressione è che la gestione del cambio di passo si stia complicando. Prima era più semplice: non si poteva fare quasi nulla! Ora invece, come la mettiamo? La mettiamo che i nuovi limiti numerici di partecipazione, rivisti verso l’alto, e le nuove realtà aperte (campeggi, stadi, campi di vacanze, ristoranti accessibili anche a gruppi...) sono ora frequentabili, tenendo conto di tutto quello che abbiamo appreso convivendo col virus. Quindi con le distanze sociali (se possibile), il rispetto delle norme di igiene (sempre molto raccomandate), la mascherina in certi casi, e, là dove non sarà possibile rispettare le distanze (per es. in discoteca), con la registrazione dei nominativi di chi c’era, per poi poter risalire in caso di contagio alle persone coinvolte.

Insomma, la via tracciata da Berna, in questa fase d’uscita dalla situazione straordinaria, mira (pur con qualche limite) a fare appello alla responsabilità del singolo e dei gestori di una determinata attività o manifestazione, che devono adottare tutte le misure per evitare al massimo i contagi. E se questi dovessero manifestarsi, vanno rintracciate le persone.

Lotta svizzera no, prostituzione sì

Ma nel via libera dato dal Consiglio federale non mancano alcune contraddizioni, perlomeno apparenti, come quella di vietare ancora fino al 6 giugno le competizioni di discipline sportive che comportano un contatto fisico stretto e costante (lotta svizzera, judo, pugilato, danza sportiva di coppia), mentre dal 6 giugno saranno nuovamente consentite le attività nei locali erotici e le offerte della prostituzione. Ma Berset, sollecitato in conferenza stampa, ha spiegato che, vietandola, la prostituzione non è sparita, si è solo nascosta. È ora opportuno farla riemergere e permettere che venga anche monitorata in termini di prevenzione.

Frontiere aperte e chiuse

Aspetto particolare che ci tocca da vicino è stata la dichiarazione della ministra Keller Sutter riferita all’Italia: il 3 di giugno – ha detto con decisione e in italiano – la Svizzera non riaprirà la frontiera con l’Italia. Paese evidentemente sovrano che fa quello che vuole coi suoi confini. Ma noi svizzeri desideriamo compiere il passo, com’è stato possibile farlo con Austria, Germania e Francia, in modo coordinato. Come non darle ragione visto il repentino tentativo di fuga in avanti in solitaria della vicina Penisola e la situazione sanitaria regnante...

E gli anziani?

Un’ultima osservazione su un tema che ha già fatto scorrere fiumi d’inchiostro: alla conferenza stampa, Berset ha detto che i nonni (che per molte settimane hanno fatto parte delle persone vulnerabili assolutamente da salvaguardare) possono ora riprendere la vita sociale e curare i nipotini. Bene. Se così è, qui in Ticino attendiamo ancora che venga allentato il lungo (e opportuno) isolamento degli anziani nelle case di riposo.

Leggi anche:

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved